Rispondi a: Fibromialgia, Sensibilità Chimica Multipla ed Elettrosensibilità

Home Forum SALUTE Fibromialgia, Sensibilità Chimica Multipla ed Elettrosensibilità Rispondi a: Fibromialgia, Sensibilità Chimica Multipla ed Elettrosensibilità

#61667
farfalla5
farfalla5
Partecipante

NUOVE ALLERGIE SENSIBILITA' CHIMICA MULTIPLA (MCS) 500MILA IN ITALIA La tecnologia che semina “allergia”
NUOVE ALLERGIE SENSIBILITA' CHIMICA

La tecnologia che semina “allergia”

di Michele Annunziata

ROMA. 11 aprile 2013 – Orticaria da computer, emicrania da televisione e dermatite da contatto con il frigorifero. Sono le nuove frontiere dell’”allergia alla tecnologia” che si sta diffondendo a macchia d’olio del mondo.

Si chiama “Sensibilità chimica multipla” (Mcs) ed in Italia miete già circa 500mila vittime inconsapevoli, ed il totale sarebbe comunque sottostimato. Finora infatti, solo una donna sarda di 49 anni, ha ottenuto dall’Asl il pagamento anticipato delle cure presso un centro che si trova a Londra, ed è l’unico, ad oggi, in grado di curare patologie del genere. «Anche se definita una patologia rara – spiega Giuseppe Genovesi, allergologo del Policlinico Umberto I di Roma – in realtà la Mcs à abbastanza diffusa: si stima che il 15 per cento della popolazione negli Stati Uniti e in Europa soffra di qualche intolleranza chimica e almeno il 3 per cento soffra di Mcs. Di questi ultimi pazienti, il 50 per cento presenta anche elettro-sensibilità». Infatti, si tratta di una vera e propria sensibilità che si sviluppa all’esposizione a campi elettromagnetici di moltissimi accessori presenti in ogni abitazione. Televisori, telefoni cellulari, frigoriferi, lavatrici e computer. L’inquinamento elettromagnetico, infatti, è sempre più esteso nel mondo. Ma non solo La Mcs viene definita anche una malattia “ambientale”, essendo caratterizzata da quella che è stata la tendenza negli ultimi 40-50 anni di utilizzare in modo esagerato e sconsiderato sostanze potenzialmente nocive come insetticidi, pesticidi, conservanti, coloranti, ftalati, solventi e metalli pesanti. Fra i sintomi più comuni vengono registrati dolori al torace, asma, dermatiti da contatto, orticaria, irritazione della pelle, emicrania, fino a veri e propri attacchi di panico, svenimenti, aggressività e letargia. Normalmente si tende a non riconoscere sin da subito tale patologia, pensando che i sintomi elencati possano essere dovuti piuttosto ad un fattore psicologico. «Al solo Policlinico Umberto I – rende noto Genovesi – abbiamo avuto 300 diagnosi di Mcs negli ultimi due anni, di cui una parte con elettro-sensibilità, e circa l’8% dei casi ha riguardato bambini». Si pensa che tra le possibili cause ci sia una predisposizione genetica che comporti una bassa capacità di eliminazione delle tossine. Ma non ci sono abbastanza studi a riguardo. Le cure per tali patologie prevedono delle apposite immunoterapie per la progressiva desensibilizzazione alle onde elettromegnetiche, ma in Italia non sono ancora disponibili. L’unico centro è una clinica di Londra, che resta la sola ad occuparsi di questa moderna malattia. L’unica chiave per la salvezza, resta ancora una volta la ricerca scientifica e l’impegno delle eccellenze mediche nazionali attente alle nuove patologie ed alle nuove terapie biologiche.
http://www.italiasudsanita.it/home/index.php?option=com_content&view=article&id=2742:nuove-allergie-sensibilita-chimica-multipla-mcs-500mila-in-italia-la-tecnologia-che-semina-allergia&catid=80:sanita&Itemid=228



IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.