Rispondi a: Clonazione umana.

Home Forum SALUTE Clonazione umana. Rispondi a: Clonazione umana.

#52186

Omega
Partecipante

[quote1225095267=Pyriel]
E sia, ogni albero che il Padre non ha piantato sia sradicato.
[/quote1225095267]
13 L'anno seicentouno della vita di Noè, il primo mese, il primo giorno del mese, le acque si erano prosciugate sulla terra; Noè tolse la copertura dell'arca ed ecco la superficie del suolo era asciutta. 14 Nel secondo mese, il ventisette del mese, tutta la terra fu asciutta.
15 [color=#0099ff]Dio ordinò[/color] a Noè: 16 «Esci dall'arca tu e tua moglie, i tuoi figli e le mogli dei tuoi figli con te. 17 Tutti gli animali d'ogni specie che hai con te, uccelli, bestiame e tutti i rettili che strisciano sulla terra, falli uscire con te, perché possano diffondersi sulla terra, siano fecondi e si moltiplichino su di essa».
18 Noè uscì con i figli, la moglie e le mogli dei figli. 19 Tutti i viventi e tutto il bestiame e tutti gli uccelli e tutti i rettili che strisciano sulla terra, secondo la loro specie, uscirono dall'arca. 20 Allora Noè edificò un altare al Signore; prese ogni sorta di animali mondi e di uccelli mondi e offrì olocausti sull'altare. 21 [color=#0099ff]Il Signore[/color] ne odorò la soave fragranza e [color=#0099ff]pensò[/color]: «Non maledirò più il suolo a causa dell'uomo, perché l'istinto del cuore umano è incline al male fin dalla adolescenza; né colpirò più ogni essere vivente come ho fatto.
22 Finché durerà la terra,
seme e messe,
freddo e caldo,
estate e inverno,
giorno e notte
non cesseranno».
1 Dio benedisse Noè e i suoi figli e disse loro: «Siate fecondi e moltiplicatevi e riempite la terra. 2 Il timore e il terrore di voi sia in tutte le bestie selvatiche e in tutto il bestiame e in tutti gli uccelli del cielo. Quanto striscia sul suolo e tutti i pesci del mare sono messi in vostro potere. 3 Quanto si muove e ha vita vi servirà di cibo: vi do tutto questo, come già le verdi erbe. 4 Soltanto non mangerete la carne con la sua vita, cioè il suo sangue. 5 Del sangue vostro anzi, ossia della vostra vita, io domanderò conto; ne domanderò conto ad ogni essere vivente e domanderò conto della vita dell'uomo all'uomo, a ognuno di suo fratello.
6 Chi sparge il sangue dell'uomo
dall'uomo il suo sangue sarà sparso,
perché ad immagine di Dio
Egli ha fatto l'uomo
.
7 E voi, siate fecondi e moltiplicatevi,
siate numerosi sulla terra e dominatela».
8 [color=#0099ff]Dio disse[/color] a Noè e ai sui figli con lui: 9 «Quanto a me, ecco io stabilisco la mia alleanza con i vostri discendenti dopo di voi; 10 con ogni essere vivente che è con voi, uccelli, bestiame e bestie selvatiche, con tutti gli animali che sono usciti dall'arca. 11 Io stabilisco la mia alleanza con voi: non sarà più distrutto nessun vivente dalle acque del diluvio, né più il diluvio devasterà la terra».
12 Dio disse:
«Questo è il segno dell'alleanza,
che [color=#0099ff]io pongo[/color]
tra me e voi
e tra ogni essere vivente
che è con voi
per le generazioni eterne.
13 Il [color=#0099ff]mio[/color] arco pongo sulle nubi
ed esso sarà il segno dell'alleanza
tra me e la terra.
14 Quando radunerò
le nubi sulla terra
e apparirà l'arco sulle nubi
15 ricorderò la mia alleanza
che è tra me e voi
e tra ogni essere che vive in ogni carne
e noi ci saranno più le acque
per il diluvio, per distruggere ogni carne
.
16 L'arco sarà sulle nubi
e io lo guarderò per ricordare l'alleanza eterna
tra Dio e ogni essere che vive in ogni carne
che è sulla terra
».
17 Disse Dio a Noè: «Questo è il segno dell'alleanza che io ho stabilito tra me e ogni carne che è sulla terra».
18 I figli di Noè che uscirono dall'arca furono Sem, Cam e Iafet; Cam è il padre di Canaan. 19 Questi tre sono i figli di Noè e da questi fu popolata tutta la terra.
28 Noè visse, dopo il diluvio, trecentocinquanta anni. 29 L'intera vita di Noè fu di novecentocinquanta anni, poi morì.
. . . . . . . . . . . .

Aggiungo che, se Dio dovesse sradicare tutti gli Alberi non piantati da Lui, dovrebbe distruggere tutta l'Umanità un altra volta. Forse, dico forse – Dio cercherà di “aiutare” (Giudicare) la Sua amata Creatura in altro modo, come già detto ricostruendo, ristrutturando, sostituendo, riparando etc..

Considerando il fatto che l'umanità è già stata modificata geneticamente molto prima della nostra scoperta del DNA, (l'auto avvelenamento chimico, biologico, psichico e quello spirituale) soltanto l'ingegneria genetica – quando viene autorizzata – (la Scienza Perfetta del Padre) potrà restituire all'Essere umano la sua Genetica Originale, il Codice Genetico tale e quale è stato fabbricato dal Padre nella Notte dei Tempi.

. . . Se non si interviene sia sulla Coscienza – Spirito che sulla Genetica, la struttura e “Materia”, l'uomo resterà avvelenato e “modificato” per sempre, quindi lontano dall'Essere. Ed allora, sì, che avverrà un altro Diluvio Universale, non più provocato da Dio, ma dall'uomo… che non ha voluto la Trasformazione totale, quella spirituale, quella psicofisica e quella genetica, per ridiventare ciò che Era e che doveva Essere – poiché l'uomo con la sua genetica deviata, la mente manipolata e lo Spirito annullato (come quello attuale) teoricamente non potrà sopravvivere.
. . . . . . . . . . . .

[color=#0099ff]PS[/color]1. “L'arco sulle nubi” secondo l'interpretazione di Giorgio Dibitonto è la nave spaziale del Padre.

[color=#0099ff]PS[/color]2. “Chi sparge il sangue dell'uomo dall'uomo il suo sangue sarà sparso, perché ad immagine di Dio Egli ha fatto l'uomo” – indica chiaramente che l'uomo “naturale” (essendo stato assassino …) si è già auto-modificato ed avvelenato secoli e millenni prima della invenzione della Scienza, e solo la (vera) Scienza potrà farlo tornare integro – in tutti i sensi – poiché anche la Spiritualità è ugualmente un ramo della Scienza.

[color=#0099ff]PS[/color]3. Se Noè ha potuto vivere novecentocinquanta anni, è perché il Padre ha intervenuto nella Genetica dei Patriarchi e primi uomini, dunque non può essere (il Padre) contrario all'ingegneria genetica se è stato Lui il primo nella Storia ad averla utilizzata, sia per la creazione che per la longevità di alcuni Giusti di quei Tempi.