Rispondi a: Formazione di un Gruppo di Ricercatori

Home Forum SALUTE Formazione di un Gruppo di Ricercatori Rispondi a: Formazione di un Gruppo di Ricercatori

#60920
farfalla5
farfalla5
Partecipante

Genio ho letto l' articolo in polacco, ora non ho il tempo per tradurlo ma ho tradotto in googlese, eccolo:

Camera di ossigeno può aumentare Brain Repair
Mercoledì 23 gennaio 2013

[color=#ff0000]Trattamento iperbarico è notevolmente risuscitato attività nel cervello danneggiate, i ricercatori TAU trovare[/color]

Corsa, lesione traumatica, e il disordine metabolico sono le principali cause di danno cerebrale e disabilità permanenti, tra cui disfunzione motoria, disturbi psicologici, perdita di memoria, e altro ancora. Attuali programmi di terapia e riabilitazione lo scopo di aiutare i pazienti a guarire, ma spesso hanno un successo limitato.

Ora il dottor Shai Efrati di Facoltà dell'Università di Tel Aviv 's Sackler of Medicine ha trovato un modo per ripristinare una quantità significativa di funzione neurologica nel tessuto cerebrale pensato per essere cronicamente danneggiata – anni pari dopo il trauma iniziale. Teorizzando che alti livelli di ossigeno potrebbe rinvigorire i neuroni dormienti, il dottor Efrati ei suoi colleghi ricercatori, tra cui il Prof. Eshel Ben-Jacob della Scuola TAU di Fisica e Astronomia e la Scuola Sagol di Neuroscienze, assunti post-ictus pazienti per ossigenoterapia iperbarica (HBOT) – sessioni in camera di alta pressione che contengono aria ricca di ossigeno – che aumenta i livelli di ossigeno nel corpo dieci volte.

Analisi di brain imaging hanno mostrato un significativo aumento dell'attività neuronale, dopo un periodo di due mesi di trattamento HBOT rispetto al controllo periodi di non-trattamento, ha riferito il dottor Efrati su PLoS ONE. I pazienti hanno manifestato miglioramenti, come una inversione di paralisi, sensazione di aumento, e l'uso del linguaggio rinnovato. Questi cambiamenti possono fare una grande differenza nella vita di tutti i giorni, aiutando i pazienti a recuperare la loro indipendenza e completare le attività come fare il bagno, la cucina, salire le scale, o leggere un libro.

Ossigeno respira nuova vita in neuroni

Secondo il dottor Efrati, ci sono diversi gradi di lesione cerebrale. I neuroni colpiti da disfunzione metabolica avere l'energia per rimanere in vita, ma non abbastanza per sparare segnali elettrici, spiega. HBOT mira ad aumentare la fornitura di energia a queste cellule.

Il cervello consuma il 20 per cento di ossigeno del corpo, ma che è solo ossigeno sufficiente per operare 5-10 per cento di neuroni alla volta. Il processo di rigenerazione richiede molta più energia. L'aumento di dieci volte dei livelli di ossigeno durante il trattamento HBOT fornisce l'energia necessaria per la ricostruzione connessioni neuronali e stimolando i neuroni inattivi per facilitare il processo di guarigione, spiega il dottor Efrati.

Per il loro studio, i ricercatori hanno cercato pazienti post ictus la cui condizione non era più migliorando. Per valutare l'impatto potenziale del trattamento HBOT, le caratteristiche anatomiche e le funzionalità del cervello sono state valutate utilizzando una combinazione di scansioni TC per identificare tessuto necrotico, e SPECT per determinare il livello di attività metabolica dei neuroni circostanti aree danneggiate.

Settanta-quattro partecipanti che vanno 6 a 36 mesi post-ictus sono stati divisi in due gruppi. Il gruppo di trattamento prima ricevuto HBOT dall'inizio dello studio, e il secondo ha ricevuto alcun trattamento per due mesi, quindi ricevuto un periodo di due mesi di trattamento HBOT. Il trattamento consisteva di 40 sessioni di due ore per cinque volte alla settimana in camera di alta pressione contenenti aria ricca di ossigeno. I risultati indicano che il trattamento HBOT può portare a un miglioramento significativo della funzione cerebrale nei pazienti post ictus, anche in fasi cronicamente in ritardo, aiutando i neuroni rafforzare e consolidare le nuove connessioni nelle regioni danneggiate.

Una possibile strada per la prevenzione

Anche se lo studio si concentra su pazienti solo attraverso tre anni post-ictus, il dottor Efrati ha visto miglioramenti simili nei pazienti in cui si è verificato cervello lesioni fino a 20 anni prima, smentendo l'idea che il cervello ha una finestra limitata di crescita e cambiamento. “I risultati mettono in dubbio il paradigma principale in quanto dimostrano al di là di ogni dubbio che neuroplasticità può ancora essere attivato per mesi e anni dopo la lesione cerebrale acuta, rivelando così che molti aspetti del cervello rimangono plastica in età adulta,” dice il Prof. Ben-Jacob.

Questo studio ha anche “apre la porta in un nuovo territorio di trattamento”, aggiunge il dottor Efrati. I ricercatori stanno attualmente conducendo uno studio sui benefici della HBOT per le persone con lesioni cerebrali traumatiche. Questo trattamento ha anche un potenziale come terapia contro l'invecchiamento, applicabile in altri disturbi come il morbo di Alzheimer e la demenza vascolare nelle fasi iniziali.

“E 'ormai chiaro che molti disturbi cerebrali sono legati alla fornitura di energia inefficienti al cervello”, spiega il dottor Efrati. “Trattamento HBOT potrebbe proprio tali alterazioni metaboliche prima della insorgenza di demenza totale, in cui vi è ancora un potenziale di recupero.”

Per ulteriori notizie neuroscienze dell'università di Tel Aviv, fare clic qui .
http://translate.google.com/translate?hl=it&sl=auto&tl=it&u=http%3A%2F%2Fwww.aftau.org%2Fsite%2FNews2%3Fpage%3DNewsArticle%26id%3D17851


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.