Rispondi a: Indiani d'America

Home Forum SPIRITO Indiani d'America Rispondi a: Indiani d'America

#48650
Pasquale Galasso
Pasquale Galasso
Amministratore del forum

[quote1350058418=GialloKa]
Spero di non aver dato l’idea di voler giustificare i sacrifici umani e animali anche solo in parte. Certe pratiche in alcuni casi(la minoranza, i popoli dediti ai sacrifici umani si contano sulle dita di una sola mano) erano assurde. Mi rendo conto che ho generalizzato troppo e che è normale che si faccia fatica a capire. Mi sarei preoccupato del contrario. Ho solo cercato di contestualizzare in una visione più ampia, ma solo per aiutare a comprendere quel passaggio del video. Probabilmente ho date per scontate, sbagliando, molte cose. Tentare di addentrarsi in certi meandri, anche quelli più atroci, può aiutare a comprendere certi aspetti della vita ma ovviamente non implica come conseguenza naturale l’approvazione o addirittura la tentazione di emulazione di rituali così violenti. Braschi dice semplicemente che non si sente di condannarli, non certo di approvare certe usanze. E io lo capisco. E’ tenendo presente una serie cose e cercando di analizzare con il giusto approccio che si può provare a rispondere alla domanda: come mai popolazioni così rispettose della Vita in tutti i suoi innumerevoli aspetti erano altresì capaci anche di una tale brutale violenza contro i propri simili?

Anche stavolta ho fatto un discorso generale. Va da sé che gli inuit sono diversi dai popoli delle praterie che sono diversi da quelli del Messico o dell’est o della costa ovest, ma erano tutte popolazioni guerriere con, soprattutto spiritualmente parlando, cose in comune. E la conoscenza dei più ‘miti’ può agevolare la comprensione dei più ‘aggressivi’. Ma non certo per giustificarli, né giudicarli. Solo per capire. Almeno dal mio punto di vista.

[/quote1350058418]

No no, sei stato chiarissimo sia prima che ora, infatti quoto come prixi il tuo reply.

Il fatto che alcuni debbano versare il sangue non lo concepisco, come non concepisco millemila altre cose. Questa è la conoscenza, null'altro. Cercare di capire, conoscere, vivere.


CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE