Rispondi a: RIFIUTI TOSSICI

Home Forum SALUTE RIFIUTI TOSSICI Rispondi a: RIFIUTI TOSSICI

#55121

marì
Bloccato

Il reportage. A bordo della Mare Oceano che effettuerà i monitoraggi I bracci meccanici verranno spostati con un joy stick per rimuovere le incrostazioni

Rotta verso la nave dei veleni
“In 3 giorni sveleremo il mistero”

La verità arriverà venerdì quando le telecamere del robot faranno luce sul relitto della Kunsky
dal nostro inviato PAOLO GRISERI


Il robot che scandaglierà il relitto

A Bordo della Mare Oceano – La verità arriverà venerdì quando il “Rov” avrà compiuto la sua discesa e le tre telecamere collegate al robot subacqueo illumineranno lo scafo di Cetraro, il luogo del relitto. Nel container rosso issato sul ponte con le insegne della Hallin di Aberdeen, i tecnici inglesi dirigeranno con un joy stick i bracci meccanici per provare a rimuovere le incrostazioni e capire se quella affondata al largo della Calabria è davvero la Kunsky, una delle navi dei veleni di cui ha parlato cinque anni fa il pentito di n'drangheta Francesco Fonti. Quello stesso Fonti che in questi giorni ha chiesto nuovamente la protezione dello Stato dopo che un onorevole leghista, Gianni Fava, ha sbadatamente rivelato ai quotidiani di Mantova il luogo in cui il pentito era andato a vivere. A bordo della Mare Oceano le polemiche e la tensione di una vigilia per molti aspetti incerta sembrano rimanere sulla terraferma. Andrea Fienga è il responsabile della missione. Ha 31 anni come il comandante, Alfredo Amitrano: una nave giovane come sono giovani i tecnici specializzati inglesi, com'è giovane, vien da pensare, il mondo fuori dall'Italia. Lavorano tutti per la Geolab di Napoli, abituati a girare il mondo alla ricerca dei diamanti sui fondali della Namibia o a riparare oleodotti nel mare del Nord. Fienga mostra con orgoglio l'apparecchiatura di bordo: “Siete tutti attratti dal robot ma il vero gioiello di questa nave è il Sub Bottom Profiler, l'apparecchiatura che consente di compiere indagini sotto il fondale”.

Uno strumento normalmente utilizzato negli oceani per scoprire i giacimenti di petrolio. In questo caso invece servirà a scoprire se una parte del carico pericoloso della nave affondata ha finito per inquinare il fondale. Soprattutto, quel che si teme, è che a bordo della presunta Kunsky ci fossero scorie radioattive. Per questo operano due ragazzi, un italiano e un inglese, che scandaglieranno il fondale con un rilevatore di raggi gamma. La Mare Oceano è attrezzata con un sistema Dgps regolato dai satelliti garantisce che non si allontani da un punto stabilito sulle mappe. I tempi di intervento sono relativamente rapidi. La nave lascia il molo di Vibo alle 6 di questa mattina. Saranno necessarie 5-6 ore di navigazione per coprire 48 miglia marine e giungere a Cetraro. Nel primo pomeriggio inizieranno dunque le operazioni di taratura degli strumenti e venerdì il robot comincerà la sua discesa. Sotto lo scafo della Mare Oceano opera un sonar a fasci Mbes che a 500 metri di profondità, dov'è adagiata la nave dei misteri, copre un'area larga un chilometro. Si potrà così realizzare una mappa accurata del fondale aiutati anche dai dati raccolti dall'SSS, un siluro con le ali che “vola” 15 metri sotto il pelo dell'acqua e disegna una specie di altimetria che somiglia alle foto satellitari della superficie dei pianeti. “Il vantaggio di questa situazione – spiegano gli inquirenti della Dda – è che si conosce il punto esatto dell'affondamento”. Sembra ovvio ma può diventare pericoloso. E per questo, nonostante la notevole disponibilità del ministero dell'ambiente, i magistrati hanno deciso, ieri sera, di allontanarci dalla nave. Perché se davvero il relitto al largo di Cetraro è di una delle navi dei veleni e se i due ragazzi addetti al rilevatore dei raggi gamma troveranno sorgenti radioattive a bordo, la situazione diventerà estremamente imbarazzate. Le scorie nucleari non sono rifiuti che si producono in casa e in ogni contenitore che le racchiude ci potrebbe essere la firma dell'assassino: quella dello Stato o del servizio che ha affidato il materiale ai boss della n'drangheta sapendo perfettamente in quali inconfessabili mani si metteva.

All'ora della cena, intorno agli spaghetti aglio e olio preparati dallo chef napoletano Antonio Capasso, il timore prende la forma del punto interrogativo: “Com'è possibile che qualcuno abbia volontariamente inquinato il nostro mare?”. Quella del primo ufficiale Pasquale Guida è la domanda di tutti gli italiani. È, paradossalmente, la stessa che si incontra in una intercettazione telefonica della Dda. Un boss si fa uno scrupolo di coscienza: “E il mare? Che ne sarà del mare se la zona l'ammorbiamo?”. La risposta del compare è fulminante. “Ma sai quanto ce ne fottiamo del mare? Pensa ai soldi che il mare, con quelli, andiamo a trovarcelo da un'altra parte”. Tre giorni per scoprire la verità. O, almeno, la prima parte.

21 ottobre 2009
http://www.repubblica.it/2009/09/sezioni/cronaca/nave-veleni/mare-oceano/mare-oceano.html

#sudo