Rispondi a: Free energy

Home Forum MISTERI Free energy Rispondi a: Free energy

#4841
camillo
camillo
Partecipante

Caro Rebel un conto è parlare di motori un altro parlare di dinamo o alternatori.
Io direi che in questo caso il paragone va fatto con le dinamo-alternatori.
Per parlare un linguaggio accessibile ai più, consideriamo la dinamo di una automobile.
Inizialmente era in corrente continua con magneti interni, inoltre volendo corrente continua in uscita le spazzole lavoravano su un contatto posto sul rotore con moltissimi “gradini” che consumavano le spazzole velocemente.

Attualmente si è passati all'alternatore, che avendo solo due contatti circolari senza gradini permette una vita delle spazzole lunghissima (300.000 km) e velocità rotative elevate, circa il doppio del motore.
Ma veniamo al dunque: Questi alternatori HANNO BISOGNO DI UNA CORRENTE INIZIALE DI ECCITAZIONE. In alternativa alcuni tipo di alternatori hanno all'interno un piccolo magnete.

Ora tornando allo schema QEG NON vedo l'eccitazione iniziale. L'unica possibilità e che il residuo di magnetismo ruotando a oltre 2000 giri crei progressivamente forze elettromotrici indotte che poi si amplificano appena riescono ad entrare in risonanza.

Per quel che ne capisco io in quello schema mancano le specifiche e le informazioni su che tipo di carico mettere in uscita. In altre parole avrei piacere di vedere un motore da 10KW posto in uscita.