Rispondi a: Che cos'è il male?

Home Forum SPIRITO Che cos'è il male? Rispondi a: Che cos'è il male?

#49398

Omega
Partecipante

[quote1403789186=orsoinpiedi]
Credo che il male assoluto sia “la distruzione”,il bene assoluto sia “la creazione”
[/quote1403789186]
Se la variabile “bene” è la felicità di un punto di riferimento e la variabile “male” la sua infelicità;
Se il male è l'assenza del bene;
Inoltre se la felicità è possibile quando non danneggi l'ambiente circostante;
Allora la creazione diventa un bene soltanto quando viene creato qualcosa che si armonizza con il Tutto e che permette agli Elementi costituenti di Gioire di esistere.
Di conseguenza, non ogni creazione è necessariamente il bene, tanto meno assoluto.
La distruzione invece fa parte integrante della creazione di esseri coscienti come noi ovvero auto-programmabili poiché la libertà di vivere come desideri ti permette di fare anche scelte sbagliate che generano sofferenza e che potrebbero portarti a cercare il sollievo nel nulla, nella morte, nella distruzione appunto.

[quote1403790844=Nuzzi]
se non esiste niente di assoluto, non lo è neppure la frase che ho appena detto[/quote1403790844]
Le definizioni sono relative ad un contesto preciso, le leggi della fisica non sono uguali ovunque, ed ovviamente le nostre deduzioni e opinioni non possono essere considerate come certezze.

[quote1403790844=Nuzzi]
E se ipotizzo che è sempre vero che non esiste niente di assoluto, non sto forse ipotizzando l'esistenza di una assoluto?[/quote1403790844]
In effetti la parola “sempre” qui sarebbe fuoriluogo. Se l'universo in quanto non assoluto né statico ma dinamico si “evolve” (cambia), forse un giorno sarà totalmente diverso.

[quote1403790844=Nuzzi]
“Vedi, l'inutilità dell'albero è proprio il motivo del perchè è ancora vivo”.[/quote1403790844]
E' cambiata la prospettiva, il punto di osservazione.

[quote1403790844=Nuzzi]
Quindi occhio anche a considerare l'inutilità o il mal funzionamento come un male.
[/quote1403790844]
Senza dubbio, in questo caso la nuova priorità dell' “albero” diventa: vita, al posto della vecchia priorità: la qualità della vita. Ma l'aspetto esteriore non è vincolante perciò nel mio esempio il mal funzionamento si riferisce in particolar modo al crimine, alla malattia mentale del crimine, tra l'altro contagiosa. Anche nella spiritualità la morte del (falso) io precede la rinascita interiore.