Rispondi a: Sri Aurobindo-Mère e la nuova Coscienza

Home Forum SPIRITO Sri Aurobindo-Mère e la nuova Coscienza Rispondi a: Sri Aurobindo-Mère e la nuova Coscienza

#49066

viandante
Partecipante

IL GUERRIERO E L'ALBA DELLA NUOVA COSCIENZA

Postata da Roberto Maria Sassone

La mente divide, separa, cataloga e, così facendo, crea mille piccole verità o false verità che confondono e rendono la comunicazione una Torre di Babele. Ogni evento, ogni concetto, ogni progetto possono essere visti in modi diametralmente opposti e nello stesso tempo risultare veri.
Noi dipendiamo dalle categorie che abbiamo assimilato dalla famiglia, dalla nazione, dalla cultura, dalla religione e, accecati da esse, combattiamo le piccole guerre meschine rionali o condominiali e le guerre massacranti che portano miseria e disperazione.
La mente è il regno dell'ignoranza perché ormai è talmente condizionata da falsi valori da perdere completamente il senso della proporzione.

Lo scempio che l'uomo sta facendo sulla e della Terra testimonia questa folle realtà. Se L'intelligenza dell'uomo ha prodotto questa catastrofe, l'intelligenza evidentemente non è così intelligente. L'uomo è stupido, miope, incapace di anteporre il bene collettivo al proprio misero tornaconto.
Qui non si tratta di una semplice opinione, che potrebbe essere contestabile, ma è un dato concreto sotto gli occhi di tutti. Non si tratta di un fenomeno nazionale, ma mondiale. La Terra intera è coinvolta.
In maniera esasperata, la logica del denaro e dello sfruttamento divora tutto ciò che riesce ad accaparrare e le folle sono considerate carne da macello.
Stiamo assistendo alla fine di una civiltà.

Ma i segni di un'alba nuova, l'alba della Nuova Coscienza, cominciano ad apparire, attraverso un cambiamento di concezione della vita, dei valori, del senso dell'umanità. Appare una spiritualità concreta, che si volge alla Terra, che non insegue paradisi metafisici ma che include in essa la materia.
È una svolta epocale, simile a ciò che è accaduto in tempi immemori quando i primi antropoidi hanno sviluppato più evolute funzioni cognitive.
L'uomo, così com'è adesso, è obsoleto come lo sono stati i dinosauri nel Cretaceo. La salvezza è in una Coscienza che si sviluppi oltre la mente, in una nuova umanità capace di sentire e vivere l'unità delle coscienze, l'unità con la Terra, l'unità col Divino.
La salvezza è la totale assunzione di responsabilità di ogni individuo che senta di aspirare alla Nuova Coscienza.