Rispondi a: pi greco e la base 12

Home Forum MISTERI pi greco e la base 12 Rispondi a: pi greco e la base 12

#5067

ezechiele
Partecipante

[quote1225406170=Mr.Rouge]
Ti rispondo io ezechiele… 😉
colore – intervallo lun. d'onda – intervallo freq.
[color=#ff0000]rosso – ~ 700–630 nm – ~ 430–480 THz[/color]
[color=#ff9900]arancione – ~ 630–590 nm – ~ 480–510 THz[/color]
[color=#ffff00]giallo – ~ 590–560 nm – ~ 510–540 THz[/color]
[color=#00ff00]verde – ~ 560–490 nm – ~ 540–610 THz[/color]
[color=#0000ff]blu – ~ 490–450 nm – ~ 610–670 THz[/color]
[color=#9900ff]viola – ~ 450–400 nm – ~ 670–750 THz[/color]

[color=#9999ff]L'indaco starebbe tra il blu e il viola.[/color]

questi sono i colori (con le loro sfumature) che percepiamo e a cui diamo un nome. :sagg:

[/quote1225406170]

grazie, vi dico la mia, sui colori visibili….

premetto che quel poco che ho studiato di colori si rifa alla teoria di itten che riporto in calce in una retrospettiva non mia per maggiore chiarezza,

concordo con ben sul fatto che i colori siano infiniti, per la parte visibile per “farli tutti” ne bastano 3 (la cui la tricromia degli schermi e la quadricromia per la stampa)

La Teoria del Colore di Küppers

Retrospettiva critica sulla Teoria del Colore di Itten

Il cerchio cromatico di Itten

Purtroppo in molti tipi di scuola si insegna ancora oggi secondo i principi di Itten, diffondendo in questo modo conoscenze non corrette. Iniziamo con la critica relativa al cerchio cromatico rappresentato nell'illustrazione:

L'ordinamento naturale dei colori cromatici puri è la disposizione lineare in funzione delle lunghezze d'onda dello spettro. La rappresentazione dei Colori di Base cromatici in un cerchio si oppone a quest'ordinamento naturale, secondo cui vi sono esclusivamente collegamenti a linea retta (cfr.: Esagono dei diversi Tipi di Cromaticità).

I tre Colori di Base denominati secondo Itten Giallo, Rosso e Blu, che formano un triangolo all'interno del cerchio, in realtà non sono affatto Colori di Base. Si tratta piuttosto di colori ottenuti tramite mescolanza, di colori secondari. Il Blu di Itten è una mescolanza dei Colori di Base Blu Cyan e Blu Violetto, il Rosso di Itten è una mescolanza dei Colori di Base Rosso Magenta e Rosso Arancio. Il Giallo di Itten si avvicina maggiormente al Colore di Base Giallo, ma è anch'esso una mescolanza del Colore di Base Giallo con un tocco del Colore di Base Rosso Arancio.

I tre colori di Itten Arancio, Verde e Violetto, che completano nel suo schema il triangolo interno, rendendolo un esagono, contrariamente a quanto viene affermato, non sono stati creati dalla mescolanza di due colori, che Itten ritiene Colori di Base. Nel libro “Kunst der Farbe” (Arte del Colore), infatti, essi sono stampati a parte in un supplemento. Soltanto l'Arancio può venire riprodotto a grandi linee dai due colori di Itten Giallo e Rosso. Se si mescolano il suo Rosso ed il suo Blu si ottiene un Marrone con un tocco di Lilla. E la mescolanza del suo Blu e del suo Giallo porta ad un Verde oliva. E' assolutamente impossibile ottenere dalla mescolanza di questi tre colori un Nero. Nel migliore dei casi si ottiene un Grigio scuro.

E' altrettanto impossibile mescolare dalle sue coppie di colori contrari (complementari) un Grigio neutro, come Itten sostiene. Come risultati si ottengono solo dei colori terziari cromatici.

Il cerchio cromatico di Itten non è completo. Alcuni colori puri cromatici mancano completamente. Il Colore di Base cromatico Rosso Magenta non vi appare. Lo stesso dicasi per i Colori di Base cromatici Blu Violetto, Blu Cyan e Verde, che sono rappresentati soltanto in modo molto approssimativo. Anche il Giallo ed il Rosso Arancio lasciano desiderare in quanto ad esattezza.

Nello schema di Itten mancano completamente i due Colori di Base acromatici Bianco e Nero, colori che hanno la stessa importanza e gli stessi diritti degli altri. L'esposizione di questo schema su fondo bianco rappresenta inoltre un grave errore didattico. Lo sfondo ottimale per uno schema deve essere di un colore Grigio medio, affinché i Colori di Base acromatici Bianco e Nero appaiano veramente come tali.

E' anche assurdo definire i Colori di Base Nero e Bianco “Non-colori”, come Itten propone. Nel loro caso si tratta di Colori di Base dello stesso valore e con gli stessi diritti degli altri, ma ovviamente acromatici. Tali colori sono assolutamente indispensabili per un sistema di ordinamento logico di tutti i colori. Ci si stupisce che il pittore Itten ignorasse questi fatti, visto che 150 anni prima di lui il pittore Philipp Otto Runge li aveva spiegati in modo dettagliato e rappresentati chiaramente nelle sue pubblicazioni.

fonte
http://www.ipsi.fraunhofer.de/Kueppersfarbe/it/theorie41.html