Rispondi a: IL FRIGO DEGLI ORRORI

Home Forum SALUTE IL FRIGO DEGLI ORRORI Rispondi a: IL FRIGO DEGLI ORRORI

#56842

deg
Partecipante

Cibo spazzatura: il marketing dell'industria alimentare

Aumento dell'obesità infantile e marketing del “cibo spazzatura” sono legati a filo doppio. L' Institute of Medicine statunitense afferma che, a partire dai 2 anni di età i bambini americani ricordano il nome dei prodotti, preferiscono gli spot del junk food, e consumano junk food in proporzione all'intensità della pubblicità.
E i genitori sanno che nei supermercati il junk food è sistemato alla portata dei bambini o vicino alle casse!

La televisione, soprattutto le reti commerciali, sono un forte veicolo di induzione al consumo di junk food, ma ci sono altre forme di pubblicità che stanno prendendo sempre più piede: sulla stampa, a scuola, nello sport, su internet, nascosta nei video giochi, giocattoli, canzoni, cartoni animati, film e materiale educativo.

Oltre i 12 anni, le strategie pubblicitarie tendono a legare gli adolescenti al “brand”, attraverso la promozione di stili di vita, mostrando personaggi famosi che usano quella marca, con gli sms, o attraverso gruppi di coetanei pagati dalle aziende per diffondere informazioni sui prodotti senza che si capisca che si tratta di pubblicità (il “marketing virale”).

Vi sono state invece diminuzioni del consumo di junk food nei Paesi, tra quella cinquantina dove si è legiferato in materia, con norme più rigorose: in Australia (proibita la pubblicità di alimenti per i minori di 14 anni), Olanda (bandita la pubblicità dei dolci per i minori di 12), Svezia (non è permesso usare personaggi dei cartoni animati per la pubblicità) e Norvegia (proibita qualsiasi forma di pubblicità rivolta ai bambini). Queste limitazioni non decollano nei paesi emergenti, alcuni dei quali (Cina, India, Brasile, ecc.) non solo rappresentano il far west per le multinazionali del junk food e del marketing, ma presentano anche le più alte velocità di crescita dell'epidemia di obesità.

I prezzi stracciati

Nei Paesi in via di sviluppo l'innalzamento del reddito e la migrazione massiccia verso le città permettono a persone fino a ieri vissute di agricoltura nel proprio villaggio di acquistare grandi quantità di cibo, scadente e a buon mercato, nei supermercati delle metropoli. Si pensi al Messico, all'Argentina, al Brasile, alla Cina e all'India.

La grande distribuzione attua una politica di prezzi estremamente aggressiva, con l'abbattimento dei costi tramite salari bassissimi ai lavoratori e margini altrettanto miseri per i produttori.

L'aumento dell'obesità, con percentuali elevatissime prossime a quelle degli USA, si sta registrando proprio nei Paesi con un basso livello di istruzione e nelle fasce sociali basse.
La vendita di prodotti trasformati ( pietanze già pronte, bibite gassate, hamburger, dessert preconfezionati) nei paesi a reddito medio-basso aumenta del 30% ogni anno. I grassi saziano lo stomaco a basso prezzo.

Anche le mense, sia quelle scolastiche che quelle aziendali, l'imperativo per vincere gli appalti è abbattere i costi. Dunque sovrabbondanza di oli, burro e altri grassi per mascherare cibi e verdure senza sapore, uova, formaggi e carni provenienti da allevamenti intensivi, disumani in molte realtà del mondo.

Il palato si fa dunque ingannare, il portafoglio pure, soddisfatto dal risparmio spesso sorprendente: pacchi di biscotti e merendine a 1 euro, polli a 2 euro, uova e carne sempre più a buon mercato.
http://www.greenreport.it/_new/index.php?page=default&id=9841