Rispondi a: 2012: ma ci credete veramente?

Home Forum PIANETA TERRA 2012: ma ci credete veramente? Rispondi a: 2012: ma ci credete veramente?

#61838
Richard
Richard
Amministratore del forum

Abbiamo qua sempre ribadito che le profezie non indicano che il mondo finirà
idem wilcock
idem Braden
per quanto ci riguarda

qui almeno personalmente ho sottolineato sempre che è il nostro tipo di mondo che si trasformerà e quello vecchio finirà
certe antiche culture conoscevano i cicli del tempo
queste “bufale” del 2012 se lette nella chiave giusta si sono gia avverate, il mondo infatti rapidamente si sta trasformando

infatti la trasformazione la stiamo vedendo e la vedremo nettamente

Braden e Wilcock dicono la stessa cosa e non che il mondo finirà, questa è disinformazione.
Come notate la persona nel video sta leggendo qualcosa che qualcuno gli ha scritto .

————
https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.1160
UN'ERTA SCALATA VERSO IL 2012

Barrios è storico, antropologo e ricercatore. Dopo aver studiato per 25 anni con gli anziani, iniziando all'età di 19, è diventato anche un Ajq'ij Maya, sacerdote officiante e guida spirituale del clan dell'Aquila.

Anni fa Carlos iniziò insieme al fratello Gerardo una ricerca sui diversi calendari Maya; studiò con molti maestri e dice che, per ampliare l'ambito delle loro conoscenze, Gerardo intervistò più di 600 anziani Maya. Barrios ha affermato:”Gli antropologi visitano i templi, leggono steli ed iscrizioni e confezionano storie sui Maya, tuttavia non interpretano i segni in modo corretto, lavorano solo di immaginazione… Altri scrivono delle profezie nel nome dei Maya; dicono che il mondo finirà nel dicembre del 2012. Gli anziani Maya sono furibondi per questo; il mondo non finirà, sarà trasformato. Sono gli indigeni – non altri – a possedere i calendari ed a sapere come interpretarli correttamente”.

rispetto a noi hanno fatto piu terrorismo in certi programmi tv su questa cosa
perchè dicendo che le profezie parlano della fine del mondo si ridicolizza tutto
inoltre dice che nella rete ci sono gli sconsiderati, quindi è anche un attacco alla rete che non fa comodo

La teoria di Braden, come lui spiega, è una sua supposizione anche in base a testi antichi di diverse culture