Rispondi a: I danni della caffeina

Home Forum SALUTE I danni della caffeina Rispondi a: I danni della caffeina

#59956
brig.zero
brig.zero
Partecipante

… e mentre mi bevo una buona tazzina di caffè “caffè” :yesss:

[color=#0033ff]Caffè contro il tumore della prostata[/color]

Sembra ormai assodato che una dieta ricca di grassi animali e povera di micronutrienti antiossidanti favorisca la proliferazione incontrollata e la degenerazione delle cellule, in particolare di quelle prostatiche. Numerosi studi hanno documentato gli effetti positivi di elementi e micronutrienti quali il selenio, zinco,vitamina E, Licopene, vitamina D3 ed estratto di tè verde nella protezione delle cellule prostatiche dai radicali liberi, che normalmente si originano durante i normali processi metaboliciSecondo uno studio dell'Universita' di Harvard durato 20 anni e che ha coinvolto quasi 50mila uomini, coloro che avevano bevuto almeno sei caffe' al di' avevano il 20 per cento di probabilita' in meno di ammalarsi di cancro alla prostata rispetto a chi non ne aveva bevuto neanche una tazzina Non solo. I bevitori di caffe', come ha riportato il Journal of the National Cancer Institute, sono risultati avere addirittura il 60 per cento di probabilita' in meno di morire per colpa di questo tumore. Lo studio ha inoltre scoperto che non c'e', in questo caso, alcuna differenza tra il caffe' tradizionale e quello decaffeinato. Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno confrontato le abitudini di bere caffe' negli uomini ogni quattro anni tra il 1986 e il 2006. Due terzi dei partecipanti ha dichiarato di berne almeno una tazzina al giorno e il 5 per cento sei. Su 47.911 uomini, 5.035 hanno sviluppato un cancro alla prostata con 642 dei tumori classificati come letali. Anche una quantita' piu' piccola di caffe' – da una tazzina a tre al giorno – ha abbassato il rischio di ammalarsi di circa il 30 per cento.

E piu' e' aumentata la quantita' di caffe' assunto, maggiore e' risultato l'effetto protettivo contro il tumore alla prostata. Non si puo' certo dire che i cultori del caffe' abbiano anche stili di vita piu' sani. Anzi, in realta' i bevitori incalliti sono quelli piu' propensi a fumare e a fare meno esercizio fisico. Secondo uno studio dell'Universita' di Harvard durato 20 anni e che ha coinvolto quasi 50mila uomini, coloro che avevano bevuto almeno sei caffe' al di' avevano il 20 per cento di probabilita' in meno di ammalarsi di cancro alla prostata rispetto a chi non ne aveva bevuto neanche una tazzina.. Recentemente è stato evidenziato come questi oligoelementi, singolarmente o in sinergia, oltre ad agire come antiossidanti e sequestrare i radicali liberi, siano particolarmente efficaci nell’ostacolare in vitro lo sviluppo delle cellule tumorali. Studi epidemiologici, hanno evidenziato che l’assunzione quotidiana di questi micronutrienti riduce il rischio di sviluppare il carcinoma prostatico. E’ stato osservato inoltre che l’assunzione contemporanea di questi oligoelementi agisce in modo sinergico impedendo quindi l’incidenza e la progressione della malattia.

Aldo Franco De Rose
*Specialista Andrologo e Urologo
Clinica Urologica Genova

http://www.clicmedicina.it/pagine-n-45/caffe-prostata-05925.htm


https://www.facebook.com/brig.zero