Rispondi a: Il paradosso ossidativo nel processo di guarigione

Home Forum SALUTE Il paradosso ossidativo nel processo di guarigione Rispondi a: Il paradosso ossidativo nel processo di guarigione

#61253
Richard
Richard
Amministratore del forum

Quoto quanto Rich ha scritto nel post sopra.
Finalmente ho avuto la risposta che cercavo.
Cara Farfy complimenti per la conferenza postata…utilissima e devo dire che risponde alla mia domanda riguardo l'eccessiva ossigenazione….serve equilibrio come detto da Rich.
Perchè se è vero che un corpo ossigenato porta salute è anche vero che l'organismo apporta in proporzione ossidazione e generazione per contrastarla.(antiossidanti enzimatici).Va quindi anche tenuto in conto un aumento attraverso il cibo di antiossidanti (vitamine in particolare la C e la E)
Insomma Equilibrio.

http://www.studio-nutrizionale.it/pages/le-vitamine-6278378.html

Riguardo all'attività fisica, molto meglio camminare tanto piuttosto che stressare con ginnastica intensiva.

Ogni attività e livello di attività ha i suoi effetti, più si aumenta l'intensità e meglio bisogna apprendere come utilizzare le energie e recuperarle.
Mediamente è sicuramente consigliabile una attività aerobica leggera/media, l'importante è la costanza.
L'attività fisica dovrebbe essere considerata un bisogno come l'alimentazione e il sonno e dobbiamo educarci in merito…il discorso è lungo.

http://blog.simonecarozza.com/2009/01/11/le-differenze-tra-lallenamento-aerobico-e-lallenamento-anaerobico/
i benefici dell’attività aerobica includono una maggiore capacità cardiovascolare ed una diminuzione del grasso corporeo.

Gli svantaggi dell’attività aerobica includono una diminuzione nella massa muscolare, forza, potenza, velocità e capacità anaerobica.

L’attività anaerobica richiede comunque una base aerobica e permette di diminuire il grasso corporeo, un aumento di massa muscolare, forza potenza e velocità.

voglio dire che si hanno diversi vantaggi o svantaggi a seconda dell'attività
ad esempio

http://www.vivailfitness.it/effet_pesi.htm
Effetti fisiologici dell'allenamento con i pesi
Benefici per l'apparato cardiovascolare, già con due anni di allenamenti costanti si possono rilevare:

– un maggior volume della gittata sistolica, con conseguente aumento (a parità di battiti) della gittata cardiaca,

– una riduzione della frequenza cardiaca a riposo,

– un calo della pressione arterovenosa.
un accrescimento della circonferenza toracica,

– un rafforzamento dei muscoli respiratori,

– un miglioramento della capacità vitale,

– un aumento del volume espiratorio massimo/minimo.

un rafforzamento delle ossa per deposizione di nuova matrice ossea e di sali di calcio,

– una importante sollecitazione alla crescita per le ossa lunghe,

– un aumento dello spessore delle cartilagini articolari, senza riduzioni di elasticità.

un miglior funzionamento del sistema di controllo e comando nervoso sul muscolo,

– una crescita della frequenza e dell'intensità degli stimoli con conseguenti più efficaci risposte,

– uno sviluppo del diametro dell'assone del nervo motore,

un aumento del rapporto della superficie della placca motrice sulle fibre muscolari.

La massa muscolare magra porta ad un grande dispendio calorico, il maggiore dopo quello prodotto dallo svolgimento delle funzioni vitali: un atleta con un corpo muscoloso ha un metabolismo basale più alto rispetto ad un sedentario e quindi il suo “motore” avrà un consumo maggiore
http://www.abodybuilding.com/Turri2.htm