Rispondi a: l’ italia in rovina

Home Forum PIANETA TERRA l’ italia in rovina Rispondi a: l’ italia in rovina

#67889

marì
Bloccato

[size=18]7 giugno 2009 – 21.02

[size=18] La democrazia è servita

NEL GIORNO DEL VOTO: SPOT DI LIBERO PER BERLUSCONI NELLE STAZIONI. VERGOGNA!

[link=hyperlink url][youtube=425,344]w6RJOSLqnIU[/link]

Il consenso elettorale si strappa in molti modi.

Si comincia tenendo il popolo nell'ignoranza, tagliando i fondi per l'istruzione, riservando le scuole migliori a chi se le può permettere, finanziando operazioni di revisionismo storico. Una persona ignorante è una persone inconsapevole dei propri diritti. Una persona ignorante è facilmente condizionabile. Forse, prima di votare sarebbe utile avere frequentato un corso di democrazia.

Si continua manipolando l'informazione. Sottraendola, dando risalto al gossip. Deformandola, in base alle proprie convenienze. Costruendo false alternative, per dare l'illusione a tutti di essere rappresentati. In questo modo si può millantare di avere un consenso nazionale del 75%, mentre quello reale è solo del 38% e quello internazionale appena del 17%. Il nostro leader è quello con uno scarto maggiore tra il consenso interno e quello internazionale (-21%). La prova più evidente che siamo vittime di un sortilegio che estende il suo influsso all'interno dei confini nazionali.

Si conclude l'operazione inquinando le operazioni di voto. Si danno matite copiative che si possono cancellare con una semplice gomma. Si mettono nei seggi rappresentanti di lista residenti in circoscrizioni comunali diverse, scelte tra quelle dove la vittoria o la sconfitta sono sicure, e li si fa votare in massa all'apertura dei seggi, nella sezione dove prestano servizio, ancorchè non possano votare alla scheda rosa perchè rappresentativa di una circoscrizione per la quale non hanno diritto di voto, approfittando dell'incertezza iniziale dei presidenti di sezione sulle normative. Duecento voti che per l'elezione dei consiglieri di ciroscrizione fanno la differenza. Si fanno votare gli stessi elettori due volte. Come? Semplice, li si fa votare in una sezione diversa, nella quale esprimono la loro preferenza e ricevono il timbro sul certificato elettorale. Poi li si manda al comune, dove denunciando lo smarrimento del certificato elettorale ne ricevono in tempo reale uno nuovo di zecca, con il quale si recano alla loro sezione di appartenenza ad esprimere un secondo voto. Confrontando i registri delle diverse sezioni si può certamente risalire all'inganno, ma chi lo fa?

Anche il silenzio elettorale, i giorni immediatamente precedenti il voto nei quali non è consentito fare campagna elettorale, è una favola buona per addormentare i bambini. Se le elezioni sono regionali, si sceglie un rappresentante nazionale, per esempio il Presidente del Consiglio, e lo si manda su tutti i telegiornali, a parlare di qualsiasi cosa apparentemente inutile, con la sola accortezza di riprendere sullo sfondo i simboli del suo schieramento politico.

Oppure si paga lo spazio sugli schermi della Stazione Centrale di Milano, e durante i giorni del voto si mandano a ripetizione due spot. Uno governativo che invita a votare alle elezioni europee. L'altro privato, dove Libero promuove il reportage “Silvio, a prescindere da Berlusconi”, con profusione di immagini di un candidato alle elezioni europee.

Voilà! La democrazia è servita. Guardare il video per credere

http://www.byoblu.com/post/2009/06/07/La-democrazia-e-servita.aspx

#sich