Rispondi a: Come risolvere..a lungo termine..la questione rifiuti?

Home Forum PIANETA TERRA Come risolvere..a lungo termine..la questione rifiuti? Rispondi a: Come risolvere..a lungo termine..la questione rifiuti?

#73605
brig.zero
brig.zero
Partecipante

[quote1270543372=brig.zero]
Appello agli iscritti di Facebook :fri:

Abbiamo creato un gruppo su facebook per dire no al Pirogassificatore. Aderite e invitate tutti quelli che conoscete ad aderire.Se saremo in tanti si potrebbe pensare a una nuova petizione o ad una manifestazione.

Il gruppo è: NO AL PIROGASSIFICATORE!! :legg:

Il Consiglio Regionale del 24 marzo scorso ha approvato a pieni voti, con la sola astensione dell’Alpe, il progetto di chiusura del ciclo dei rifiuti con un impianto di pirogassificazione.
Il Pirogassificatore non è altro che un inceneritore mascherato!
Lo stesso esperto della Regione, il Prof. Genon dice che avrà delle “ricadute in termini ambientali paragonabili a quelle di un inceneritore”.
Quando si brucia il gas si disperdono nell' aria idrocarburi aromatici policiclici, metalli pesanti, polveri sottili, nanoparticelle, che avranno delle ricadute sulla nostra salute! potenziale aumento di patologie cardiopolmonari, respiratorie e dei tumori.
Ci costerà 60 milioni di euro!
C'ERA UN ALTERNATIVA, il trattamento a freddo, che costava tre volte meno e non comportava rischi per la salute. Il Comitato Rifiuti Zero e altre associazioni hanno proposto di valutare anche questa alernativa attraverso dei seri studi ma ciò non è stato fatto. Non c'è neanche mai stato un pubblico confronto.
Facciamoli vedere che siamo in tanti a non essere d'accordo e magari cambieranno idea!
Passateparola,

Prima ci ignorano, poi ci deridono, poi ci combattono; infine vinciamo” Gandhi

GRAZIE di :cor:

Chiediamo l'adesione e la diffusione della – MANIFESTAZIONE NAZIONALE –
NO INCENERITORI – SI ALLA SALUTE – 16 – 17 APRILE A PARMA – Per la
difesa dei territori e il bene comune.
:bravo:

http://www.facebook.com/event.php?eid=374113117632

http://www.gestionecorrettarifiuti.it/
[/quote1270543372]

Fattori ambientali inquinanti provocano un aumento dell'83% di malformazioni neonatali nei cittadini campani

Salute. Ricerca ‘made in Italy’ trova l’origine dell’endometriosi. Una malattia che in Italia colpisce tre milioni di donne. Malformazioni neonatali: La percentuale di malformazioni, ogni cento nascite, di bambini concepiti in Campania è di 3,6% Più bassa invece la percentuale di malformazioni nelle altre basi navali all’estero: 2,35%.

Individuata nel feto l’origine dell’endometriosi. Sono state trovate, infatti, cellule di endometrio al di fuori dell’utero di feti femminili già alla 16esima settimana di vita intrauterina, in una percentuale compatibile a quella riscontrata nella popolazione femminile adulta (10-15%). La scoperta, tutta italiana, è stata fatta da Pietro Giulio Signorile, Presidente della Fondazione Italiana Endometriosi Onlus in collaborazione con i ricercatori dell’Università Federico II e della II Università ambedue di Napoli, dell’Università di Trieste e del Cnr di Napoli. L’endometriosi è una malattia che, in Italia, colpisce tre milioni di donne, 14 milioni in Europa e 150 milioni in tutto il mondo, soprattutto donne giovani tra i 12 e i 45 anni, e che ha costi sociali ed economici rilevanti per i sintomi a cui la patologia si accompagna: rapporti sessuali dolorosi, infertilità, dolore pelvico, mestruazioni dolorose e stanchezza fisica. I primi sintomi si manifestano con l’arrivo delle mestruazioni, quando nell’ organismo femminile cominciano ad attivarsi i fattori di crescita, tra cui gli estrogeni. Dello studio si è parlato questa mattina nel corso di un convegno, “High Tech in Endometriosi ed Infertilità” promosso dalla Fondazione e patrocinato, tra gli altri, dal Presidente della Repubblica. “Sulla endometriosi – spiega ad Apcom Signorile a margine del convegno – sono state postulate molte teorie andate avanti per centinaia di anni, da quando la malattia è stata scoperta per la prima volta nel 1690. Noi ci siamo focalizzati su una di queste teorie, quella embrio-genetica per dimostrarne la veridicità: abbiamo esaminato all’Università di Napoli 36 feti femminili (forniti dall’Università di Trieste) e nell’11% di essi abbiamo trovato cellule di endometrio ectopico, cioè al di fuori della sede naturale che è l’utero. La presenza di tessuto endometriale fuori dall’utero, dà una validazione della teoria embrio-genetica”.
“Dopo 319 – continua Signorile – abbiamo, per la prima volta nel mondo, dimostrato scientificamente l’origine della malattia che passa da cronica a congenita e cioè presente nel soggetto femminile sin dall’età fetale, una condizione che deriva da un minimo disturbo dell’organogenesi dell’apparato genitale del feto e che fa sì, che queste cellule, invece, di stare nella loro sede naturale, si trovino fuori di essa”. Studi su modello animale, ha detto poi Signorile, addebitano la malattia ad una famiglia di geni che presiedono ad un normale sviluppo dell’apparato genitale. “Molto probabilmente – sottolinea – alterazioni di uno o più di questi geni potrebbero essere dovute a fattori ambientali che alterano la loro espressione, come inquinanti o estrogeni, abbiamo riscontrato che esponendo topi a sostanze come bisfenoli provocano malformazioni dell’apparato genitale e forme di endometriosi nei loro discendenti.
Per ora, secondo indagini da noi effettuate, non possiamo parlare di cause familiari, ma su questo siamo ancora nel campo delle ipotesi, ci vorranno verifiche per confermare l’origine genica della malattia. Attualmente siamo impegnati a ricercare il meccanismo che determina il difetto nel feto “. Per il futuro gli sforzi sono tutti orientati per verificare i meccanismi che sono alla base di questo disturbo e, una volta individuati, allora si apriranno tutte le prospettive nella prevenzione, diagnosi e terapia per l’endometriosi.

Gli studi dell'istituto superiore della sanità, ancorchè in ritardo fortissimo, confermano un aumento sino all' 83% delle malformazioni neonatali nei cittadini campani residenti in prossimità di discariche sia autorizzate che abusive.
le malformazioni riguardano sopratutto due sistemi:
*Apparato Urogenitale
*Sistema Nervoso Centrale
Cioè i due sistemi più stimolati alla crecita nel periodo di vita intrauterino e neonatale.
Come Medico cattolico, devo sottilineare che tutte le informazioni, comprese quelle provenienti dalla marina militare USA ( vedi articolo), sono ormai concorde a conformare non solo la prevalente origine da disastro ambientale e di uno statisticamente significato aumento di danni alla salute.
Spesso vengo criticato per usare toni eccesivi, ma si possono toni diplomatici quando ti accorgi di questo immane disastro ambientale?
Di questo Genocidio Intrauterino?
Neanche Hitler è arrivato a tanto
Vigliacco è assasino chi tace e quindi accosente!
Non esiste posto di primario o direttore che possa giustificare Mai il colpevole silenzio su un Genocidio addiritura prenatale.

Antonio Marfella
Tossicologo Oncologo
ISDE NAPOLI (Medici per l'Ambiente)
Difensore Civico Assise di Palazzo Marigliano

http://antoniomarfella.blogspot.com/2010/04/salute_5553.html


https://www.facebook.com/brig.zero