Rispondi a: Free energy

Home Forum MISTERI Free energy Rispondi a: Free energy

#4892
camillo
camillo
Partecipante

Caro Richard,
il fatto è che, a fronte di tutti questi ricercatori, in mano non abbiamo nulla.
Ricordo che quando a Pordenone feci una domanda a Andrea Rossi sulla presunta provenienza dell'energia della fusione fredda, mi rispose:” Ci sono più di cento teorie, e noi sappiamo che con la matematica possiamo fare di tutto e di più…” Affermazione verissima, pertanto a certe formulazioni vien dato più credito da chi ammette di non comprendere le formulazioni matematiche, mentre uno studioso “smaliziato” le guarda con distacco.
Quello che è importante è che rimanga qualcosa di concreto, fattibile, ripetibile.

Io ribadisco che ora che c'è internet, chi ha in mano qualcosa di ripetibile e concreto NON può essere fermato facilmente.

Quindi la teoria del complottismo che impedisce la fuoriuscita di scoperte subita da persone altruistiche che vorrebbero donarla all'umanità, a mio giudizio IN QUESTO MOENTO STORICO va molto ridimensionata.
Per me è vero invece che molti ricercatori hanno avuto scoperte locali nel tempo e nello spazio legate a loro stessi, ma non trasmissibili ad altri soggetti.

Ora con il QEG abbiamo avuto finalmente una parziale ripetibilità riguardo alla risonanza, era ora!
Stiamo a vedere se si arriva alla Over Unity energetica.
Comunque sia il fenomeno della risonanza è già sufficientemente strano e mi auguro che si possa indagare meglio su di esso anche partendo dalla fisica classica. OVVIAMENTE CON PRUDENZA.

Le ultime notizie da Taiwan raccontano che il nuovo avvolgimento è stato fatto aggiungendo strati isolanti, questo però ha modificato i parametri di grandezza dell'avvolgimento. Il risultato è che non riescono più ad ottenere la risonanza, si formano invece scariche tra avvolgimento e toroide di ferro.
Quindi l'apparato QEG sta mostrando una criticità costruttiva notevolissima, mi dicono che sono stati ordinati 200 toroidi con avvolgimento alla fabbrica americana.
Bene! Stiamo a vedere quanta ripetibilità abbiamo sulla risonanza. Poi quante rotture abbiamo e quanti QEG arriveranno alla over unity.
Infine teniamo conto degli “strani fenomeni” o “strane rotture”, che verranno segnalate.