Rispondi a: Cerchi nei campi di grano

Home Forum MISTERI Cerchi nei campi di grano Rispondi a: Cerchi nei campi di grano

#7933
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1343381950=Richard]
[quote1342967369=Richard]

cropcircleconnector.com
Wanborough Plain, nr Liddington, Wiltshire. Reported 1st July.
http://www.cropcircleconnector.com/2012/wanboroughplain/wanboroughplain2012a.html
[/quote1342967369]

cropcircleconnector.com http://www.cropcircleconnector.com/2012/wanboroughplain/wanboroughplain2012b/wanboroughplain2012b.html
[/quote1343381950]

——-
https://www.altrogiornale.org/news.php?item.7394.1
Cos'è il codice? E' un modello fondamentale che rivela come l'energia agisce nell'universo. A livello basilare consiste in un toroide, un vortice di energia a forma di ciambella esistente in tutte le scale, unito al Vector Equilibrium (VE), la struttura dello spazio stesso

( http://en.wikipedia.org/wiki/Synergetics_(Fuller) Synergetics is the empirical study of systems in transformation http://www.laetusinpraesens.org/docs80s/80vecteq.php )

(” Riassumendo l'energia del vuoto è la fonte di tutto ed è discreta, a “pacchetti” incredibilmente piccoli. Questa energia densissima ci circonda e fluttua, fluttuazioni miliardi di volte piu piccole dell'atomo e permeano tutto, sono come “pixel” nella scala di planck come dimensione. Si organizzano in vortici di diversa dimensione, sono ovunque attorno e dentro di noi, ogni atomo del corpo è prodotto da essi. Questi creano confini che ci danno il senso di solidità, tocchiamo “spazio vuoto solido”.”
“La conta dei pixel è principio olografico e facendolo per il protone, il sole, la galassia, l'universo ecc.. vediamo il legame dei micropixel che si organizzano in modo frattale, un immensa struttura frattale
https://www.altrogiornale.org/_/forum/forum_viewtopic.php?82557.574#post_134923 )

.. Stan Tenen illustra anche come l'alfabeto si riveli perfettamente sulla struttura del Vector Equilibrium, con le ‘Tagin crownlets” che identificano gli assi di rotazione.
potete creare diverse lettere dell'alfabeto Ebraico con la forma toroidale

Altri elementi importanti sono l'ottaedro (formato da sei sfere adiacenti) ed il cosiddetto vector equilibrium (equilibrio di vettori) che è il risultato di dodici sfere che si associano ad una tredicesima sfera centrale in configurazione compatta, coordinata sempre ad angolazioni di 60 gradI
https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.5055

Il VE – Equilibrio di Vettori
La struttura sottostante al toroide è l'Equilibrio di Vettori o “VE”. E' lo stampo col quale la natura trasforma energia in materia. Buckminster Fuller, uno degli inventori più produttivi del 20° Secolo, ha coniato il termine Vector Equilibrium. Lo ha chiamato così perchè il “VE” è l'unica forma geometrica dove tutti i vettori di forza sono uguali e bilanciati. Le linee di energia (vettori) sono di uguale lunghezza e forza. Rappresentano l'energia d'attrazione e repulsione, come quella che sentite usando dei magneti.
Potete osservare il “VE” nel mondo materiale, perchè è la geometria del bilanciamento assoluto. Ciò che sperimentiamo sulla Terra si espande verso e si contrae allontanandosi dall'equilibrio assoluto. Come un'onda che si alza dalla superficie di un mare tranquillo, una forma materiale nasce (si dispiega) dal plenum di energia (che i fisici ironicamente definiscono “vuoto”!) e muore (si ripiega) nuovamente in esso. Il VE è come la madre immaginaria, ma invisibile, di tutte le forme e simmetrie che vediamo nel mondo.
https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7373

Il “VE”, per semplicità, è la forma di energia in perfetto stato d'equilibrio. Questo, secondo Fuller e numerosi altri ricercatori che lo hanno seguito, è la struttura di base del campo spaziotemporale nel suo stato di punto zero o stato di Campo Unificato, dove tutti i vettori di energia sono uguali in forza e fase, creando così una somma totale di zero.
https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7855

Altra caratteristica unica del VE è l'abilità di contrarsi ed espandersi dinamicamente in pulsazione spiraleggiante sia in simmetria sinistrorsa che destrorsa. Si tratta del “jitterbugging”, come diceva Fuller, che mette in movimento, letteralmente, le dinamiche energetiche dello spaziotempo che risultano in tutte le cose manifeste. Un differenziale di ogni sorta (pressione, carica, froza, spin), sposta il campo fuori dall'equilibrio, nasce la dualità, una differenza osservabile, una relazione, il nulla diviene qualcosa, si manifesta una entità. Come esploreremo nella sezione Cosmometry 201, per questa dinamica pulsante inerente, il VE può essere visto come la forma “madre” da cui derivano tutte le altre forme strutturali.
https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7855

—-
10 Luglio 2010
Guys Cliffe, nr Old Milverton (Warwickshire)
http://www.ufonetwork.it/cerchi_10.asp#!prettyPhoto/13/