Rispondi a: In punta di piedi

Home Forum SALUTE In punta di piedi Rispondi a: In punta di piedi

#61602

Xeno
Partecipante

[quote1383303073=maraxma]

La tecnologia usata per le MBT fa riferimento alla camminata classica (tacco – punta), e nel video che hai segnalato si sottolinea la differenza con le imitazioni sostanzialmente proprio per le caratteristiche del “masai” sotto al tacco che deve essere particolarmente morbido.
Nel nostro caso, seguendo le indicazioni di mezzigrafici, il tacco non si deve comunque appoggiare, così mi chiedevo se, avendo una suola basculante, non venga agevolata la posizione, visto che portando il peso sull'avampiedi si alza automaticamente il tacco.

… poi ho trovato questo … :

Ma, come riporta il Los Angeles Times, negli ultimi tempi le cose sono cambiate. Un crollo delle vendite ha comportato un ribasso del prezzo medio, da 200 a 50 dollari, con una perdita per i produttori di molti milioni di dollari. Le scarpe “tonificanti” infatti non offrirebbero secondo nuovi studi nessun reale beneficio. E un’organizzazione di consumatori americani afferma che sarebbero persino pericolose per caviglie e articolazioni. Nel gennaio 2011 la New Balance è stata accusata di pubblicità ingannevole: un gruppo di consumatori delusi dalle promesse non mantenute delle “toning shoes” si è organizzato in una class action che ha portato in tribunale la società americana. Il risarcimento richiesto è di 5 milioni di dollari. http://www.ilpost.it/2011/07/29/crisi-scarpe-masai/

[/quote1383303073]

Azz :O

grazie maraxma.

A questo punto non rimanere che attendere la produzione di scarpe dell dott. Peter Greb come dice qua;

• La sua „Scuola di cammino – GODO ” e l’Istituto di morfologia umana applicata” si trovano a Kiel. Oggi si sta lavorando a una calzatura rivoluzionaria che per la prima volta rende davvero possibile la nuova andatura. Queste compagne di cammino, le calzature GODOs, permettono ad ogni passo una salutare, elegante e leggera pressione in avanti sulle punte, un successivo appoggio graduale della pianta del piede e un abbassamento finale sul tallone. In questo modo l’appoggio sul tallone di cui tutti i medici e le industrie di scarpe si fanno dogmaticamente e caparbiamente promotori viene definitivamente e per la prima volta delicatamente accantonato.

http://godoartedelcamminare.myblog.it/archives/tag/go.do/index-1.html