Rispondi a: Festeggiare la propria e l'altrui morte

Home Forum SALUTE Festeggiare la propria e l'altrui morte Rispondi a: Festeggiare la propria e l'altrui morte

#57368

deg
Partecipante

[quote1316116991=pasgal]
Grazie deg per tenerci informati di questo scempio. Direi sia tutto da prima pagina.

[/quote1316116991]

Prego Pas. 🙂
Non si può seguire tutto perché ci sarebbe troppo da denunciare, ma lì la situazione è davvero tragica. Com'è tragico che i media non ne parlino. E ancora più tragica è l'indifferenza della maggior parte della gente per un problema che non succede dall'altra parte del mondo (non che sia una scusa ovviamente ma almeno dovremmo esserne tutti al corrente), ma qui da noi…

LA NUOVA SARDEGNA – Cronache :
La Russa: «A Quirra le esercitazioni si faranno»
15.09.2011

Via all’addestramento anche negli altri poligoni nonostante il «no» del comitato sulle servitù militari VALERIA GIANOGLIO PERDASDEFOGU. Le esercitazioni, a Quirra, e negli altri poligoni dell’isola, si faranno. Ieri sera, il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, lo ha detto a chiare lettere in una comunicazione inviata al presidente della Regione, Ugo Cappellacci, e ai prefetti di Nuoro e Cagliari. Si faranno nonostante il parere negativo, ma non vincolante, espresso lo scorso 14 giugno dal comitato paritetico regionale sulle servitù militari. Si scioglie così, dopo alcune settimane, il giallo intorno alla ripresa o meno delle esercitazioni nei poligoni sardi. Un caso che, vista l’inchiesta in corso della Procura di Lanusei e i suoi variegati risvolti, stava interessando soprattutto la base di Quirra. Proprio nei giorni scorsi, infatti, quando ormai si stava avvicinando la data solita nella quale il poligono di Perdasdefogu riprende le attività dopo la pausa estiva, in molti, nello stesso paese, si erano chiesti se le esercitazioni sarebbero riprese. Sino a quel momento, l’unica certezza sul fronte era il «no» deciso espresso a giugno dalla maggioranza dei componenti del comitato paritetico regionale sulle servitù militari. Uno stop che secondo il Comipar avrebbe dovuto riguardare anche gli altri poligoni sardi come Teulada e Capo Frasca. Quello del comitato, tuttavia, è un parere obbligatorio ma non vincolante per il ministero. Il ministro lo deve dunque valutare, ma poi ha la piena facoltà anche di agire in modo discorde da quella indicazione, e in passato è successo diverse volte. La decisione di La Russa era comunque molto attesa ed è arrivata ieri sera: le esercitazioni nell’isola si faranno anche nel secondo semestre del 2011. Il ministro spiega perché. Precisa, infatti, che «la mancata effettuazione delle attività sui poligoni in argomento impedirebbe l’attuazione di importanti programmi addestrativi militari e provocherebbe l’impedimento all’assolvimento dei compiti istituzionali della Difesa, nonché il decadimento della prontezza e della capacità operativa dei propri reparti e, pertanto della Difesa nazionale. Ciò vale anche presso il poligono interforze di Salto di Quirra, in quanto nel pieno rispetto delle attività giurisdizionali in corso». «Per quanto sopra – conclude il ministro – approvo in via definitiva il programma addestrativo per il secondo semestre 2011 sui poligoni militari di Capo Teulada, Salto di Quirra e Capo Frasca».
http://www.regione.sardegna.it/j/v/492?&s=174767&v=2&c=1489&t=1