Rispondi a: Come è fatto – lo zucchero

Home Forum SALUTE Come è fatto – lo zucchero Rispondi a: Come è fatto – lo zucchero

#59092
prixi
prixi
Amministratore del forum

[quote1309476693=sphinx]
[quote1309323027=prixi]
:&o
.. che i prodotti raffinati fossero privati di alcune sostanze lo sapevo, ma che addirittura lo zucchero bianco fosse tossico … è un'amara sorpresa 🙁
la preoccupazione mi viene nel pensare a quando la mia bimba và in ipoglicemia perchè diabetica … ed io corro per farle mangiare 2 cucchiaini di zucchero (se ad esempio non ho succo di frutta a portata di mano) … :O
quindi dovrei sostituirlo con quello di canna … ma avrà lo stesso immediato effetto di quello bianco ai fini della glicemia ?
😕
:lente:
[/quote1309323027]

Cara Prixi,come sai anche io ho una diabetica in casa (di tipo 1)e anche lei, va spesso in ipoglicemia….
Il suo diabetologo le sconsigliò vivamente di assumere zucchero in questi casi…il diabetico non dovrebbe vedere lo zucchero nemmeno in ipoglicemia…così ci dice il medico. E allora?
E allora, cercare di avere “sempre” a portata di mano un succo di frutta (senza zucchero,naturalmente)..se sei in casa è facile,se sei fuori,a parte i bar,un piccolo succo lo si può tenere in borsa o nella cartella..
Naturalmente qualche bustina di zucchero è meglio averla,non si sa mai, ma andrebbe evitata il più possibile.
Ultimamente le ho consigliato della frutta secca (intendo tipo fichi secchi o albicocche secche) e vedo che le fanno subito effetto.
Ovviamente,se siete in casa,niente di meglio che un frutto fresco o del pane…ma questo già lo sai.

:cor:
[/quote1309476693]
Sphinx cara, rispondo solo ora al tuo post … anche se per la verità lo avevo letto subito … ma ho avuto un pò da fare #sudo
Le indicazioni che ho ricevuto dai medici che seguono la mia bambina (anche dallo stesso, ormai famoso , Prof. Pinelli), sono per la verità piuttosto differenti … quello che mi viene da supporre, a fronte di tale diversità, è che forse, non tutti hanno lo stesso tipo di “risposta” metabolica …

Per chiarezza, confermo che stiamo parlando di Diabete Mellito (di tipo 1) Insulino-dipendente (detto anche giovanile per via dell'età precoce in cui si manifesta l'esordio) e non di diabete di tipo 2 detto anche alimentare, che normalmente si manifesta in età più avanzata e per il quale non necessariamente trattato con terapia insulinica, ma molto più frequentemente viene contrastato con pastglie, o semplicemente con una correzione del regime alimentare.

In sostanza, per contrastare prontamente un'ipoglicemia (cioè inferiore a 80mg), in modo da scongiurarne l'aggravarsi in pochi minuti e tutti i rischi che ne conseguirebbero (stati d'incoscienza, convulsioni, coma) è imperativo la somministrazione immediata di zucchero o bevande zuccherate … quali, succo di frutta con zucchero, o meglio ancora, cola, la quale, contenendo caffeina, ha anche un immediato effetto eccitante, utile a contrastare la sonnolenza e l'atonicità muscolare, propri di questi stati.
Pane o cracker's, possono avere solo un ruolo secondario, per stabilizzare la glicemia, una volta risolta la crisi di ipo, quando il pasto non è imminente, poichè, essendo carboidrati, si trasformano in glucosio, solo dopo la loro digestione, che non è cosi rapida.

A parità di quantità (stabilite dal rapporto peso-età del soggetto), il solo fruttosio, contenuto nella frutta fresca o secca. o in succhi non addizionati con sciroppo di glucosio o zucchero, non sono sufficenti all'innalzamento della glicemia … ed a fronte di uno stato di forte malessere, può risultare difficile ingerire grosse quantità di liquido ed ancora più difficoltoso, masticare e deglutire cibi solidi.

Per quanto possa sembrare anti-salutare l'assunzione di zuccheri, in questa patologia, e in modo specifico nelle crisi di ipo, si evince l'eccezione che conferma la regola.
In 10 anni di convivenza con questa quotidiana e notturna battaglia, ho riscontrato diverse scuole di pensiero sulle varie terapie insuliniche, diversità sui tempi di attesa tra la terapia e i pasti (teoria del bolo), ect … ma mai ho riscontrato diversità sulle affermazioni sopra descritte riguardanti l'impiego tassativo di zuccheri.
Addirittura, andrebbero evitati succhi di frutta quali, arancia, ananas pompelmo e frutti tropicali, poichè nella maggiorparte dei casi, non contengono saccarosio per il loro spiccato gusto dolce, ma inefficaci nello specifico.
Ed altrettanto dicasi per dolci, latte, latte al cioccolato, cioccolato, cioè cibi e bevande grasse, che rallentano lo svuotamento dello stomaco e quindi, lo zucchero in essi contenuto, raggiunge il sangue più lentamente.

Ho creduto utile puntualizzare quanto da te riportato, per correttezza d'informazione, poichè, cosi come è giusto il confronto, è anche utile non dare per certo un solo approccio … che probabilmente, và differenziato per ogni singolo soggetto, perciò non universale.
Questa patologia, è molto complessa ed implica valutazioni ad personam.

Un caro abbraccio :amicil: :cor:


"Il cuore è la luce di questo mondo.
Non coprirlo con la tua mente."

(Mooji - Monte Sahaja 2015)