Rispondi a: I nostri amici pelosi

Home Forum PIANETA TERRA I nostri amici pelosi Rispondi a: I nostri amici pelosi

#73409
sphinx
sphinx
Partecipante

Una sentenza storica per cani e altri animali
(7-14/7/2011) Licia Colò

Incredibile ma, purtroppo, vero. Decapitavano cani, capre, galline e usavano il sangue delle vittime per “battezzare” gli adepti della loro setta. Hanno cercato di giustificare questo feroce rituale, e di difendersi, trincerandosi dietro il diritto di libertà di culto e sostenendo di professare la religione Yoruba, la più diffusa nell’isola di Cuba, che prevede sacrifici animali. Ma alla fine hanno patteggiato la pena e il Tribunale di Udine, con una sentenza esemplare, li ha condannati a due mesi di reclusione, con la sospensione condizionale, per uccisione di animali, reato previsto dall’articolo 544 bis del codice penale.
“Una sentenza storica, fino a oggi senza precedenti”, l’ha definita Ilaria Innocenti, responsabile del settore Cani e gatti della Lega anti vivisezione (la Lav si era costituita parte civile al processo).
Protagonisti di questo macabro racconto sono due uomini entrambi residenti nella provincia di Udine: un sudamericano di 47 anni originario di Cuba e da tempo trasferito a Majano e un giovane imprenditore di Santa Maria di Sala (Venezia).
I fatti risalgono alla fine del 2009. Le indagini avevano preso il via dopo che la polizia municipale di San Daniele (Udine) aveva ritrovato, nei pressi dell’ex discarica di Dignano, le carcasse di quattro cani, tre boxer e un rottweiler, tutti decapitati. I cani, uccisi barbaramente e senza alcuna sedazione, erano assolutamente sani, come hanno poi confermato gli accertamenti autoptici.
Successivamente, nelle campagne di Dignano, Majano e Ragogna, erano stati ritrovati i corpi straziati di altre vittime sacrificali: capre, germani reali, galline e piccioni.
Per le modalità di svolgimento dei riti iniziatici l’inchiesta si era presto orientata verso sette d’ispirazione caraibica.
Le cronache locali avevano dato ampio risalto agli avvenimenti. Agghiacciante è il materiale fotografico, emerso nel corso delle indagini, con il quale erano stati immortalati gli atti efferati nei confronti di animali e gli inquietanti battesimi di sangue per i nuovi affiliati della setta, fra i quali, secondo le cronache, figuravano anche bambini. :&o

Una giostra fatale

Sconcerto, e proteste, dopo l’ennesimo incidente che ha provocato la morte di un cavallo durante una manifestazione locale. Questa volta il teatro dell’incidente è quello della Giostra della Quintana a Foligno (Pe­rugia): la vittima è Estrada, il cavallo di sei anni del rione Morlupo che durante le prove della Giostra ha avuto il costato trafitto da una delle bandierine che delimitano il percorso di gara. Il ministro della Salute, Fazio, ha annunciato la presentazione di un disegno di legge per rendere stabili e rafforzare le norme di tutela degli equidi contenute al momento in un’ordinanza.

Un menu ecosostenibile

[color=#ff0000]Il Consiglio regionale della Toscana avrà il suo menu ecosostenibile, e rispettoso delle scelte etiche e di salute, che premia fra l’altro i prodotti bio e a chilometro zero e i piatti vegetariani e vegani.[/color] Si è così data la prima attuazione alle Linee guida del ministero dell’Ambiente per il Piano d’azione per la sostenibilità ambientale relativo ai consumi delle pubbliche amministrazioni

Sono buone notizie. Forse il mondo sta davvero cambiando.
Forse un giorno si renderanno conto che gli animali non vanno torturati e uccisi non solo nei rituali caraibici ma anche nei macelli.
http://www.ilsalvagente.it