Rispondi a: Clonazione umana.

Home Forum SALUTE Clonazione umana. Rispondi a: Clonazione umana.

#52166

Omega
Partecipante

[quote1225015953=mesKalito]Omega,scusa se non ho letto tutti i tuoi post :hehe: ma ti chiedo, cosa pensi della coscienza alla morte del corpo fisico?
[/quote1225015953]
Per me la coscienza inferiore (o ordinaria) è quello che ci fa dire “io sono Marco”, o “ed io Francesco”. Ma questa capacità non fa dell'umano il vero Essere umano. Per ridiventare tale, l'uomo dovrebbe riattivare i Centri superiori della Coscienza (i quali gli Antichi chiamarono “lo Spirito”), allora sì, l'umano può dire “Io Sono” – Essendo. Ciò richiede un Percorso specifico (rigorosamente interiore) nelle profondità dell'Essere – da riscoprire e riconoscere in quanto tale. Viaggiando dentro di se, l'umano (se di buona Volontà), nonostante innumerevoli ostacoli raggiunge la Conoscenza di se (“Conosci Te stesso, e Conoscerai l'Universo”), la Conoscenza della vera identità “distruggendo” il mito del falso Io/ Ego (“inferiore”).

Come fa ? Ci sono quattro strade principali percorribili (solitamemnte incompatibili fra loro, ma non necessariamente). Una è quella del contatto col Divino, l'altra è l'interazione con l'Archetipo Genetico (secondo gli Antichi: “l'Anima”), la terza è quella della Logica e Razionalità, la quarta è l'altruismo, la continua Esperienza tra la gente reale con finalità di dare l'aiuto disinteressato e l'accoglienza verso il Prossimo e il cosiddetto “diverso”. Le quattro vie si compenetrano, hanno componenti simili ma sono anche molto diverse, ognuno sceglie la più adatta alla propria “personalità”. Tutte e quattro strade portano al medesimo risultato, al “Risveglio Spirituale” – ammesso però di percorrere almeno una di esse fino in FONDO senza saltare nessun gradino. E' importante la qualità non la quantità delle Esperienze – bastano poche ma buone, poiché non bisogna appesantire troppo il processo della Trasformazione.

Ebbene una volta raggiunto l'obiettivo suddetto, l'Essere umano è come se aprisse improvvisamente una Finestra (segreta e nascosta al Volgo) la quale fu sempre tenuta chiusa per il timore di oltrepassare il cosiddetto “limite umano” (che non esiste), la quale Apertura a 360° permette all'Essere umano di avere una Chiara Visione della Realtà senza più illusioni mentali né distorsioni percettive. E' il saper Vivere e cogliere continuamente l'attimo fuggente, l'Eterno presente, senza particolare sforzo “materiale”. L'umano ha necessità Archetipica di collocarsi in uno Spazio – Tempo non limitato ma infinito ed eterno, appunto (ossia… corrispondente alla VERA Realtà, che è Eterna ed Infinita), ma non riesce fino a che resta servo della mente illusoria.

Questo processo (apparentemente estremamente complesso) dagli Antichi fu creduto “mistico” e “magico” – in mancanza di Comprensione Scientifica del Pianeta e dell'Universo, ma per me non ha misteri, tutto quello che ho spiegato si trova nella Coscienza la quale a sua volta fa parte del cervello Biologico. L'Avventura Terrestre degli umani viene registrata nel “Computer Causale” o “Centrale” – Cosmico (questo, secondo l'interpretazione di “Vita Universale” di Wurzburg) o nelle macchine degli Elohim (… qui, secondo l'interpretazione Raeliana), per questo motivo fu detto che l'anima “non muore”. In realtà l'anima (etomologicamente: “Ciò che anima” l'organismo, dunque il DNA) si trova anche nelle ossa e dalle ossa il Codice Genetico può essere estratto dopo millenni; inoltre la “copia” (quindi solo il potenziale…) dell'Essere si trova già “nei Cieli” pronta per essere utilizzata come base di partenza per la 3° rinascita.

Al momento della morte il piano cellulare di un umano può essere prelevato a distanza, dal Cielo, per questo motivo fu detto che l'anima “si invola verso il Creatore” per ritornare nella Patria Celeste. E' vero, in parte, ma l'anima non è un essere autonomo, è solo l'impronta dell'Essere (un concetto importanta da comprendere). E' stato dimostrato che il DNA umano irradia onde elettromagnetiche, dunque corrisponde quanto detto nelle Scritture e nelle rivelazioni recenti. Quando si dice nell'Apocalisse che lassù le “anime” attendono la Resurrezione dei Corpi, ci si riferisce precisamente a quello – le anime sono Codici dei Terrestri in attesa del loro “momento” per riprendere la (vera) vita, ossia di avere (nuovamente) un Corpo (perfetto, stavolta) e Regnare con il Cristo (o il Padre) sia sulla Terra che nei Cieli.

In conclusione, la Coscienza superiore (lo “Spirito”) e il D.N.A. (“l'Anima”) vengono trasferiti sia durante la Vita che nell'istante della Morte “nei Cieli”, dove vengono registrati o “memorizzati”, il che permette la Vita Eterna per i Giusti – ma di per se né la coscienza né il DNA (quindi né lo spirito né l'anima) hanno la capacità di sopravvivere alla morte. Quando i grandi Mistici dicevano che l'Essenza dell'uomo è immortale (non importa come l'hanno chiamata, perché le nostre parole non contano), secondo me Essi si riferivano al procedimento suddetto – solo che o non volevano o non potevano spiegarlo Scientificamente con termini tecnici di quest'Epoca. I 21 grammi che perde ogni Essere umano nell'istante della morte è Energia necessaria in ogni “entità biologica”, ma questa energia si disperde nell'Ambiente perdendo ogni propria Identità. Non è lo spirito né l'anima “immortale”. Se la Scienza (il Padre) non interviene, dopo la Morte non c'è niente, perché “Polvere sei, e Polvere ritornerai” poiché anima e spirito sono “potenzialmente immortali”, ma non sono “realmente immortali”.

[quote1225015998=mudilas]Secondo il mio modesto parere se l'uomo fosse meno egocentrico si accorgerebbe che la vita continua di già.
muore l'ego, ma le nostre azioni continuano negli altri
E quindi occorre stare attenti alle azioni che si compiono.
[/quote1225015998]
E' vero che continuano negli altri, ma la Bibbia afferma cose diverse.

E' vero, uno può rinnegare la Bibbia, ma se il Padre desidera realmente la nostra “salvezza” completa (Spirito e Corpo) ? I mistici parlavano di UNITA', non della SEPARAZIONE.

e persino il corpo morto che deperisce, nutre la terra da cui nasceranno fiori e frutti.

E' vero anche questo, ma uno potrebbe contemporaneamente sia essere il nutrimento per i Fiori, che rinascere, una cosa non esclude l'altra.

e uno, può certamente dire che non gliene frega nulla se la vita continua, ma che lui, proprio lui, vuole continuare a vivere, con il suo bell'ego.

… Oppure, … potrebbe rinascere senza l'Ego. Non sarebbe straordinario rinascere senza l'Ego ?

non sarò certo io ad oppormi alla probabile e non certa fase 3 della clonazione umana; non sarò certo io che vieterò alle persone di proporsi come cavie.

mi limito a ragionare e non a vietare.

mi opporrò però se per raggiungere “l'eternità”, giustificheranno la sofferenza e il dolore.
come si suol dire il fine….

Il Fine non giustifica mai i mezzi. Anzi, secondo me la sofferenza è peggio della morte.

[quote1225016036=Pyriel]E chi può conoscere il Cuore di un Angelo se non il Padre?
[/quote1225016036]
Il Padre conosce il Cuore di un Angelo.

Ma il Padre non obbliga nessun Essere a Partecipare nel Progetto della Restaurazione.

Un Angelo può dirsi soddisfatto se ha Amato.

Il Padre no, deve agire per Ristrutturare quanto è caduto, e ritrovare quanto si è perso..

Ecco la differenza tra “un Angelo” ed il Padre (compresi i “suoi Figli”,

che si son prestati ad aiutarLo).

[quote1225016446=PRHOTEUS]salute Mr.rouge
certamente é come dici la mia era solo un'ipotesi che a volte mi passa per la testa non é che ci creda io stesso e forse meglio cosi , ma supponiamo che é cosi forse é per questo che ci stanno impiegando tutti questi secoli per arrivare ai loro fini visto che comunque l'essere umano contrasta sempre le pianificazioni globali , e questo ci avvicina al cosi detto nuovo ordine mondiale o globalizzazione che vogliono pianificare
[/quote1225016446]
La mia Opinone… è che attualmente esistono due “N.W.O.” paralleli, uno positivo l'altro negativo. Uno gestito dal Padre Celeste (con “nessuna” visibilità mediatica sulla Terra) e l'altro gestito da Bush & Co., con la massima visibilità mediatica sulla Terra – per confondere le acque e non far vedere alle popolazioni quello vero. Esattamente come nelle scritture il “demonio” è la brutta copia di “Dio” (sono simboli), anche Bush vuole diventrare il Nuovo Dio dei Terrestri, tenterà di esprimersi “da Dio”, ma agirà da “demonio”: parlerà di Pace, Libertà e Sicurezza, ma farà la Guerra, tornerà la Schiavitù per legge e cercherà di togliere (far estinguere) lo Spirito, la Coscienza superiore alla Razza umana.

E' tutto già deciso e Programmato.

e che purtroppo non riescono a instaurare , almeno per ora vista la nuova crisi finanziaria .

Questa crisi finanziaria fa parte del progetto, fanno finta di “spaventarsi” ma l'hanno prevista e progettata loro per permettere ai Militari di instaurare il coprifuoco indicriminato per tutti i cittadini. Tutte queste emergenze sono un inganno nel senso che essendo provocate appositamente risultano “fittizie”.

ma il domani comincio a vederlo buio

Per vedere una speranza, basta rivolgersi nell'interno, lasciando perdere il mondo esteriore – che sta cadendo a pezzi, che è il “loro” mondo, non è il “nostro” mondo… E' la fine della loro illusione cicappina.

[quote1225031561=Mr.Rouge]Secondo la mia visione dell'evoluzione umana questo ha poco senso: un Maestro spirituale ha ragionevolmente raggiunto un tale grado di coscienza da superare le barriere della mera vita di terza dimensione.
[/quote1225031561]
Se esistono altre dimensioni, sono d'accordo.

Ma se queste “altre dimensioni” sono un simbolo, la rappresentazione della nostra interiorità ?

A quel punto, i maestri con la loro “Morte” terrestre si sarebbero estinti (per sempre).

Non sarebbe un “peccato” ? Ovvero… un Errore, lasciarli nella Polvere ? Chi sa ?

… I maestri, avendo risolto i (propri) “problemi esistenziali” sulla Terra (il Trascendere la mente convenzionale e la fine del Pensiero logico-discorsivo) e non avendo più alcun legame Karmico (negativo) con il passato, non hanno realmente bisogno di esistere ancora – ma ciò non toglie che gli farebbe immensamente piacere rivivere.

Non per soffrire, ma per esprimere altro Amore (in effetti perché limitare gli Esseri nel tempo e nello spazio ?).

Nel Buddhismo viene detto che l'illuminazione interrompe il ciclo di rinascite.

Ora, questo concetto ha almeno due possibili interpretazioni: una riguarda l'individuo, l'altra l'Umanità.

Nel caso dell'individuo, potrebbe significare che la rinascita per colpa non è la stessa cosa della rinascita (che sia fisica o simbolica) per merito – anzi, queste sono chiaramente in antitesi. L'inconsapevole (ammesso che esista la reincarnazione) dovrebbe rinascere sulla Terra (ad esempio) perché incapace di sostenere lo sguardo del Giudice Supremo Amorevole ma ugualmente molto “Severo” (quindi non potrebbe mai esistere in Cielo, e nemmeno “semplicemente morire”), se prima non ha sistemato i legami Karmici con quanti ha fatto soffrire e con il proprio Essere non riconosciuto, mentre uno Consapevole se mai dovesse rinascere dopo la sua “Morte”, tornerebbe nei Cieli (o comunque in una Civiltà Evoluta), ovvero la sua rinascita (per merito e benedizione) avverrebbe nel Paradiso, come un dono da parte del Cosmo, non per pagare gli Errori (che non ha commesso).

Infatti, quando il Buddhismo parla di questo ciclo (e di come “sfuggirne”), si riferisce ESCLUSIVAMENTE agli inconsapevoli – quindi “colpevoli” (ma non nel senso “Cattolico” del termine). Non per caso, Yeshua ha Mashiach (il Cristo) disse: “Non sono venuto per i Giusti”. Ovvio, essendo logicamente venuto per i soli “malati”. L'inconsapevolezza può eventualmente essere considerata come una malattia spirituale (peché no ?), poiché un cervello/ Spirito/ Coscienza che non funziona “correttamente” (dove la mente esteriore copre la visuale allo Spirito o Coscienza superiore) non può dirsi sano. Se lo Spirito (o la Coscienza superiore) deve guidare il Corpo ossia l'essere umano, è evidente che uno Spirito malato (o non illuminato dall'Amore incondizionato) non può e non sa fare bene il proprio lavoro di Guida interiore, per cui farà precipitare sia l'uomo che l'Umanità in un burrone. Di conseguenza senza la Trasformazione interiore non solo non si ha il diritto alla Vita Eterna ma nemmeno alla Conoscenza. In effetti uno Spirito non-sano fa ammalare il corpo e fa morire l'individuo dunque non permette nemmeno la “Vita terrena”.

Nei Vangeli (“buona novella”) Cristiani viene specificato che l'Uomo non può rinascere nei Cieli (la 3° Rinascita, dunque), se prima non rinasce sulla Terra (la 2° Rinascita) il che indica un ordine preciso degli Eventi da seguire (l'Archetipo) e la necessità della Trasformazione Interiore come una priorità assoluta per i “candidati all'immortalità”. Sulla Terra l'uomo doveva fare la sua parte (il Rinnovamento della “mente” secondo la Perfezione del Padre), mentre nei Cieli Dio doveva fare la propria parte (la Resurrezione dei nostri Corpi, dalla corruttibilità alla incorruttibilità) in modo da essere Trasformati sia interiormente (sulla Terra) che esteriormente (nei Cieli) ottenendo l'unità “Gnostica” del Corpo-Spirito. Questa totalità e questa integrità che ne derivano ci fanno “Dèi”, Figli del Creatore e simili al Creatore, degni Eredi del Padre che ha promesso molte “benedizioni” (doni gratuiti) ai Giusti.

Quanto descritto, era vero durante tutta la storia dell'Umanità, si parla di millenni – l'uomo poteva benissimo compiere la suddetta trasformazione interiore con o senza scienza poiché la trasformazione interiore non dipende dall'esterno e dal gruppo ma soltanto della buona Volontà dell'Individuo. Oggi però l'uomo avendo ritrovato la Scienza del Padre, può (volendo) comprendere razionalmente sia il processo interiore nella Coscienza o Spirito, che la “Resurrezione dei Corpi” promessa nelle Scritture (secondo me: Clonazione Umana fase 3°). A questo punto, l'Essere umano, se non è “un Dormiente” ma sfrutta al 100% le proprie facoltà psicofisiche mentali e soprattutto Spirituali, potrebbe compiere entrambe (le Trasformazioni): partendo sempre da quella interiore. Non oggi ma nel futuro prossimo e con l'espressa Autorizzazione del Padre.

Il concetto buddhista nel caso dell'Umanità (Terrestre e non) nel suo insieme vuol dire che ad ogni bivio che si presenta davanti a noi, a intervalli regolari, la società umana può scegliere se passare ad un livello successivo di Civilizzazione (Cosmica) il quale richiede una certa preparazione, intelligenza, saggezza – oppure dever subìre la distruzione la quale li farebbe tornare (gli umani) indietro quindi dovrebbero ricominciare a (ri)costruire la “nuova” Civiltà da capo. Questo perché il Cosmo non permette la nascita di una Civiltà molto evoluta partendo da fondamenti errati (l'esteriorità e lo scientismo cicappino deleterio). Purtroppo alcuni buddhisti non hanno chiaro il concetto del “ciclo” e “delle rinascite”, per forza i “non-buddhisti” poi fanno fatica a capire e seguire il discorso.

[quote1225016446]Va da se che se ad un certo punto della sua esistenza su altri piani più consoni al suo livello, esso venisse richiamato sul nostro credo che non ne sarebbe felice! Magari non si infurierebbe incenerendo tutti gli Scienziati che si troverebbe intorno al momento della rinascita, ma solo perchè è un Maestro
[/quote1225016446]
Esatto, da non confondere la clonazione parziale – riproduttiva (fase 1) e la clonazione integrale o Vita Eterna (fase 3). Attualmente la nostra scienza può fare la prima, ma non la seconda (e io parlavo solo della seconda). La vera clonazione (la seconda) la scopriremo quando diventeremo una Civiltà abbastanza evoluta (anche con la Partecipazione del Padre Celeste il quale -in determinate circostanze- ci ha promesso il suo aiuto tangibile). Per cui, quando ciò avverrà, l'umanità terrestre sarà molto diversa da questa attuale. Ad esempio non ci saranno Guerre, niente fame, inquinamento, denaro, il business del Potere, lo scientismo etc. Sarà un “Paradiso Terrestre” a immagine e somiglianza di quello originale “nei Cieli”. E' stato scritto: “Come in Cielo così in Terra; Venga il Tuo Regno”…

[quote1225016446]Potrebbe. Ma secondo me per lungo tempo e per varie volte dalla sua venuta su questo pianeta, l'uomo ha ricercato questa rivelazione, senza mai giungerci ed autodistuggendosi (per esempio Atlantide) ad un metro dal “traguardo”, costringendosi karmicamente a ricominciare daccapo. Al momento non siamo sulla strada giusta di nuovo, ma questa volta sembra non essere interamente farina del nostro sacco… prima la chiesa, poi gli illuminati e il NWO ci hanno fatto virare verso la falsa scienza che oggi impera. Proprio perchè giungere ad una Vera Scienza è arduo già di per se.
[/quote1225016446]
Ma il compito dei Giusti non è quello di scoraggiarsi davanti all'inganno della falsa scienza (altrimenti quanto “giusti” sarebbero, se avessero paura dell'Avversario battibile ?); il compito dei Giusti è indicare alla gente la DIFFERENZA tra la vera Scienza e la falsa scienza e non fare di tutta l'erba un fascio (è quello che vuole il N.W.O., farci credere che siamo già perduti e che la differenza tra la vera Scienza e la falsa scienza non c'è, sapendo benissimo che la soluzione a tutti i problemi dell'umanità è proprio nella VERA Scienza). Molti sono caduti nella trappola del NWO perché gli hanno fatto credere (con gran successo) quello che volevano loro – per far tornare l'Uomo nell'oscurantismo – nel qual contesto il “Dividi et Impera” funziona meglio e di più.

[quote1225016446]Su questo hai perfettamente ragione! Io alla fine mi baso su quello che il mio Cuore mi dice, che il mio cervello deduce, che la mia anima lascia riaffiorare dalla Fonte…si tratta di quella cosa personale ed unica per ognuno che è la Fede. Io credo in quello che dico, non è che lo so.

Alla fine direi che il concetto di scienza a me suona molto “umano”, come quello di tempo, del resto. La Vera Scienza per me è quella che produce benessere e libera l'uomo dalla schiavitù del pensiero rivolto sempre alla sopravvivenza, che come negli animali genera egoismo, diffidenza, paura. Tutte cose leggermente in antitesi con l'evoluzione spirtuale!
[/quote1225016446]
Purtroppo la gente (le maggioranze che non pensano con la propria testa) non può sapere esattamente cos'è la vera Scienza, poiché i media covenzionali (di partito) non ne hanno mai parlato. La vera Scienza libera l'uomo da ogni genere di schiavitù senza imporgli niente – ma solo offrendo nuove possibilità perfettamente armonizzate nella Natura e il Cosmo. Tutto il resto è l'inganno e falsa scienza.

A coloro che sono contro ogni genere di Scienza, vorrei fare una domanda: forse essi credono che gli uomini sono Animali ? Gli Animali sono felici (“anche”) senza la Scienza perché hanno una Mente senza la capacità di Auto-programmazione. Se gli Animali rinunciano alla Scienza, non gli succede niente (né in bene, né in male) poiché la loro natura non prevede la Ricerca, ma se l'Umanità rinuncia alla (vera) Scienza regredisce, poi a “lungo termine” si auto-distrugge (ovviamente Opinione personalissima, ma ne sono convinto).

[quote1225016446]Nessuno al momento sa chi fisicamente abbia creato l'uomo e l'albero,
[/quote1225016446]
Ecco, appunto – facciamo solo ipotesi.

[quote1225016446]Il sistema che ha trovato è la riproduzione. Passaggio di dati e memorie attraverso il DNA. L'uomo (forse immeritatamente) invece sfrutta queste capacità per evolversi in modo appunto “artificiale”, cercando fuori e non dentro di se le proprie risorse.
[/quote1225016446]
Sì. Anche la riproduzione naturale presenta (?) i stessi “problemi” della Clonazione:

Quanti bambini–>adulti umani sono nati potenzialmente perfetti, ma poi sono diventati delinquenti, Criminali, egoisti, drogati e dipendenti dagli idoli di diverso genere, infelici (seppur molti economicamente ricchi), poveri e limitatissimi dentro… ? Secondo le statistica: la maggioranza.

Tutti questi “esseri” o “anime” – secondo la chiesa cattolica – vanno poi a riempire l'inferno (tra i lamenti e torture) mentre secondo altre correnti del pensiero questi sarebbero “i perduti” e “schiavi per sempre”, infatti li raggiunge la Morte Spirituale Eterna.

Non è un bello spettacolo, giusto ?

Quanti umani Sono ? Quanti si sono Ri-Conosciuti in quanto Esseri (con la e maiuscola) ? Veramente pochissimi.

Dobbiamo vietare la “riproduzione naturale” perché ha prodotto questo “orrore” della “massa incosciente e spiritualmente ignorante”, simbolicamente parlando ?

Non ho nulla contro di loro, il mio è un Amore incondizionato verso tutto e tutti, ma è giusto menzionarli come esempio. Per far riflettere.

Si dice (falsamente, secondo me): “il Clone non sarà perfetto”. Forse l'uomo “naturale” è perfetto ? Quanti crimini compie ogni giorno eppure non è un clone, è NATURALE!

Io comunque parlavo dei “Risvegliati” (i “Buddha” allo stesso livello di Siddharta e anche molto superiori al livello di Siddharta – dopo la sua illuminazione Terrestre). Soltanto questi “Buddha” saprebbero gestire la Vita Eterna in qualunque forma essa sia, sia mistica che tecnologica. Gli altri si sono (auto)esclusi, per la questione della Giustizia Cosmica.