Rispondi a: Gregg Braden

Home Forum PIANETA TERRA Gregg Braden Rispondi a: Gregg Braden

#72023

deg
Partecipante

[quote1216212895=iniziato]
non so se ho ragione o meno, osservo e più osservo mi viene voglia di fare silenzio.
ma io parlo per me ovvio!
[/quote1216212895]

Ti capisco….
Ora abbiamo a disposizione svariate fonti d'informazione; si riesce più o meno ad individuare quelle più “sicure” in mezzo alla massa di dati che ci viene bombardato e la disinformazione sistematica.
Abbiamo purtroppo anche dei “nemici” nei nostri ranghi, sono quei siti che tendono a spettacolarizzare un certo tipo di informazione e, forse senza volerlo, la ridicolizzano la riducono a barzellette da bar.

Io credo che ci dobbiamo concentrare sui dati certi.

Un dato certo, ad esempio, è l'estensione smisurata dei poteri degli speculatori.
Qua c'è poco da scherzare, la “crisi petrolifera”, a differenza delle precedenti non rientrerà, perché l'aumento del prezzo del barile non è dovuto ai produttori, né alla richiesta maggiore dei paesi emergenti (Cina e India) bensi' unicamente alla speculazione incontrollata e incontrollabile.
Non ci sarà un terzo schock petrolifero!
Nel 1974, i paesi arabi produttori avevano deciso un embargo sul rifonimento di petrolio verso i paesi che sostenevano Israele: schock petrolifero.
Nel 1979, la rivoluzione Khomeynista minacciava la produzione e la circolazione nell'insieme del golfo Persico: schock petrolifero.
Nel 2008 invece, nessun evento politico maggiore ci puo' spiegare l'esplosione del prezzo del barile.
Che è successo?

Quando gli speculatori non hanno risultato con un prodotto, cambiano semplicemente prodotto.
Se non va bene il mattone ad esempio allora si buttano senza vergogna sul grano o il mais nonostante questi mercati.
E' un po' come mettere sul tavolo una bistecca di manzo e organizzare un'asta tra chi dispone di 1 dollaro e chi dispone di 150 dollari. Secondo voi chi mangerà? E' disumano e ingiusto.

I governi lasciano fare. Sono complici o, nel migliore dei casi ( :mah:) burattini dei mercati speculativi. E le casse degli stati continuano a svuotarsi…… E la schiavitù aumenta.

Ora ho letto ultimamente un'analisi di questa situazione che proponeva come una delle soluzione di ritirare ai mercati irresponsabili il loro ruolo di finanzieri dell'economia per ridarlo alle banche, dicendo che era più facile controllare les banche piuttosto che i milardi di dollari o di euro anonimi che circolano tutti i giorni sugli investimenti, quotati o meno. Meglio, istaurare una regolamentazione delle società puramente speculative da parte del fondo monetario internazionale per esempio…. Io non ne capisco abbastanza di economia ma non mi sembra risolutivo;

Quando pensero' di avere dati a sufficienza probabilmente, come dici tu, tacero', ma per ora avrei ancora tante di quelle domande…..
Ma capisco chi non ha più voglia di parlare….Sono convinta ad esempio che ci sono delle persone che leggono AG, anche di sfuggita, che sono molto preparate, magari in quache settore in particolare, e chi non si mettono a perdere tempo a intervenire con noi.

Vedi, oggi ad esempio, ho tirato fuori questa “soluzione per ridurre la speculazione”, proprio perché io non ci capisco niente e per provocare magari qualche risposta!

So benissimo che qualcuno qui dentro ha già un alto livello di preparazione e viene già spremuto a dovere, ma non dispero mai di scovare altri cervelli ancora disposti a condividere con noi poveri ignoranti che si sono stufati di esserlo!

E io parlo per me! :fri: