Rispondi a: l’ italia in rovina

Home Forum PIANETA TERRA l’ italia in rovina Rispondi a: l’ italia in rovina

#68388

marì
Bloccato

Marco Travaglio – [color=#ff0000]La fregatura del digitale terrestre[/color]

[link=hyperlink url][youtube=425,344]59NEkcO6d0Y[/link]

idee e opinioni
Digitale terrestre, se per vedere la tv bisogna chiedere aiuto alla Germania
La Rai ammette qualche inconveniente di recezione nello switch off


Nell'immagine d'archivio, un' anziana donna alle prese con un decoder per il digitale terrestre. (Ansa)

Ieri, l’edizione principale del Gr di RadioRai si è conclusa con uno strano annuncio: «Può essere necessario cambiare la selezione del Pa­ese scegliendo per esempio Germania invece che Italia». Era un invito agli abi­tanti del Lazio in difficoltà con il digita­le terrestre (Dtt). Che provassero a im­postare una diversa nazione del deco­der. Germania? E perché mai? È la pri­ma volta che la Rai ammette ufficial­mente qualche inconveniente di rice­zione nello switch off .

Veramente, qual­che sera prima, Luciana Littizzetto era stata ancora più esplicita nel salutare ironicamente l’avvento delle nuova tec­nologia: «Il digitale terrestre è quella ro­ba che, pagando, ti consente di vedere male la televisione che prima vedevi be­ne, gratis». Quando i disagi sono stati avvertiti in Sardegna, in Piemonte, in Trentino, in Campania l’imbarazzo non esisteva. Ma appena il problema si è posto a Ro­ma, il caso è diventato nazionale, ne ha parlato persino il Gr1. Per un giorno, al buio è rimasto anche Palazzo Chigi. Il risultato è che attualmente il Dtt sta illu­minando una parte considerevolmente inferiore dell’area storicamente servita.

Qual è la questione? La colpa non è dei decoder fabbricati in Germania. Certi decoder hanno la sintonizzazione automatica, altri, nella fase iniziale, vanno resettati di conti­nuo altrimenti registrano più frequen­ze di quante possano contenerne, per altri ancora bisogna procedere manual­mente. Non tutti gli utenti hanno confi­denza con i menu d’installazione. La colpa vera è che il Dtt non è il sistema più adatto e tecnologicamente più avan­zato per un Paese complicato come l’Ita­lia dal punto di vista orografico. È sol­tanto il sistema che consente a Rai e Mediaset (proprietari dei sistemi di di­stribuzione) di conservare la suprema­zia nella piattaforma terrestre, nell’atte­sa di passare progressivamente al satel­lite. Bastava almeno avere il coraggio di dire che il passaggio al Dtt non sarebbe stato una passeggiata.

Aldo Grasso
24 novembre 2009
http://www.corriere.it/cronache/09_novembre_24/digitale-terrestre-tv-germania-grasso_d346a552-d8c6-11de-a7cd-00144f02aabc.shtml

[link=hyperlink url][youtube=425,344]fDQu-QcnG-s[/link]

… a chi dobbiamo dire grazie ?! … alla santa famiglia Berlusconi … o al ministro Gasparri?
:grrr: