Rispondi a: MMS – diossido di cloro – il più potente agente antimicrobico conosciuto dall'uomo

Home Forum SALUTE MMS – diossido di cloro – il più potente agente antimicrobico conosciuto dall'uomo Rispondi a: MMS – diossido di cloro – il più potente agente antimicrobico conosciuto dall'uomo

#54580

meskalito
Partecipante

[link=hyperlink urlhttp://www.lenntech.com/italiano/FAQ-clo2.htm]http://www.lenntech.com/italiano/FAQ-clo2.htm
[/link]

wiki

Diossido di cloro
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Caratteristiche generali
Massa molecolare (u) ClO2
Peso formula (u) 67.45
Aspetto gas giallo pallido – rosso
Numero CAS 10049-04-4
Densità (g/l, in c.s.) 1,6 kg/L (a 0 °C, liquido)
Solubilità in acqua 8 g/L
Temperatura di fusione (K) 214 (−59 °C)
Temperatura di ebollizione (K) 284 (11 °C)
Tensione di vapore (Pa) a 293 K 101000
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol-1) 104.60 kJ/mol
Indicazioni di sicurezza
TLV (ppm) 0.1 ppm
Simboli di rischio chimico

Molto tossico. Comburente. Pericoloso in ambiente. Esplosivo.

Il diossido di cloro è un gas di colore giallo-verde pallido con formula chimica ClO2. Cristallizza a −59 °C in cristalli arancioni. Come molti altri ossidi di cloro, è un potente ossidante ed è utilizzato nel candaggiamento e nel trattamento delle acque per la disinfezione.

Il composto viene utilizzato principalmente (più del 95%) nello sbiancamento della cellulosa e della farina e nel trattamento delle acque.

Nel 1956 a Bruxelles viene sostituito il cloro con il biossido nel trattamento delle acque. Adesso viene usato come ossidante finale nella potabilizzazione. Rispetto al più economico ipoclorito, non produce trialometani per reazione con i fenoli derivanti dalla decomposizione degli acidi umici; viene inoltre diminuita la formazione di bromati.
Il diossido di cloro ha un'azione disinfettante migliore del cloro in acque a pH neutro, riesce a controllare meglio i batteri della legionella e diversi virus, ed è anche meno corrosivo. L'unico inconveniente è la produzione di cloriti.

È anche utilizzato nella disinfezione dell'aria; fu ad esempio l'agente chimico principale impiegato nelle minacce di contaminazione con antrace del 2001 negli Stati Uniti. Recentemente, dopo l'uragano Katrina a New Orleans, il diossido di cloro è stato usato per disinfettare la pericolosa melma che inondò le case.

In Malawi e Uganda, oltre che Guyana, pare venga usato per os per la cura della malaria con successo attorno al 100%. In queste applicazioni sono state notate miglioramenti in molte malattie, con aneddoti di guarigione da influenza e persino i tumori(!) (dal sito di http://www.vitalchimia.org) che può darsi abbia una ragione dalle ultime ricerche pubblicate su Nature, ossia che i microbionti possono causare i tumori. Nature Reviews Microbiology 7, 99-109 (February 2009) | doi :10.1038/nrmicro2070 Pyroptosis: host cell death and inflammation Tessa Bergsbaken, Susan L. Fink & Brad T. Cookson http://www.nature.com/nrmicro/journal/v7/n2/abs/nrmicro2070.html?lang=en

In laboratorio, questo ossido è preparato dall'ossidazione del clorito di sodio:

2 NaClO2 + Cl2 → 2 ClO2 + 2 NaCl

Oltre il 95% del diossido di cloro è prodotto dal clorato di sodio.

È prodotto con grande efficienza riducendo il clorato di sodio in una soluzione a pH molto basso con un agente riducente, quale l'acido cloridrico o l'anidride solforica. La reazione tra il clorato di sodio e l'acido cloridrico è illustrata di seguito:

HClO3 + HCl → HClO2 + HClO
HClO3 + HClO2 → 2 ClO2 + Cl2 + 2 H2O
HOCl + HCl → Cl2 + H2O

Una parte più piccola di diossido di cloro è utilizzata come disinfettante. Può essere anche prodotta dall'elettrolisi di una soluzione di clorito:

2 NaClO2 + 2 H2O → 2 ClO2 + 2 NaOH + H2

In alternativa, si può produrre in laboratorio riscaldando una miscela di clorato di potassio e acido ossalico:

2 KClO3 + H2C2O4 → 2 ClO2 + K2CO3 + CO2 + H2O

http://it.wikipedia.org/wiki/Diossido_di_cloro