Rispondi a: Cos'è il Tempo?

Home Forum SPIRITO Cos'è il Tempo? Rispondi a: Cos'è il Tempo?

#47830
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1313783215=prixi]
[quote1313775992=pasgal]
Si ma Kozyrev è felice?

OK, capiamo cosa è il tempo, cosa è questo e cosa è quello, ma dentro di noi?

Capiamo pure come si crea o come è stato creando il mondo, ma in questo modo impareremo a viverlo senza patimenti? Secondo me no, assolutamente no.

[/quote1313775992]
[quote1313775962=pasgal]
Richard noi possiamo conoscere tutto ma questa è la conoscenza? E' una domanda.

Ossia se domani esce un libro, accettato da tutti, dove viene spiegato per filo e per segno tutto, cambierà qualche cosa in te? Dentro di te?

A me: no.

[/quote1313775962]
E' importante la tua riflessione Pas … :ok!:
Mi sono interrogata a volte, sul come le “informazioni” possano avere un ruolo nella “crescita” degli individui … cioè, come dici tu se il “sapere” può portare “beneficio interiore” …
In senso assoluto, la risposta che potrei dare è NO !
Se la questione resta a senso unico, cioè se l'individuo percepisce dall'esterno informazioni, senza compiere contemporaneamene un “lavoro interiore”, saranno solo un mucchio di “conoscenze” fine a se stesse.

[/quote1313783215]
esatto….

(Kozyrev ha avuto una rivelazione grazie alla sua forte volontà di ricerca e sì, questo rende felici e chiaramente spinge a condividerla, altrimenti ti scoppia dentro..)

Io personalmente mi sforzo di capire e rispondere a delle domande e soprattutto in questo periodo ad una domanda molto pratica: cosa ci serve per trasformare il mondo in un mondo di cui essere abbastanza orgogliosi?
Voglio essere breve, per me Conoscenza (soppressa sotto tanti aspetti) e Energia (davvero abbondante, per tutti e pulita per sostenerci più di 50 anni alla volta..)
Conoscenza sia riguardo le forze della natura da sfruttare per diffondere vita e benessere, che riguardo la nostra identità come umanità e il nostro posto nell'Universo (con le Religioni non si è fatto certo un buon lavoro)

L'umanità deve capire dove porta un certo modo di vivere e la divisione e l'odio e l'ego ecc… e scegliere se cambiare, ma deve conoscere e non far scegliere tutto ad altri che controllano la conoscenza e l'energia, intesa anche come energie vitali delle persone.

Se io (non sono bravo con gli esempi..) mi scontro spesso con una certa persona e penso che sia una brutta persona, ma non conosco la sua storia e i suoi problemi e poi scopro che ha un difetto cerebrale che la porta a comportarsi in un dato modo, allora ho due scelte, nel momento in cui conosco la causa, cercare anche di aiutarla o almeno di accettarla o continuare a disprezzarla e deriderla.

Io personalmente anche tramite i libri e quindi le parole e le esperienze di chi li ha scritti, traggo insegnamenti che cambiano la mia interiorità.
Personalmente l'informazione che ricevo (è molto importante quella che riceviamo da piccoli) e mi ha circondato durante la vita, sotto diverse forme, ha influito sulla mia interiorità e penso che questo sia banale e accada a tutti e sia sempre accaduto all'essere umano.
L'essere umano si è evoluto in base all'informazione e l'esperienza che lo ha circondato nelle varie epoche.
Ora puoi pensare che “se uscisse un libro con tutte le risposte” non ti cambierebbe per nulla.. però non lo sai finchè non lo leggi e magari alcune risposte ti lascerebbero un segno profondo.

Ognuno poi viene segnato di più dal tipo di esperienza o informazione che lo colpisce maggiormente e che può afferrare meglio, mentre altra informazione può sembrargli inutile.
Chi può aiutare il suo prossimo a capire qualcosa di più e ad ampliare la sua consapevolezza allora è bene se ci prova, qualsiasi sia l'argomento…così insieme si esce dal buio.

Sicuramente se vogliamo avere energia per lo sviluppo di tutti servono ben altre fonti del gas, petrolio e carbone da bruciare e se vogliamo andare oltre i confini del pianeta, allora serve molto altro di più…serve una diffusione dell'energia ora tenuta strozzata da pochi pazzi e tutti quelli corrotti e interessati nello stesso gioco, serve condivisione per sopravvivere come umanità.

Stessa cosa per quanto riguarda la filosofia del nostro esistere, dovremo rigenerare le nostre convinzioni e ripulire le menti delle nuove generazioni con una nuova idea della vita e dell'esistenza e del nostro posto nell'universo.
Tramite una rinnovata visione ottenuta da una nuova conoscenza possiamo rigenerare la “mente globale” e la scienza ci sta portando rapidamente in quella nuova direzione per fare un ulteriore balzo avanti, non significa automaticamente il Paradiso…sicuramente la scienza è una via più malleabile che approcciare questo rinnovamento tramite la Religione.

L'essere umano è coscienza e si evolve osservando e interpretando e conoscendo la natura di cui fa parte. Chi vuole dominare sul prossimo a tutti i costi e si chiude nella propria prigione mentale ed egoistica, allora cercherà in tutti i modi di evitare che la conoscenza e la possibilità di applicarla divengano cose alla portata di tanti.
Se l'umanità deve sopravvivere allora deve distruggere questa morsa dell'egoismo e sulla conoscenza di sè e della natura di cui fa parte.