Rispondi a: The Mayan Calendar Comes North – La Nona Onda

Home Forum SPIRITO The Mayan Calendar Comes North – La Nona Onda Rispondi a: The Mayan Calendar Comes North – La Nona Onda

#47769
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1337249909=maraxma]
http://hw.libsyn.com/p/8/c/9/8c9928cd3bd74d78/Tempodicambiare-07.mp3?sid=675d81dffa1727080f2afc3c5998cc2b&l_sid=36581&l_eid=&l_mid=3010670&expiration=1337199229&hwt=3e3e7dc2e7739a9c2b7cbee5ce832efa

al minuto 49 Italo Cillo intervista Marco Fardin a proposito del calendario maya.
[/quote1337249909]
http://altrogiornale.org/news.php?item.7193.1
Leggende Sacre dell'Albero del Mondo

Il lavoro sconvolgente conosciuto come Hamlet's Mill dei Dott. Giorgio de Santillana ed Hertha von Dechend, ha rivelato che l'”Albero del Mondo” è il singolo concetto prevalente in tutte le antiche mitologie. In Hamlet's Mill hanno associato tutti questi miti con il leggero ondeggiare dell'asse della Terra. Questa leggera ondulazione è conosciuta come “precessione” e gioca un ruolo molto importante nel nostro argomento che tratta di un cambiamento energetico rapido in arrivo sulla Terra in questo tempo. Più avanti nel libro discuteremo la precessione nel dettaglio, come abbiamo anche fatto in The Shift of the Ages. Mentre esiste indubbiamente una connessione tra il movimento dell'asse della Terra e le mitologie dell'Albero del Mondo, in questo capitolo suggeriremo che le nostre interpretazioni eteriche siano anch'esse reali, dato quello che sappiamo sui sistemi energetici toroidali e sferici. Le metafore spesso indicano un collassare dell'Albero del Mondo, interpretato come spostamento dei poli magnetici, ma potrebbe chiaramente coinvolgere un cambiamento massiccio nel campo energetico del Sole...

Per capire appropriatamente il prossimo estratto, dobbiamo introdurre l'informazione già pubblicata in Il Cambio d'Era e ne parleremo ancora in questo libro. L'asse della Terra oscilla mentre ruota, nel corso di 25.920 anni, ciclo conosciuto come precessione. Sembra che i Maya conoscessero molto bene questo ciclo, dato che il Calendario Maya misura un ciclo di tempo che è esattamente 1/5 della precessione, 5.125 anni. Il Calendario Maya ci da anche la data esatta della fine del ciclo corrente, il Solstizio di Inverno del 22 Dicembre 2012. Jenkins è stato uno dei primi a evidenziare il fatto che in questa data esatta, l'asse della Terra si allinea precisamente con un'area scura della Via Lattea, il centro della nostra galassia. Jenkins lo chiama “allineamento solstizio-galassia” e più avanti riveleremo che è davvero una connessione energetica.

Per ora vediamo come Jenkins lega questo con i concetti Maya dell'importanza sacra degli alberi. Il piano orbitale o “eclittica” del nostro Sistema Solare è inclinato a circa 60° con il piano piatto dell'”eclittica” della galassia, non sono paralleli, come molti possono pensare. Ricordiamo che l'eclittica del Sistema Solare è vista nei miti dell'Albero del Mondo come piano della Terra e molti confondono questo come indicazione di una credenza nella teoria della “Terra Piatta”. Una inclinazione di 60° è ovviamente l'angolo dentro un triangolo equilatero e questo suggerisce ancora la connessione tra il nostro piano dell'eclittica e la galassia. Cosa più significativa, nel nostro Sistema Solare uno sciamano vedrebbe un asse sopra e sotto i poli nord e sud del Sole, formato dal campo magnetico solare. Questo asse solare è allineato col piano piatto della Via Lattea, sono fuori linea di circa 30°. In certi sistemi mitologici quindi, le due immagini possono rivelarsi fuse e il lavoro di Jenkins e Linda Schele suggerisce che questo avvenne nella cultura Maya:

IL COME E PERCHE' DELLA DATA MAYA NEL 2012 A.D.

di John Major Jenkins

23 Maggio 1994,

pubblicato in origine nel numero di Dic-Gen '95 di Mountain Astrologer

“…Stiamo ancora cercando di rispondere a queste domande: Cosa c'è di importante nel solstizio d'inverno del 2012 e come sono stati fatti calcoli così precisi, considerando che la precessione dovrebbe renderli troppo difficili? “Se facciamo un oroscopo (astrologico) standard del 21 Dicembre 2012 A.D., non appare nulla di insolito. In questo modo mi stavo allontanado dalla ricerca, quando Linda Schele mi ha dato un indizio nel recente libro Maya Cosmos. Probabilmente la scoperta più eccitante in questo libro è la sua identificazione del significato astronomico dell'Albero Sacro Maya. Attingendo da una enorme quantità di evidenza iconografica e condividendo generosamente il processo con cui è arrivata alla scoperta, l'Albero Sacro diviene il punto di incrocio dell'eclittica con la Via Lattea. “Infatti la Via Lattea sembra giocare un ruolo importante nell'immaginario Maya. Per esempio, un osso inciso dell'ottavo secolo di Tikal, descrive una lunga canoa che contiene varie divinità. Questa è una immagine del cielo notturno e la canoa è la Via Lattea, che scende sotto l'orizzonte con l'arrivo della notte e porta con sè le divinità che rappresentano le costellazioni.

L'incredibile sito Maya di Palenque è pieno di Alberi Sacri dipinti e riferimenti ad eventi astronomici. Nel loro libro Forest of Kings, Schele e Freidel hanno suggerito che l'Albero Sacro si riferisce all'eclittica. Apparentemente questa era solo parte del disegno, dato che l'Albero Sacro col quale Pacal è asceso dopo la morte è più dell'eclittica, è la porta sacra verso il mondo sotterraneo. Il punto di incrocio della Via Lattea con l'eclittica è il passaggio e rappresenta la fonte sacra e l'origine… “Dobbiamo anche ricordare a questo punto che il calendario tzolkin sarebbe nato dall'Albero Sacro. L'Albero Sacro è infatti al centro dell'intero corpo dei Miti della Creazione Maya. Dovrebbo esplorare la natura di questa caratteristica astronomica.

Ancora, possiamo vedere da questa ricerca che l'Albero del Mondo del campo magnetico solare veniva osservato nelle visioni dove si univa con l'Albero del Mondo della Galassia ( di cui parleremo nel prossimo capitolo), formando una relazione quasi perpendicolare tra loro.

15.15 L'ANTICA VISIONE DI ERMETE TRISMEGISTO…
ecc..

2300-2320 Quando gli dei arrivarono, portarono un messaggio mitologico, la cosa più importante che ripetevano continuamente, l'hanno codificato nelle mitologie. Il segreto è il ciclo di 25920 anni della precessione degli equinozi
2320-2340 Perchè insistevano sempre con questo messaggio? Prima esaminiamo come è arrivato, c'erano due storici importanti negli anni '60, Santillana e von Dechend, hanno fatto un lavoro meraviglioso
2340-2400 “Hamlet's Mill” e vedete la Terra con un albero che cresce sopra, nei miti antichi detto Albero del Mondo. Hancock è uno di quelli che illustra quel lavoro
2400-2420 “per qualche inspiegata ragione sembra che certi miti di tutto il mondo siano stati appositamente scelti come veicolo di un corpo complesso di dati che riguardano la precessione degli equinozi.” Include esatti numeri, colori, tanti modi e ripetuti..
..
3000-3020 Il cambiamento interplanetario e genetico che avviene ora, è avvenuto 25000 anni fa e 50000 anni fa..è la pistola fumante, gli dei sapevano di cosa parlavano. L'oscillazione dell'asse terrestre non sembra casuale
3020-3040 ma risultato di un campo di forza che si fa strada e produce torsione sull'asse e la terra si muove attraverso una struttura che le fa impiegare 25920 anni per muoversi in questa energia, che ipotizzo di natura “geometrica”
3040-3100 e questa geometria energetica richiede 25920 anni per essere attraversata, quindi avviene il cambiamento nell'energia. I Padri Fondatori sembra che sapessero tutto questo. Se volete sapere cosa avviene con i cosiddetti Illuminati
http://www.altrogiornale.org/_/forum/forum_viewtopic.php?10546.588#post_118883