Rispondi a: Che cos'è il male?

Home Forum SPIRITO Che cos'è il male? Rispondi a: Che cos'è il male?

#49388

Omega
Partecipante

[quote1403360565=Nuzzi]
Molta della filosofia, molte religioni e oggi la scienza, ci dicono quello che è buono separandolo dal cattivo, quello che è vero separandolo dal falso, quello che è giusto dall'ingiusto e così via.
Ma è realmente così?
[/quote1403360565]
Teoricamente non abbiamo bisogno che qualcuno ce lo dica (scienza, religione, società), tuttavia ben vengano i consigli perché alcuni di noi forse potrebbero beneficiarne.

[quote1403360565=Nuzzi]
Possiamo noi dire che una cosa è sempre buona? O sempre vera? o sempre giusta?
[/quote1403360565]
Spesso dipende dal contesto.

[quote1403360565=Nuzzi]
Essere ricchi è meglio di essere poveri?
[/quote1403360565]
No per molti, si per pochi. I “molti” si sarebbero rovinati con i soldi, i “pochi” il denaro l'avrebbero distribuito equamente a chi ne ha bisogno veramente.

[quote1403360565=qualcuno]
mi hanno detto cos'è il bene e mi basta farlo.
[/quote1403360565]
Ecco, la maggioranza preferisce una falsa spiritualità priva di esperienza diretta e fatta di regole o risposte preconfezionate.

[quote1403360565=Nuzzi]
Ma chi ha stabilito quale dovessere essere il bene? Stainer?, Reich?, Gesù?, Budda?, Maometto? Dio? Krishna? Confucio? Lao Tzu?
E se tutti questi descrivo il bene ASSOLUTO, com'è che le loro visioni sono così diverse e in molte parti contraddittorie?
[/quote1403360565]
Al tempo di Cristo, era giusto essere Cristiani. Al tempo di Buddha, era giusto essere Buddhisti. Al tempo di Muhammad, era giusto essere Musulmani. Al tempo di Rael è giusto essere Raeliani. Il messaggio “celeste” o cosmico cambia un po', perché cambiano le condizioni di vita e la nostra capacità di comprensione.

[quote1403360565=Nuzzi]
Come fanno persone che descrivono una cosa oggettiva a darne descrizioni così differenti e soprattutto contraddittorie?
[/quote1403360565]
Per me la spiritualità non è seguire le regole altrui (per di più passivamente) per saper o “imparare” a vivere ma utilizzare le indicazioni di chi è più saggio di me per raggiungere [u]autonomamente[/u] un buon livello di coscienza, quindi vivere secondo le indicazioni della Coscienza che Io Sono, senza interferenze esterne.

I profeti e maestri non fanno altro che prendere spunto dal contesto dove sono inseriti per illustrare come vivere più felici e in modo più responsabile in QUEL particolare contesto. Il quale logicamente cambia di epoca in epoca e di luogo in luogo.

La parola meditare tra l'altro significa esercitarsi. L'uomo si esercita per conoscersi. Ma finché non si ri-Conosce definitivamente, tende ad aderire all'ordine costituito.

[quote1403360565=Nuzzi]
Quante volte nella storia noi bolliamo come malvagi i comportamenti di persone che erano al tempo dei fatti, straconvinte di fare del bene?
[/quote1403360565]
E' molto frequente. Del resto innumerevoli volte gli uomini hanno compiuto il male in buona fede e in nome del bene. L'errore che si ripete ancora oggi poiché non basta l'intenzione, occorre vedere quali sono gli effetti a lungo termine sulla Natura e sull'Uomo, delle nostre azioni o non-azioni, pensieri e non-pensieri.