Rispondi a: Riflessioni sulle guerre passate e future!

Home Forum PIANETA TERRA Riflessioni sulle guerre passate e future! Rispondi a: Riflessioni sulle guerre passate e future!

#67121
prixi
prixi
Amministratore del forum

[size=18]La Russa e Frattini, più che ministri giocatori di risiko

di Luca Marco Comellini
Segretario Partito per la tutela di diritti di Millitari e delle Forze di Polizia

Le dichiarazioni del Ministro della difesa La Russa, riportate in questi giorni dai media, sono come quelle di un incallito giocatore di Risiko che non riesce a distinguere la realtà dalla fantasia.

È un “Ministro della guerra” – così lo ha definito ieri il ministro di lotta e di governo Calderoli (LNP) – che mi sembra ormai allo sbando, pronto a smentire dichiarazioni appena fatte da lui stesso o dai suoi colleghi di partito e di Governo, capace sul tabellone del Risiko di conquistare il mondo mentre nella realtà sembra vivere nelle scene del film “il grande dittatore” dell’intramontabile Charlie Chaplin.

Non solo la sua guerra lampo in cui lui e il suo amico Frattini hanno preteso di trascinare l'Italia è diventata un pantano dal quale secondo la maggioranza degli Italiani è meglio uscire il prima possibile – anche domani – ma la sua ostinazione di proseguire sulla linea di sudditanza dalla Nato, quando gli altri Paesi membri sono già dubbiosi dell’utilità dell’azione militare o si stanno smarcando consci degli elevati costi e degli scarsi risultati, La Russa non ha niente di meglio da dire se non la solita litania propagandistica stile regime con cui cerca di confondere l’avversario leghista usando subdole differenziazioni terminologiche: impegno attivo e passivo. Insomma da La Russa un chiaro messaggio che tutto proseguirà senza inversioni di rotta, un imperativo “me ne frego”…… degli Italiani.

Personalmente ho sempre dichiarato la mia contrarietà all’interventismo militare all’estero che ha raggiunto il costo esorbitante di 1,5 miliardi di euro all’anno che a fronte degli insignificanti risultati umanitari e di pacificazione mi sembrano essere veramente troppi e credo che al cittadino contribuente interessi sapere che per il 2011, le guerre che i nostri militari stanno combattendo in giro per il mondo, volute da La Russa e bovinamente appoggiate dalla maggioranza, dal Governo e da un opposizione troppo distratta beghe interne, gli costeranno oltre 2,9 miliardi di euro; compresi i tre mesi passati della nuova guerra coloniale in Libia più gli ulteriori 90 giorni (tre mesi) appena annunciati da La Russa.

L’80 % degli italiani vuole il ritiro dei contingenti militari italiani dalle missioni e mi sembra che l’unico e il solo che vuole continuare, al grido di “armatevi e partite”, sia proprio il Ministro della difesa. La Russa ormai sembra essere stato abbandonato anche dai vertici militari da sempre contrari alla sua politica improntata più all’apparire che all’essere: dalla mini-naja alle ronde nelle città, tutte operazioni pubblicitarie senza alcun concreto vantaggio per la sicurezza dei cittadini, anzi uno spreco di denaro assurdo. Tanto paga “Pantalone”!

In tutto questo sfascio totale, mentre l’Italia cade a pezzi vittima di una inarrestabile crisi economica e di guerre mai dichiarate, anche il Presidente della Repubblica non ha trovato nulla di meglio da dire che invitare le attuali maggioranze e opposizioni a unirsi su obiettivi comuni.

Io personalmente mi domando quali siano questi “obiettivi comuni” perché è veramente difficile riuscire a capire se fra gli interessi di potere e poltrone dei nostri politicanti, della maggioranza e dell’opposizione, vi siano anche quelli di chi non riesce più a superare la seconda settimana del mese o di chi è precario e vorrebbe la certezza di un lavoro, di chi vorrebbe la Sanità veramente pubblica e per tutti, di quelli che vorrebbero l’istruzione adeguata e altrettanto pubblica, se vi sia la vera lotta all’evasione fiscale oppure o a una giustizia veramente uguale per tutti.

Mentre questi problemi ancora non trovano soluzione, in modo assolutamente “bipartisan” si continuano a spendere soldi per armamenti, per finanziare le guerre e delle inutili missioni di pace allo scopo di garantire con le armi l’egemonia di un potere sempre più fragile e isolato. Che siano forse questi i veri obiettivi della politica?
20 giugno 2011
http://notizie.tiscali.it/opinioni/Comellini/1302/articoli/La-Russa-e-Frattini-pi-che-ministri-giocatori-di-risiko.html


"Il cuore è la luce di questo mondo.
Non coprirlo con la tua mente."

(Mooji - Monte Sahaja 2015)