Rispondi a: i rischi di mangiare carne

Home Forum SALUTE i rischi di mangiare carne Rispondi a: i rischi di mangiare carne

#53142

meskalito
Partecipante

Riporto un commento riassuntivo da un altro sito

Il terzo Reich è duro a morire! Gli ashkenazi che governano Israele tramite una etnocrazia degna del peggior apartheid non sono ebrei. Gli ashkenazi o ashkenaziti sono probabilmente una miscela di etnie formatasi nel crogiolo tra Kiev e il caucaso che secondo Arthur Koestler, un novellista ebreo discendono dai Khazari, ma più probabilmente sono una mescolanza di sumeri, magiari, unni, avari, ungro-finnici, turchi, uiguri. Inutile dire che vi sono ben poche affinità col popolo ebraico (quello originario della zona del Giordano). Queste etnie compresse tra il Sacro Romano Impero e l’impero Bizantino attorno al 740 d.C. si convertirono alla fede giudaica differenziandosi così dai cristiani del Sacro Romano Impero e i mussulmani dell’Impero Bizantino. Poi dalla Polonia e Russia, verso il diciassettesimo secolo, anche a causa dei massacri dei cosacchi, ebbero un altro esodo verso l’Ungheria, la Boemia, la Romania e la Germania. Più che Khazari sono anche i Tatari e quelli che furono ebrei si chiamano Karaiti in Lituania (corrente scismatica ebraica, VIII sec). Gli ebrei sefarditi (quelli veri) dalla Spagna migrarono verso l'europa centrale, ma fu una emigrazione ben più contenuta di quella ashkenazi, la maggior parte degli ebrei sefarditi, infatti si stabilì in Marocco. Ebbene, sono gli ashkenazi che comandano in Israele, alla faccia del popolo eletto che sarebbe quello degli ebrei sefarditi arabi (Yeminiti, Irakeni, Palestinesi, Etiopi). Sono quelli che hanno finanziato il nazismo (vedi Rotshild, Falk, ecc…), ne sono parzialmente stati travolti (non come i poveri cristi che lo hanno subito fino alle estreme conseguenze), poi lo hanno esportato in Israele e negli USA, dove, come si può ben constatare, ha avuto una florida rinascita. Ora i se dicenti ebrei (ashkenazi) sono in numero preponderante rispetto agli ebrei originali, che hanno sempre convissuto pacificamente con i popoli dei vari paesi che li hanno ospitati dopo la diaspora. Ora, grazie ai crimini di guerra e contro l'umanità dei quali si sono macchiati i sionisti (che non devono essere identificati col popolo ebraico), tutto il popolo ebreo viene ritenuto responsabile. Non è così, anche se la colpa di una grossa parte della popolazione di Israele è quella di essere cieca all'evidenza, comunque sono in buona compagnia. Anche noi in Italia se siamo ridotti come siamo ridotti, lo dobbiamo alla nostra cecità e anche noi, nel nostro piccolo, siamo o siamo stati responsabili di crimini di guerra in Afganistan e in Iraq e chissà in quante altre parti del mondo con i nostri militari. Sarebbe auspicabile che la tempesta perfetta che si sta preparando (crisi finanziaria, energetica e sopratutto ambientale) riesca a conferire alle cose la giusta prospettiva e la rivoluzione che ne seguirà (bisognerà cambiare tutti inostri comportamenti per sopravvivere) spazzi via definitivamente dai posti decisionali i criminali attualmente insediati.

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=5400

Aggiungo che secondo le stime di rainews24 la percentuale di veri ebrei è solo del 20% contro l'80% degli ashkenazi.

Fate un pò voi.