Rispondi a: il vulcano Chaiten in cile si risveglia dopo 9000 anni

Home Forum PIANETA TERRA il vulcano Chaiten in cile si risveglia dopo 9000 anni Rispondi a: il vulcano Chaiten in cile si risveglia dopo 9000 anni

#72429

sharon
Partecipante

Ebbene si, qualcosa si muove, profondamente, ma fortunatamente in nostro favore!

Dal satellite buone notizie, sembra che il nostro amato Vesuvio stia gradualmente sprofondando (subsidenza) su se stesso.

Il tappo sta cedendo, il gas fuoriuscendo, le pareti sgretolando…..praticamente la bottiglia si stà sfiatando.
Alla faccia dei catrastrofisti! :p

Questo articolo è del 2005, ma i dati satellitari recenti confermano questa evoluzione.

“Ricercatori dell’EDRA, dell’Osservatorio Vesuviano, del Dipartimento di Geofisica e Vulcanologia dell’Università degli Studi Federico II di Napoli, dall’IREA-CNR, dal Dipartimento di Scienze Geologiche e Geotecnologie dell’Università degli Studi Milano-Bicocca, con la collaborazione dello Sportello Informativo sul Vesuvio – Comune di Torre del Greco, attraverso l’Interferometria Differenziale SAR (DInSAR) ha evidenziato che il complesso vulcanico Somma-Vesuvio è interessato da un fenomeno di “spreading”(sprofondamento).
Lo “spreading” vesuviano è indotto dal peso dell’edificio vulcanico sul suo substrato duttile. Il fenomeno è dovuto agli sforzi gravitativi che, quando superano la resistenza opposta dal substrato, lasciano “sprofondare” l’edificio vulcanico. Al Vesuvio, lo studio dei dati geologici, della struttura, quelli di livellazione e di Interferometria Differenziale SAR hanno permesso, una volta integrati, di stabilire che lo “spreading” è iniziato circa 3600 anni fa e che continuerà ancora per altri sette millenni. In realtà, il vulcano scivola, si frattura e libera più facilmente i gas riducendo il suo potenziale esplosivo. Per questo la fase di “spreading” avrà un’elevata probabilità che le future eruzioni del Vesuvio saranno caratterizzate da un ridotto indice VEI (Volcanic Explosivity Index) riconducibile ad eruzioni di tipo effusivo o, al massimo, Stromboliano, piuttosto che eruzioni fortemente esplosive come quelle che interessarono l’area vesuviana nel 79 d.C. (Pliniana) e quella del 1631 (Subpliniana).”

Link [link=hyperlink url][/link] http://www.capitoloprimo.it/lapilli/?p=109

Sharon !lol