Rispondi a: L’industria casearia e l’invenzione del fabbisogno di calcio

Home Forum SALUTE L’industria casearia e l’invenzione del fabbisogno di calcio Rispondi a: L’industria casearia e l’invenzione del fabbisogno di calcio

#60422

Spiderman
Partecipante

[quote1334076193=Richard]

Affinchè il nostro organismo possa beneficiare del calcio assunto attraverso determinati cibi, quali ad esempio il latte ed i formaggi, è importante non solo seguire una dieta equilibrata, ma anche fare in modo che le ossa possano usufruire a pieno dei benefici di questa sostanza…
http://www.viveremeglio.it/article/prendere-il-sole-e-utile-alle-ossa-ecco-perche/698.htm

[/quote1334076193]

Mi duole (non è vero :hehe: ) contraddirti, ma le cose non stanno così per latte e formaggi:

Il latte animale non è un cibo adatto agli umani

Dicono che il latte “fa bene alle ossa”. Ma chi lo dice dovrebbe informarsi meglio…

Il latte è un usuraio della peggior specie, quegli usurai che vi fanno un prestito ma poi, se non gli ridate tutto con gli interessi impossibili, vi mandano picchiatori a spaccarvi le ossa.

Il latte contiene calcio, utile alle ossa, e per questo viene consigliato, ampiamente consigliato, per l'osteoporosi. Ma contiene anche proteine animali, acide, che, per essere smaltite, consumano calcio.

Come un usuraio, il latte presta un po' di calcio, ma, alla fine, ne consuma più di quello che dà. Le proteine del latte, sommate a quelle provenienti da carne e pesce, costringono l'organismo a sottrarre calcio all'osso per poter provvedere al loro smaltimento.

Infatti, la salute dell'osso dipende molto più da quei fattori che impediscono le perdite di calcio dall'organismo che dalla semplice quantità di calcio assunta. Quasi tutto il calcio dell'organismo è contenuto nello scheletro, che è la banca del calcio. Il calcio viene perso continuamente attraverso le urine, le feci e il sudore, e queste perdite vengono reintegrate attingendo ai depositi di calcio nell'osso, che cede quindi calcio in continuazione. Il calcio immagazzinato nell'osso viene poi reintegrato con quello alimentare.

Esiste dunque quello che viene chiamato “bilancio del calcio”: bisogna che il calcio assunto con la dieta sia maggiore di quello perso, altrimenti il bilancio è negativo, e si va incontro all'osteoporosi.

In generale, nelle popolazioni che consumano molto latte l'incidenza di osteoporosi è maggiore, mentre è rara nei paesi dove non si beve latte. É noto che tra gli esquimesi, che assumono oltre 2.000 mg di calcio al giorno, l'osteoporosi dilaga.

[link=http://www.infolatte.it/salute/latte_cibo_inadatto.html]Continua…[/link]