Rispondi a: Free energy

Home Forum MISTERI Free energy Rispondi a: Free energy

#4849
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1397059850=camillo]
[quote1397054639=Rebel]
[quote1396993407=camillo]
Caro Rebel un conto è parlare di motori un altro parlare di dinamo o alternatori.
Io direi che in questo caso il paragone va fatto con le dinamo-alternatori.
[/quote1396993407]

E allora cerco di farmi capire meglio
Abbiamo una quantità immensa di motori asincroni, trifase e monofase, fatti solo ed esclusivamente di lamierini in ferro dolce, rotore e statore, senza magneti, eppure girano… perchè non dovrebbero funzionare al contrario? Basta anche un 5% di reversibilità, non serve altro.

Ci sono moltissimi esempi di questo, basta cercare in rete …

[/quote1397054639]
Ciao io ho provato a cercare in rete ma non ho trovato il caso di motori asincroni che riescano a produrre elettricità senza ricevere un minimo di tensione. Se per favore mi puoi indicare qualche sito vedrò di comprendere e aggiornarmi. Concordo con te è che un residuo di magnetismo ci può sempre stare, ma vorrei qualche dato certo.
Ciao

Hanno appena pubblicato sul sito di Jervè (Iconicon) James dice questo:
James: “E’ un generatore elettrico il principio è molto fuori dal convenzionale, non c’è nulla che funzioni attualmente sul principio del QEG. Nessun magnete, nessun commutatore…è unico nel suo genere. Funziona per il principio del MULTI-VIBRATOR, come lo si chiamava anni fa. C’è un circuito-serbatoio, lo chiamiamo così, che causa l’induttanza con un’onda che ha un andamento identico a quello degli giri/minuto del rotore e questo crea un piccolo voltaggio nella bobina principale e questo voltaggio comincia a crescere, entra in risonanza e causa degli impulsi ad alto voltaggio e questi impulsi sono trasformati in altri impulsi di corrente ad alta tensione e basso voltaggio. E’ un progetto unico: le risonanze che si generano sono due, una meccanica e una elettrica. In ultima analisi, è il movimento meccanico che genera impulsi di alta tensione e da quel momento in poi, è tutto compito di un trasformatore abbastanza comune. All’inizio si produce un’enorme induttanza che viene eccitata dal movimento meccanico e una volta innescato questo processo, il voltaggio cresce molto rapidamente. E’ il dispositivo più “elettro-meccanico” che io abbia mai visto. E’ tutto basato su una vibrazione meccanica”

[/quote1397059850]
Ho trovato questo documento simpatico

L'energia di punto zero del vuoto quantistico è una fonte interessante di energia sotto analisi da diversi anni. L'autore partecipa in questo da 11 anni, ha fatto verifiche in laboratorio e ha sviluppato una sua teoria della conversione di zpe. Ora la ricerca è sospesa, ma molti chiedono come continuare. Ecco la risposta, un concetto che tutti possono ravvivare.
Presento delle idee per riassumere la ricerca della zpe e definisco domande aperte. Chiaramente non tutti gli aspetti e i dettagli sono visibili, quindi non ci sono piani di finanziamento e risorse. Dopo la teoria, suggerisco la costruzione di un convertitore “elettromeccanico a doppia risonanza” EMDR da me sviluppato come idea e ulteriori indagini sulla zpe.
Devo sottolineare che l'operazione di un motore a zpe ottiene energia dal vuoto quantistico e quindi altera lo spaziotempo quadridimensionale dell'universo.
http://philica.com/display_article.php?article_id=317
Claus W. Turtur

poi vi ripropongo:
https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.8632

“Il trucco è prendere energia dallo spazio direttamente e usarla per mantenere aperta la porta. La realizzazione di un generatore permanente ha avuto successo. L'opinione di un esperto indipendente e diverse credenziali di accademici sono a portata di mano. La cosiddetta “crystal-cell” è un dispositivo simile ad una batteria, che può generare una corrente diretta per un periodo illimitato di tempo, senza emissioni. Praticamente, lo fa dal 1999. Invece di un elettrolita fluido, contiene un silicato solido policristallino. Il silicato prende il ruolo di un convertitore di energia. Il principio funzionale della crystal cell è basato sul fatto che è stato trovato un modo di ottenere una separazione di carica (“apertura della porta”) nel silicato.

Sono combinati diversi effetti fisici per eseguite questo. Un effetto è che: nel silicato un accoppiamento di risonanza nasce tra gli elettroni e una fonte esterna di energia. Questa fonte aggiuntiva di energia aiuta a mantenere aperta la porta (rottura di simmetria) costantemente. Dato che la fonte di energia aggiuntiva è quella del vuoto quantistico, si accede ad una fonte di energia costante che non si esaurisce. L'accoppiamento di risonanza con il vuoto quantistico ora prende il ruolo dei reagenti chimici. La densità attuale di energia della crystal cell è 2mW/kg/23 °C. Con una crystal cell di 300 grammi, si può alimentare un orologio da parete continuamente “