Rispondi a: Cerchi nei campi di grano

Home Forum MISTERI Cerchi nei campi di grano Rispondi a: Cerchi nei campi di grano

#6752
Richard
Richard
Amministratore del forum

appunto per questo ho pensato al sole
Secondo la teoria di Haramein, che comprende anche la comprensione dei ripetuti messaggi nei crop circles, ogni entità nella realtà, dalla particella al pianeta, al sole, alla galassia, all'universo, nasce da una singolarità, è un “punto” del Tutto, da questa singolarità si formano due vortici contrapposti (secondo la forza di Coriolis) nell'energia che permea il Tutto (spero di spiegare decentemente).
Quindi allo stesso tempo ogni entità è un sistema chiuso e aperto, apparentemente separata e delimitata se guardiamo l'orizzonte esteriore e allo stesso tempo unita al Tutto dalla sua singolarità centrale.

Quindi abbiamo a che fare con la fisica del plasma, il sole ha al centro la sua singolarità/buco nero e quello che vediamo fuori e che si definiamo stella che si consuma per fusione nucleare, sarebbe in realtà l'orizzonte esterno di questi vortici.
Il vortice è come questo:

Grand Unification Theory di Nassim Haramein
http://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.4623

Per comprendere la “fusione nucleare” dobbiamo comprendere questa energia che crea Tutto.

[youtube=425,344]9JClbgrA4m4

Haramein descrive le dinamiche del nostro sole come risultato di una singolarità/buco nero al suo centro che lui chiama “orizzonte dello spin”.

Wilcock The Divine Cosmos:
http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_06.htm
Ora che abbiamo un modello di base valido di come funzionino la materia e l'energia a livello quantico, e avendo anche dimostrato un'espansione armonica di questi principi nel comportamento delle formazioni di plasma e nelle dinamiche dell'energia planetaria, siamo pronti a proporre un modello davvero unificato di un Cosmo Divino. Questo modello è stato nascosto nei libri antichi, nei monumenti e nelle leggende mitologiche della scienza esoterica, ora incanutiti e in attesa di essere riscoperti. Queste informazioni venute di nuovo alla luce ci permettono di considerare l'origine e la creazione dell’Universo da noi conosciuto come un’ Essenza Primaria consapevole sviluppatasi gradatamente, e non un’improvvisa esplosione di “nulla” che ha disseminato fornaci nucleari isolate a lenta combustione nella paralizzante oscurità dello spazio.


Il plasma luminoso è la forma originale, basilare che viene prodotta quando i due eteri si mescolano. La prossima immagine, che vediamo di seguito, proviene dal lavoro di Dan Winter, e mostra il mulinello – sulla sinistra, le formazioni toriche nella loro rotazione opposta – al centro, e un diagramma del Dr. Walter Russell – all'estrema destra – che mostra come essi si uniscano a formare una sfera. (Dall'immagine possiamo vedere che Winter commette il facile errore di non vedere che i due tori sono entrambi contenuti nello stesso spazio sferico e sono in grado di ruotare all'interno l'uno dell'altro, poiché egli li ha visualizzati più simili a due ciambelle sovrapposte)

7.3 – I PIANETI

Sul suo sito internet Living Cosmos, Richard Pasichnyk ha rivelato che è stato osservato che quasi tutti i pianeti hanno o un anello visibile o una corrente di energia che emana lungo il piano dell’Equatore, che è conosciuto come l’eclittico. Saturno semplicemente ha l’anello esterno più visibile di tutti i pianeti, ma si è scoperto che anche la maggior parte degli altri li hanno. Non esiste nessuna solida spiegazione convenzionale per questo fatto. Inoltre, la gran parte dei pianeti hanno in orbita parecchie lune sferiche le quali anche loro tracciano uno schema perfetto sull’eclittica.
….

Pasichnyk ha anche sviluppato il concetto che il centro di un pianeta in realtà non è metallico, ma una forma di energia di plasma ardente simile a quella del nostro Sole. Questa prova è presentata in dettaglio nel nostro precedente volume, e ci mostra un altro livello di come un pianeta sia un microcosmo di un Macrocosmo. Avremo altro da dire su questo quando inizieremo a discutere dell’evoluzione.

Stesso concetto di cui parla anche Haramein

..
7.4 – IL SOLE

Il nostro Sole possiede un campo magnetico conosciuto come l’eliosfera, che è anch’esso in forma di toroide sferico. I pianeti orbitano tutti all’interno del piano dell’equatore solare, o eclittica. Si è scoperto che la superficie del Sole pulsa effettivamente dentro e fuori, come diremo in dettaglio più avanti in questo capitolo [Si sa che anche la stella Alpha Centauri A pulsa]. Il nostro Sole possiede anche un campo magnetico meno conosciuto che viaggia lungo il piano dell’eclittica chiamato la Spirale di Parker, che ha una struttura tridimensionale che è esattamente uguale ai bracci spiraliformi di una galassia:

Figura 7.1 – La Spirale di Parker, una formazione magnetica interplanetaria

Anche Hoagland ha ottenuto questa comprensione sui vortici nell'energia iperdimensionale, come la definisce lui,dalla Piana di Cydonia su Marte in base alla posizione dei monumenti o giochi di luce/ombra per alcuni..