Rispondi a: Free energy

Home Forum MISTERI Free energy Rispondi a: Free energy

#4908
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1399492246=camillo]
Caro Richard,
sei estremamente stimolante e vulcanico.
Solo per leggere velocemente il primo link ho impiegato un sacco di tempo.

Le argomentazioni riportate in questo primo link sono interessanti e le condivido, sia la parte che riguarda le sfere di plasma che la Terra in espansione Teoria più accreditata di quanto si pensi, me ne parlò per primo un geologo che insegna all'università di Padova

Nel Link dicono:
Da dove proviene tutta l’acqua dei nostri oceani se all’origine non c’era?” La Terra “cresce” di dimensione attraverso continui incrementi di energia eterica che riceve dal Sole e da altre fonti. Gli stessi processi energetici che incrementano la dimensione della Terra stanno anche creando continuamente nuove molecole come idrogeno e ossigeno nella nostra atmosfera, rendendola così più spessa in densità.

Bravissimi! Stupefacente che si parli di energia eterica.. bene.. bene.

Io cerco di sintetizzare molte cose con schemi semplici, che comunque risultano non sempre digeribili. Tu raccogli un sacco di informazioni da molte fonti in modo da evidenziare come ci siano molte persone ad avere ipotesi alternative valide.

Quasi sempre io mi assumo direttamente la responsabilità di ciò che dico, per un semplice fatto che ho visto e verificato nella mia esperienza due fatti certi: i fenomeni fisici e i fenomeni mentali.

[/quote1399492246]
:K:

Wilcock quindi propone di fare esperimenti in determinati punti del pianeta, il qeg che non funziona bene andrebbe portato dove l'altro funziona.

—–
ora provo a riassumere dei dati

http://translate.google.it/translate?sl=en&tl=it&u=http%3A//www.bibliotecapleyades.net/ciencia/secret_projects/project122.htm
Moray King:

Wheeler http://it.wikipedia.org/wiki/John_Archibald_Wheeler
ha applicato la relativita generale di Einstein all'energia di punto zero nella sua teoria della geometrodinamica http://www.aif.it/index.php?FISICI_5/fisico28.htm
Nella relativita generale il tessuto dello spazio curva in funzione della densita di energia. Quando diviene abbastanza grande, lo spazio si comprime come per formare un buco nero. Questo fa nascere le strutture che Wheeler ha chiamato “wormholes”
I suoi calcoli portano a microscopici canali dell'ordine di 10^-33cm con una densita di energia (equivalente a massa) di 10^94 gr/cm^3 (di cui parla Haramein)
Ne risulta che lo spazio consisterebbe di microscopiche coppie di “mini buchi bianchi e neri” (che irradiano o assorbono) che canalizzano flusso elettrico verso e fuori dalle nostre tre dimensioni.
Questi manifestano dinamiche che possono essere modellate come un plasma turbolento che Wheeler ha chiamato “spuma quantistica”. In questo quadro le particelle elementari sono come bolle o vortici che nascono dalle fluttuazioni dell'energia del vuoto.

Questo è il modello su cui si basa anche Haramein, ma anche Hoagland https://www.altrogiornale.org/news.php?item.8127 che si concentra sulla questione iperdimensionale come fonte dell'energia che crea la nostra realtà e influenzabile dalla coscienza, ecc..

Moray qui precisa:

http://www.halexandria.org/dward154.htm
La zpe puo essere modellata come flusso elettrico ortogonale alle nostre tre dimensioni. Con la vibrazione di questo flusso, si genera un componentge del campo elettrico nel nostro spazio, creando “mini buchi neri e bianchi” (entrate e uscite di flusso=. Questa attivita caotica di questo processo iperdimensionale fa nascere le fluttuazioni di punto zero nello spazio 3d”.
Questa zpe è a volte detta “polarizzazione del vuoto”. In questa visione, le dimensioni extra non sono essenziale caratteristica (ma non sono precluse). La natura del vuoto è sotto indagine.

Erol Torun collaboratore di Hoagland:
https://translate.google.it/translate?sl=en&tl=it&js=y&prev=_t&hl=it&ie=UTF-8&u=http%3A%2F%2Fwww.meru.org%2FAdvisors%2FTorun%2Fcmplethr.html&edit-text=

“Gli investigatori cercano di interagire con questo iperdimensionale “etere” avranno probabilmente bisogno di stabilire un certo tipo di sistema risonante. Ci sono stati una serie di proposte interessanti per fare questo, e il più promettente tra i quali produrrebbero oscillazioni di ioni in un plasma. Moray B. King descrive gli ioni positivi in un plasma come in grado di “polarizzazione” il vuoto, cioè, che istituisce le linee coerenti di punto zero flusso di energia direttamente dal iperspazio dove l'energia di punto zero risiede.”

Concetto di propulsione a risonanza di campo
https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7937

lo spaziotempo è una “proiezione” di uno spazio dimensionale superiore come un ologramma è una proiezione di un sottogruppo della nostra realtà spazio-temporale.
L'esistenza di uno spazio dimensionale superiore aprirebbe nuove possibilità del viaggio spaziale, dato che le connessioni tra i punti dello spaziotempo in questo iperspazio coinvolgerebbero leggi molto diverse da quelle così limitanti dello spaziotempo. Per esempio, se ogni punto dello spaziotempo può essere ritenuto unico e se esiste una relazione tra i campi gravitazionali ed elettromagnetici, allora ogni punto dello spaziotempo definito da una forma geometrica (metrica di Einstein) dovrebbe avere una risonanza naturale con certe onde elettro-idromagnetiche (forme geometriche), che sono armoniche superiori o inferiori di questo punto dello spaziotempo (che è una proiezione dello spazio dimensionale superiore).

Wilcock:
http://centroufologicotaranto.wordpress.com/2009/05/01/archivio-governativo-canadese-gli-ufos-sono-probabilmente-di-origine-extraterrestre/
W.B.Smith ha lavorato in Canada nel Ministero della Difesa, sull' unico programma ufficiale per lo studio della griglia gobale. Venne detto, “Project Magnet”, l' idea che ci sia questa griglia energetica sulla Terra, linee che si incrociano. Ascoltando la testimonianza di Dan Burisch, parla di stargates naturali. Si trovano nei punti in cui si intersecano le linee. Formano nodi. Un nodo è un punto di incrocio dimensionale. Abbiamo due geometrie controrotanti sulla Terra. Una che rimane piuttosto stabile e determina la forma dei continenti e un' altra che non vediamo e contro-ruota; ad un certo punto i nodi si incrociano. Se questi nodi si incrociano e abbiamo anche un allineamento planetario favorevole, otteniamo questo rilascio di energia tra spazio-tempo e tempo-spazio.

Il Triangolo delle Bermuda è uno stargate naturale. Se le grigli si sovrappongono, i nodi si connettono e l' allineamento è corretto, allora si finisce per attraversare questo vortice ed uscire dalla nostra realtà. La ragione per cui tutto questo è importante, è che il 2012 rappresenta un vortice attivo in tutta la Terra. Questo ho concluso dalla ricerca. Tutte le persone sulla Terra, a parte quelle sul percorso negativo, detto Servizio al Sè, quasi tutti sulla Terra entreranno in questo vortice, qualcosa di estatico; non si tratta di un evento spaventoso o terrificante. E' simile a quando avviene “la caduta”. Tutto il pianeta entrerà in questo. https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.3377

https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.673
Ricordiamo che nel modello quantico di Johnson, l’atomo è in realtà composto di campi di energia contro-rotazionale. Affinché un atomo o una molecola diventi stabile, la geometria deve mescolarsi in una formazione bilanciata. Similmente, possiamo osservare nei due ultimi stadi del modello del dr. Spilhaus sulla espansione terrestre che ci sono sempre due geometrie coinvolte; abbiamo la combinazione di cubo con ottaedro e la combinazione di icosaedro con dodecaedro. Anche il primo stadio dell’espansione terrestre, che ha visto coinvolto il tetraedro, può in realtà aver visto incorporato anche l’ottaedro, dal momento che l’ottaedro è in relazione diretta con il tetraedro, come abbiamo visto nel capitolo precedente.

Basandosi sul modello di Johnson, appare che l’icosaedro e il dodecaedro visti nella Griglia siano di fatto campi energetici opposti che hanno raggiunto uno stato di armonia obbligata, nella stessa esatta maniera in cui, nel regno quantico, si crea un composto molecolare. Crediamo che lo stress creato da queste forze di contro-rotazione sia la vera causa della rotazione anti-oraria della Terra intorno al proprio asse. In tal caso, mentre le due forme geometriche sono obbligate insieme, la geometria che ruota in senso anti-orario ha una forza di rotazione leggermente più forte della geometria che ruota in senso orario, e questo fa sì che la Terra ruoti in direzione anti-oraria.

Così, le prove disponibili suggeriscono che la Terra abbia effettivamente una griglia energetica globale che è stata ben compresa e utilizzata dalle civiltà antiche. Il fatto chiave che analizzeremo nel resto di questa sezione include i fenomeni che avvengono lungo le linee e i nodi di questa griglia. Sebbene questa informazione non sia pubblicamente riconosciuta, nondimeno essa è assai reale ed abbondantemente documentata nei nostri volumi precedenti e in molte altre fonti. Per i non addetti, ci concentreremo sui dodici punti equidistanti (vertici) dell’icosaedro attualmente visibile sulla superficie terrestre, introdurremo una lista di proprietà anomale estratte dal lavoro di Richard Pasichnyk.

http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_CambioEra_12.htm
La popolare opera di Sanderson ha certamente messo in moto l’interesse di tutto il mondo. Il problema è stato rapidamente raccolto e affrontato da un gruppo di tre scienziati russi: Nikolai Goncharov, uno storico moscovita, Vyacheslav Morozov, un ingegnere edile e Valery Makarov, uno specialista di elettronica. Questi tre scienziati hanno lavorato direttamente sulla ricerca di Sanderson, e i dodici punti dell’icosaedro sono stati posizionati quasi esattamente negli stessi luoghi. Ma questi scienziati hanno anche aggiunto altri 50 punti, sovrapponendo alla Griglia anche un dodecaedro. I loro risultati hanno prodotto la mappa seguente, stampata per la prima volta nel popolare giornale scientifico Sovietico Khimivai Zhizn (ovvero Chimica e Vita), riprodotta in Anti-Gravity and the World Grid….

….
In altre parole, possiamo vedere ancora una volta un’analogia molto diretta con l’ “unità di coscienza” nella cellula; un processo di divisione con otto stadi in sette intervalli. Anche il sistema nervoso umano, come spiega Lawlor nel suo libro, ci mostra questa struttura in ottava. Ora, possiamo vedere la controparte della Griglia per questo, che avviene attraverso la geometria iperdimensionale che è basata sull’ottava.

Quindi, vi sterete chiedendo, cosa significa tutto questo? Perchè è importante se c’è uno schema ad ottava nella mitosi cellulare o nel sistema nervoso umano? Possiamo riguardare i capitoli precedenti e vedere tutte le prove. Fonti come le Letture di Cayce ed il Ra Material ci dicono che viviamo in un universo a otto dimensioni basato sull’ottava. Abbiamo poi osservato il mondo della moderna e rivoluzionaria “teoria delle superstringhe” e scoperto che con un leggero adattamento, hanno scoperto entrambi la stessa cosa. Le “funzioni modulari” di ispirazione divina di Srinivasa Ramanujan sono tutte basate sull’ottava.

Abbiamo citato numerose opere spirituali che ci dicono che l’Uno ha avuto origine come Pura Luce Bianca, e si è frammentato nell’ottava o spettro di frequenze o dimensioni. Ogni intervallo discreto rappresentava un diverso aspetto di questa Interezza. Sappiamo fondamentalmente per intuizione, così come da fonti come il Ra Material, che la Natura ci fornirà metafore fisiche per spiegare il metafisico. Osservate la struttura della conchiglia marina e la sua rappresentazione della spirale φ, per esempio. Anche nel libro di Lawlor Sacred Geometry, possiamo vedere numerosi esempi di Scienziati Rinascimentali che evidenziano chiare relazioni tra questi rapporti armonici e le proporzioni del corpo umano. Continuando ad esplorare questi argomenti, possiamo vedere davvero quale trascendentale significato abbia in realtà il corpo umano, nel proprio disegno. O, come si usa dire, “L’Uomo è la misura di tutte le cose.”

Ora possiamo vedere che la divisione cellulare è un altro esempio naturale di questi sacri principi matematici basati sull’ottava che si manifestano nell’universo fisico. La cellula originale rappresenta la sfera, o la prima nota dell’ottava. Ci sono sette stadi, o frequenze, che provocano la formazione della divisione cellulare. Poi, allo stadio finale, l’ottavo, abbiamo ormai due cellule, e la divisione è completa: è emersa di nuovo la forma originale, solo che ora ha prodotto una copia precisa di se stessa.

Questo è simile anche alla struttura ad ottava dell’atomo, in cui ogni elettrone rilasciato spinge l’atomo attraverso diversi stadi di isotopo. Una volta infranta la soglia dell’ “ottava”, l’atomo si trasforma nell’elemento successivo della Tavola Periodica. In altre parole, questo processo di espansione energetica, che emerge dal cuore centrale, o nucleo, o Sole, produce un’evoluzione nella vera forma della sua intera struttura. Questo è il modo in cui operano le unità di coscienza, siano esse a scala sub-microscopica, atomica, cellulare, planetaria o addirittura del Sistema Solare.

Sappiamo che anche il sistema della geometria delle CU è armonico e basato sull’ottava, e così vediamo emergere le forme Platoniche nei minerali, nelle organizzazioni cellulari di un zigote in via di sviluppo, e nelle stesse griglie planetarie. Questi numeri si manifestano quando misuriamo le vibrazioni delle frequenze sonore nell’aria. Pertanto, quando nei prossimi capitoli vedremo questi stessi numeri di frequenza per le CU che compaiono nel Grande Ciclo delle Macchie Solari, possiamo vedere che nel nostro Sistema Solare avviene una divisione ed una crescita simile in quanto parte di questo fondamentale, interconnesso sistema di energie. Questa, ancora una volta, è un’altra ragione per guardare perché qui sulla Terra ci stiamo dirigendo tanto velocemente verso un salto dimensionale spontaneo, ovvero il Più Grande Momento di Tutti i Tempi.