Rispondi a: I vaccini come arma biologica per ridurre la popolazione: un precedente storico

Home Forum SALUTE I vaccini come arma biologica per ridurre la popolazione: un precedente storico Rispondi a: I vaccini come arma biologica per ridurre la popolazione: un precedente storico

#58478

Detective
Partecipante

Virus H1N1: a che gioco gioca l'OMS? Siamo alla shock economy?

A che gioco sta giocando l'Organizzazione Mondiale della Sanità (in inglese WHO, World Health Organization)?

Per mesi l'OMS ha ripetuto nei suoi bollettini relativi al virus H1N1 che «non raccomandava restrizioni nei viaggi a causa della diffusione dell'influenza».

In un comunicato di due giorni fa afferma invece: «Poichè la diffusione del virus pandemico è considerata inarrestabile, il vaccino sara necessario in tutti i paesi».

Perchè l'OMS non ha fatto nulla per ridurre la diffusione del virus ed ora insiste che l'unica soluzione sono i vaccini? Di solito non faccio speculazioni e dietrologie, perchè preferisco attenermi ai fatti, ma in questo caso il comportamento dell'organizzazione internazionale è davvero sospetto.

Sembra quasi che l'OMS abbia lasciato che il virus si diffondesse in modo da permettere una maggiore vendita di vaccini e antivirali; un vero affare d'oro per le aziende farmaceutiche. E' appena il caso di ricordare che due degli antivirali più usati per combattere questo tipo di nfluenza, il Tamiflu e il Relenza, sono prodotti rispettivamente dalla Roche dalla GlaxoSmithKline. In Italia si prevedono milioni di contagiati entro la fine del prossimo inverno e quindi si vorrebbero distribuire il vaccino a milioni di dosi. Anche in questo caso siamo alla shock economy?

L'OMS inoltre da oltre una settimana non aggiorna i dati relativi alla pandemia. Per fortuna i dati sono reperibili presso l'ECDC (European Center for Disease Prevention and Control).

Al 12 luglio risultavano oltre 114000 malati e 572 morti in 131 paesi. Per la prima volta, la mortalità complessiva è in aumento essendo passata in una settimana dallo 0,45% allo 0,50%. Si tratta del 5 per mille e non dello 0,4 per mille come scriveva ieri Repubblica .

Il numero di infettati continua a crescere al ritmo del 5% al giorno (grafico qui a sinistra). I morti invece crescono al ritmo di 15 al giorno (grafico in basso). Nelle prime fasi dell'epidemia, l'aumento era di 3 morti al giorno. In Messico, primo paese colpito, la crescita non accenna a rallentare, mentre continua in modo piuttosto esplosivo in UK, Australia, Argentina e Cile.

E in Italia? Secondo l'Istituto Superiore di Sanità, ieri siamo arrivati a 224 casi confermati, con una crescita lenta, ma in leggera accelerazione.

Insisto, forse sarebbe il caso di evitare di viaggiare nei paesi più colpiti. Se si fosse stabilita una quarantena nei confronti del Messico (con indennizzo internazionale per i danni al turismo e al commercio), forse ora l'epidemia sarebbe già estinta e il numero dei morti sarebbe stato incomparabilmente minore. Ma alcuni bilanci societari avrebbero avuto un fatturato e un attivo più basso…

[link=hyperlink url] http://ecoalfabeta.blogosfere.it/2009/07/virus-h1n1-a-che-gioco-gioca-loms.html [/link]