Rispondi a: I nostri amici pelosi

Home Forum PIANETA TERRA I nostri amici pelosi Rispondi a: I nostri amici pelosi

#73309

Anonimo

Fabian, ex padrone di Oreo, te lo posso dire? Resti tra noi: sei un gran figlio di p…… uno str…….. una gran testa di ca……. ed altro ancora. #sich

Cane giustiziato commuove gli Usa

Si era salvata per miracolo dopo essere stata scagliata dal sesto piano.
Ieri la pitbull Oreo è stata condannata a morte perchè troppo aggressiva

NEW YORK
Si era salvata per miracolo dopo che il suo padrone l’aveva gettata dal tetto di un palazzo di Brooklyn. Ieri è morta perchè ritenuta eccessivamente aggressiva. Per Oreo, pitbull femmina di due anni, l’associazione americana per la prevenzione dei maltrattamenti degli animali ha optato per l’eutanasia data la sua indole violenta che non le consente di poter vivere normalmente nè fra gli animali nè fra gli uomini. Dopo un lauto ultimo pasto, a Oreo sono stati somministrati dei calmanti e nel primo pomeriggio il cane è stato portato nei laboratori dell’Aspca per l’iniezione letale. La decisione dell’Aspca (American Society for the Prevention of Cruelty to Animals) di praticare l’eutanasia a Oreo non è passata inosservata a New York, dove una manifestazione di protesta ha avuto luogo in mattinata davanti alla sede dell’associazione nell’Upper East Side.

Email, telefonate e un accesso dibattito online hanno sommerso il sito dell’Aspca, criticata sia da altre organizzazioni no profit sia da comuni cittadini, indignati perchè a emettere la sentenza di morte per Oreo è stata proprio un’associazione per la difesa dalla violenza contro gli animali. Proteste che non sono valse a niente: l’Aspca, che dall’inizio dell’anno ha praticato l’eutanasia a 107 cani, si è mostrata irremovibile ed è andata avanti per la strada forte delle valutazioni del suo staff veterinario e di alcuni esperti esterni, secondo i quali Oreo non poteva essere riabilitata. «Abbiamo fatto tutto quello che potevano per Oreo. Siamo stati in grado di guarire le sue ferite fisiche ma per quelle psicologiche non c’è nulla da fare», ha spiegato Andy Izquierdo, portavoce dell’Aspca, l’associazione che si è presa cura della salute di Oreo dopo che il suo padrone, Fabian Henderson, l’ha lanciata dal tetto di un palazzo di sei piani. Il cane ha riportato, in seguito alla caduta, la rottura delle due zampe anteriori e diverse ferite nel resto del corpo. Oreo si è salvata, è stata curata, mentre il padrone è stato arrestato lo scorso luglio: da allora alcuni particolari sono emersi sui maltrattamenti che venivano inflitti alla povera Oreo, picchiata brutalmente – secondo le ricostruzioni – anche per mezz’ora di seguito. Henderson si è dichiarato colpevole dell’accaduto e la sentenza a suo carico sarà emessa il prossimo primo dicembre. Nonostante il miracoloso salvataggio, Oreo ora è stata messa a morte. L’Ascpa ha deciso che i maltrattamenti subiti hanno irrimediabilmente modificato la sua indole. Cittadini e organizzazioni animaliste hanno tentato fino alla fine di salvarla dal suo destino. «Non è finita. Non possiamo permettere che un’associazione per la protezione degli animali possa trascurare e abusare di un cane», aveva dichiarato Camile Hankins, direttore di Win Animal Rights. Pet Alive, organizzazione no profit che gestisce una riserva per animali a Middletown, nello stato di New York, ha cercato senza successo di ottenere la custodia di Oreo: le telefonate, le email e i messaggi via twitter non hanno ricevuto risposta. «Abbiamo un’elevata percentuale di successo in casi analoghi. Dopo tutti gli abusi già subiti da Oreo – aveva messo in evidenza Kerry Clair, co-direttore esecutivo di Pet Alive -, la soluzione non è quella di ucciderla».

Fonte: http://www.lastampa.it/lazampa/girata.asp?ID_blog=164&ID_articolo=1467&ID_sezione=339&sezione=News