Rispondi a: Moria delle api: quali sono le cause?

Home Forum PIANETA TERRA Moria delle api: quali sono le cause? Rispondi a: Moria delle api: quali sono le cause?

#72447

deg
Partecipante

API. STOP ALL’USO DI PESTICIDI.

LE REGIONI CHIEDONO UN IMPEGNO DEL GOVERNO

Friday 25 July 2008

Un impegno serio per bloccare la sempre più drammatica situazione che sta colpendo il settore dell’apicoltura. L’iniziativa raccoglie l’approvazione di Federbio. Intanto il governo vara misure di sostegno. ape.jpgSu iniziativa dell’assessore della Regione Emilia Romagna, Tiberio Rabboni, che già si era speso nei mesi scorsi a favore di un intervento, ieri, la Conferenza Stato regioni ha formalmente chiesto al ministro dell´Agricoltura Luca Zaia e al Governo di procedere alla immediata sospensione cautelativa dell´impiego in agricoltura di alcuni pesticidi, sospettati di essere la causa principale della moria delle api.

“Il collegamento tra i pesticidi sospetti e la morte delle api – ha dichiarato Rabboni – si è progressivamente accentuato, al punto che i governi francese, tedesco e sloveno hanno già provveduto alla loro sospensione cautelativa”. “Bisogna decidere ora – ha aggiunto – per non perdere un altro anno, dal momento che la concia del mais, attività per cui vengono impiegati i pesticidi sotto accusa, viene effettuata in autunno. Il Ministro ha rinviato le decisioni ad uno specifico incontro, convocato per il prossimo 29 luglio. Mi auguro che finalmente si possa raggiungere una intesa sulle misure concrete da attuare per superare la situazione”.

“Se non ci saranno risultati concreti a livello nazionale – ha concluso Rabboni – la Regione Emilia-Romagna con il coinvolgimento delle altre Regioni interessate, valuterà l´opportunità di vietare temporaneamente, a livello regionale ed a partire dai disciplinari di produzione integrata, l´impiego di questi prodotti nella concia delle sementi. Bisogna intervenire rapidamente per contenere danni incalcolabili all´agricoltura e all´ambiente in cui viviamo”.

“L'apicoltura è un'attività importante sia per la produzione del miele sia per la conservazione dell'ambiente naturale, dell'ecosistema e dell'agricoltura”. E’ questo il commento del ministro Zaia dopo l’approvazione, alla Camera, della manovra economica 2009- 2011 che riconosce un sostegno finanziario pari a 2 milioni di euro per il settore. “Il miele è un prodotto dei territori che ne evidenzia le caratteristiche, le varietà e le peculiarità e che va tutelato e valorizzato. Per rispondere alle esigenze del settore – ha annunciato – e per valutare iniziative comuni, anche in riferimento alla moria delle api che affligge i nostri alveari, ho indetto per il 29 luglio un incontro al Mipaaf con le associazioni e le Regioni”.

Federbio approva l’iniziativa dell’assessore Rabboni.“Come settore produttivo da sempre attento alla tutela dell’ambiente e al rispetto dei cicli naturali – sostiene Paolo Carnemolla, in un comunicato diffuso – sosteniamo con forza l’iniziativa presa, augurandoci che la riunione convocata dal Ministro Zaia per il 29 luglio possa essere quella decisiva”. “Le alternative ai prodotti chimici di sintesi ci sono – dichiara il presidente di Federbio – se ci fosse un nulla di fatto a livello nazionale saremo a fianco dell’Emilia Romagna e di tutte le Regioni che prenderanno provvedimenti drastici per difendere le api e, con loro, tanta parte della nostra agricoltura” ha concluso il presidente di FederBio.
http://www.greenplanet.net/content/view/21692/26/