Rispondi a: l’ italia in rovina

Home Forum PIANETA TERRA l’ italia in rovina Rispondi a: l’ italia in rovina

#67409

sharon
Partecipante

COLDIRETTI, SCORTE PANE E PASTA PER MAX 7 MESI

“L'emergenza cibo mondiale si fa sentire anche in Italia che può contare al momento al massimo su sette mesi di scorte di pane e pasta ottenuti con il raccolto nazionale di grano che si è appena concluso. E' quanto è emerso da uno studio sugli effetti dell'emergenza cibo presentato nel corso dell'Assemblea Nazionale della Coldiretti alla quale hanno partecipato millecinquecento imprenditori agricoli e rappresentanti di cooperative aderenti alla maggiore organizzazione agricola italiana ed europea.

Nonostante l'aumento consistente della produzione nazionale grazie all'impegno degli agricoltori italiani che hanno colto le opportunità della riforma della Politica agricola europea, la disponibilità limitata di scorte prefigura – sottolinea la Coldiretti – un quadro preoccupante con la chiusura delle frontiere e le limitazioni delle esportazioni da parte di molti paesi produttori di fronte all'emergenza cibo mondiale. Le prospettive a livello internazionale evidenziano la necessità per l'Europa e l'Italia – sottolinea il presidente della Coldiretti Sergio Marini – di investire sull'agricoltura e aumentare ulteriormente la produzione nazionale e comunitaria, ma anche di garantirsi una propria riserva strategica di prodotti alimentari di base per stabilizzare il mercato interno e assicurare gli approvvigionamenti al giusto prezzo per imprese e consumatori.
L'andamento dei mercati mondiali è dunque destinato ad avere effetti anche sul piatto principale della dieta mediterranea.

L'eccessiva dipendenza dall'estero dell'Italia è particolarmente preoccupante di fronte alla decisione di molti paesi produttori, come ad esempio l'Argentina, di “chiudere” le frontiere, ma anche per le previsioni non ottimistiche sui raccolti mondiali per maltempo nel MidWest in Usa, per la siccità in Australia e per il terremoto nel Sichuan in Cina.”

L'articolo continua qui.
[link=hyperlink url][/link] http://www.coldiretti.it/docindex/cncd/informazioni/551_08.htm

Fonte: Coldiretti