Rispondi a: Cerchi nei campi di grano

Home Forum MISTERI Cerchi nei campi di grano Rispondi a: Cerchi nei campi di grano

#6988
Richard
Richard
Amministratore del forum

i cerchi nel grano ripetono immagini che si riferiscono al sole e al campo magnetico della Terra
leggi questo articolo di interpretazione dei cerchi del 5 giugno
http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.4852.1

poi leggi questa notizia che conferma, del 13 luglio
http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.4996.10

Ora se abbiamo capito un poco la chiave di interpretazione
vediamo ancora cerchi che sembrano indicare che l'attività solare , le flares, potrebbero prendere la direzione della Terra ,come interpretano anche su cropcircleconnector
http://www.cropcircleconnector.com/2009/eastfield/comments.html

http://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.3997
Sono state avvistate sul sole, turbolenze grandi come uragani, che confermano le teorie sul movimento del materiale negli strati esterni.
La zuppa di particelle cariche, o plasma, nel 30% di superficie esterna del sole, si pensa che effettui salite e discese in celle, come i maccheroni in una pentola di acqua bollente….
(Newscientist)

il cerchio “ricamato” in quel modo sembra rappresentare l'aspetto “granulare” della superficie solare che vedi qua
[youtube=425,344]zn5C1FPI_SQ

———
interpretando in base alle informazioni estrappolate dalle foto di cydonia su marte da R.Hoagland e dalle ricerche di Wilcock e Haramein e altri ancora su questa cosiddetta “Fisica iperdimensionale” o “Fisica Tetraedrica” ribadita di continuo nei “cerchi nel grano”
possiamo capire la geometria e la rotazione alla base del flusso energetico sia delle entita planetarie che del sole
http://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.370

quindi possiamo capire che ci stanno avvisando di come si direziona il flusso solare

“..Cotterell mostra che il Sole ha due campi magnetici fondamentali, uno dei quali divide essenzialmente il sole per il lungo, come una torta, in quattro quadranti uguali.

Se pensiamo per un minuto a cosa veramente riveli questo fatto, ci mostra che esiste una “armonica” dell’ottaedro nel Sole, con un vertice per ogni polo e quattro equamente distanziati attorno all'equatore (Vedere l’immagine).

Secondo i dati dell'astronave interplanetaria IMP1 1963, i punti di stress equatoriali dell'ottaedro che formano questo campo magnetico a quattro lati, provocano nel Sole un “effetto sprinkler (5)” che ci riversa addosso una doccia di particelle con carica diversa ogni mese.

Dunque, ogni mese può essere fondamentalmente “positivo” o “negativo”, basandoci su quelli che noi ora sappiamo essere flussi ottaedrici di energia. (Cotterell non ha evidenziato la geometria in questo).

Cotterell va avanti a mostrare una perfetta correlazione tra i flussi di ioni positivi e l'estroversione, ovvero personalità estroverse, e similmente, fra gli ioni negativi e l'introversione, ovvero personalità più chiuse in sé stesse.

Questa relazione è stata dimostrata dallo studio di Mayo/Eysenck. Jeff Mayo era un astrologo che ha collaborato con il dott. Hans Eysenck, il “padre del test del Quoziente Intellettivo”, per dimostrare questo punto interessante ed elusivo.

Ai partecipanti è stata fatta una stima della personalità sulle tendenze introverse/estroverse, e questi dati sono stati poi confrontati con il loro “segno natale”. Lo studio ha dimostrato una correlazione straordinariamente alta tra queste due variabili, per un gruppo relativamente enorme di oltre 2.000 soggetti partecipanti.

Cotterell ci avvisa anche dell'effetto che le macchie solari hanno sui nostri sistemi gravitazionali, radio ed elettrici. In Mayan Prophecies, discute di una enorme eruzione solare che ha sputato raggi X osservata il 5 Marzo 1989, e durata per 137 minuti.

Gli scienziati del Gruppo di Osservazione Geologica di Edinburgo credevano che fosse l’evento più grande del suo genere nel 20° secolo, avendo sovraccaricato i sensori che hanno usato per osservarlo. Cotterell indica che subito dopo nel punto della eruzione si sono osservate macchie solari, dimostrando un chiaro legame tra i due eventi solari.

Queste due forze solari non erano mai state messe in relazione in passato e questo evento supporta la teoria di Cotterell che le macchie solari siano correlate a disturbi magnetici e di radiazione. L'”eruzione” sarebbe la rottura visibile della tensione nelle linee magnetiche di forza, seguite dalla macchia solare….”
http://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.370

spero seriamente che ,per quanto serva, qualche serio scienziato stia cercando di capire questi messaggi per mostrarne i concetti, chiaramente senza nominare i “cerchi nel grano” per non essere ridicolizzato, perchè sono concetti molto importanti per noi

http://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.301
Richard Hoagland: Una nuova ricerca rinforza gli aspetti chiave della Fisica Iperdimensionale


http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_CambioEra_19.htm