Rispondi a: Vaccini antipolio e l'origine dell'AIDS

Home Forum SALUTE Vaccini antipolio e l'origine dell'AIDS Rispondi a: Vaccini antipolio e l'origine dell'AIDS

#56881

sephir
Partecipante


Aids, nuove speranze da un vaccino

Bangkok, 24-09-2009

Un vaccino contro l'Aids messo a punto da ricercatori statunitensi e thailandesi sta dando, per la prima volta, risultati significativi durante la sperimentazione, dimostrando efficacia in almeno un terzo dei casi. Il vaccino, sperimentato dal 2003 su 16.000 volontari in due province thailandesi, è stato spiegato, è ricavato da due vecchi vaccini fra loro diversi ed entrambi rivelatisi inefficaci. La sperimentazione, condotta in collaborazione dal ministero della sanita' thailandese e dall'esercito americano, e' stata presentata come la piu' importante mai effettuata nel mondo per un vaccino contro la contaminazione da virus Hiv.

A Bangkok
La novità arriva da una sperimentazione conclusa in Thailandia, considerata dall'azienda Sanofi Pasteur, divisione vaccini del gruppo francese Sanofi-Aventis, “una prima dimostrazione concreta che un vaccino contro l'Hiv può divenire una realtà”.

Il vaccino – sperimentato da ricercatori americani e thailandesi su circa 16.400 volontari eterosessuali del Paese asiatico, che non presentavano particolari rischi di infezione – è il risultato della combinazione di due prodotti: l'Alvac HIV di Sanofi Pasteur e l'Aidsvax della VaxGen (che da solo si era rivelato inefficace).

Questo cocktail '2 in 1' ha ridotto del 31,2% il rischio d'infezione rispetto al placebo, secondo i risultati del test durati sei anni. Il vaccino, precisano i ricercatori, è promettente per la prevenzione, ma non ha efficacia quando il virus è stato già contratto. In ogni caso i risultati della fase III dello studio, che mostrano una riduzione del rischio di un terzo, seppure “modesti” – ammette Sanofi-Pasteur – sono significativi sul piano della ricerca e rappresentano “una tappa scientifica rilevante”.

Speranze
“Nel 32,1% dei casi il vaccino riduce il rischio d'infezione”, hanno indicato i ricercatori in una nota diffusa nella conferenza stampa di Bangkok. “Questo risultato – si legge ancora – rappresenta un balzo in avanti perche' è la prima volta che un vaccino contro il virus Hiv dimostra un'efficacia preventiva. Si tratta – aggiunge la nota – di un progresso scientifico molto importante e ci dà la speranza che un vaccino efficace per il mondo intero sia possibile per l'avvenire”.

Un terzo della popolazione mondiale potrebbe dunque essere protetto qualora il vaccino dovesse essere autorizzato dalla organizzazione mondiale della sanita'.

Fonte; http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=132133

Bene, che coincidenze…quanti vaccini tutti di colpo…un terzo della popolazione mondiale… utile solo in misura preventiva (come dire, fatevelo solo se non avete ancora contratto la alattia, cioè mezzo mondo….).
Ora ci vaccineranno anche per l'idiozia, chissà…
ho anche sentito di una sperimentazione non completa molto veloce… giusto, in fretta !
Ah, c'è anche l'esercito americano di mezzo giusto bene bene! :to: