Rispondi a: La dieta vegetariana non è soltanto sana ma anche più sicura.

Home Forum SALUTE La dieta vegetariana non è soltanto sana ma anche più sicura. Rispondi a: La dieta vegetariana non è soltanto sana ma anche più sicura.

#50470
sphinx
sphinx
Partecipante

.Presto in tavola hamburger “allevati” in provetta

.Usando le staminali di maiale, ricercatori olandesi hanno creato in laboratorio carne potenzialmente commestibile e promettono: «Entro sei mesi avremo la prima salsiccia»
Sei mesi ancora e il sogno – o l’incubo – raccontato in decine di storie di fantascienza potrebbe essere realtà. Dai laboratori della Maastricht University potrebbero infatti presto uscire salsicce e hamburger prodotti con carne “allevata” in laboratorio partendo da cellule staminali.

Niente più animali allevati in cattività e uccisi, niente più inquinamento dovuto al settore zootecnico che produce più emissioni di gas serra dei trasporti e, soprattutto, carne a buon mercato per sfamare la popolazione mondiale. Su quest’ultimo aspetto, in realtà, i ricercatori per ora sono cauti: al momento servirebbero circa 250 mila euro per produrre un hamburger. Ma se la produzione decollasse e si riuscissero a identificare tecniche per la produzione su larga scala i costi si ridurrebbero drasticamente.

Vedremo… Gli esperimenti condotti dai ricercatori olandesi, finora, sono riusciti a produrre, partendo da cellule staminali di maiale “nutrite” con siero estratto da feti di cavallo, delle striscioline di carne lunghe due centimetri e mezzo e larghe meno di uno. Inoltre l’aspetto non è dei migliori: hanno un colore grigiastro che non ricorda per niente la carne. Ha questo colore «perché non c’è sangue in essa e il contenuto di mioglobina è molto basso», ha spiegato il coordinatore della ricerca sulla carne in provetta, Mark Post. «Stiamo cercando di aumentare il contenuto di mioglobina per darle colore. Spero che riusciremo ad avere un hamburger entro un anno», ha aggiunto.

Certo, c’è da chiedersi quale sia il sapore della carne da laboratorio. Finora nessuno l’ha assaggiata. Ma anche su questo i ricercatori sono fiduciosi: un team di esperti dell’Università di Amsterdam sta lavorando alla messa a punto di un mangime che fornisca alle staminali tutto quello di cui hanno bisogno per crescere. Occorrerà tempo. E forse non si arriverà mai a un risultato concreto.

Intanto, però, è concreta la preoccupazione espressa da più parti.

Dalla Coldiretti arriva un messaggio chiaro: «No alla salsiccia in provetta».

L’associazione degli agricoltori ha ricordato che «tre italiani su quattro sono preoccupati dall’applicazione di nuove tecnologie ai prodotti alimentari che hanno portato per ultimo alla produzione di carne artificiale in laboratorio». E inoltre, «come hanno dimostrato le esperienze del passato a partire dalla mucca pazza (Bse), le innovazioni in un settore come quello alimentare particolarmente esposto ai rischi per la salute deve percorrere la strada della naturalità e della sicurezza ma soprattutto deve confrontarsi con i rilevanti problemi di natura etica che pongono le nuove tecniche», mette in guardia la Codiretti.

http://www.focussalute.it

Dal punto di vista animalista è una bella notizia.. !lol
Mi hanno chiesto a volte se tornerei a consumare cadaveri, se la carne fosse prodotta in laboratorio.
Naturalmente no. 🙁
Ma per chi ancora consuma questo genere di alimentazione, la proporrei…credo che alla fine sia più controllata,rispetto a tutte le nefandezze che combinano negli allevamenti. :scare: e non mi riferisco all'aspetto etico, ma igienico.

Credo che un bel piatto di verdura sia meglio…molto meglio.

:bay: