Rispondi a: Beppe Grillo

Home Forum PIANETA TERRA Beppe Grillo Rispondi a: Beppe Grillo

#79963
farfalla5
farfalla5
Partecipante

Non bisogna mai estremizzare sull'alimentazione, altrimenti si rischia di fare ancora peggio, e la dieta vegetariana deve essere molto equilibrata e ben studiata, altrimenti si rischiano problemi di salute a lungo andare, inoltre è bene passare gradualmente da uno stile di alimentazione all'altro per non creare shock all'organismo e anche al nostro equilibrio mentale ed emozionale.
——————————————————————————————————————-
Una
donna che vantava la sua grandezza, disse: “Maestro, io sono veramente pura.
Da decenni non mangio un pezzo di carne” (Yogananda raccomandava ai devoti
di seguire una dieta vegetariana; alla Self-Realization Fellowship è sempre
stato servito cibo vegetariano).

Egli la lasciò divagare per un po', dopo si volse verso di me e disse:
“Vorrei che tu le portassi un panino al prosciutto. Potrebbe farle del
bene”. Il Maestro non voleva che la gente avesse un atteggiamento
feticistico verso ciò che mangiava. Una volta un uomo in chiesa si stava
vantando di quanto succo di carote beveva ogni giorno. Il Maestro gli disse:
“Non servirà ad altro che a mantenerti a questo stadio un po' più a lungo”.
——————————————————————————————————————-

Sai Baba ed il Vegetarism, anche Swami ha parlato molte volte del Vegetarismo. Per Veganitalia ho scelto due brani, tratti, rispettivamente, dai discorsi e da “Sai Baba parla all'Occidente”. Sai Ram. Alcuni dicono: “Voi siete vegetariani; ma quando tagliate le verdure esse soffrono!” Per la Verità, le verdure non sono sensibili alle azioni che compiamo su di loro. Solo l'uomo, infatti, è composto dai cinque involucri: Annamaya Kosha (corpo fisico); Pranamaya Kosha (copro dell'energia vitale); Manomaya Kosha (corpo mentale); Vijnanamaya Kosha (corpo della saggezza), Anandamaya Kosha (corpo della Beatitudine). Le verdure, gli alberi, insomma, tutto il regno vegetale è composto solamente dal prana, dall'energia vitale (Pranamaya Kosha) ma non dalla mente; Non possedendo il corpo mentale (Manomaya Kosha), i vegetali non soffrono. E non è tutto. Non possiedono nemmeno Vijnanamaya Kosha, l'involucro della Saggezza. Quando tagliamo della verdura o della frutta, esce dell'acqua. Qualcuno potrebbe pensare: “Cielo! Il vegetale sta piangendo perché lo sto tagliando! Sta versando lacrime!” Ma quella non è altro che semplice acqua, non lacrime di dolore. C'è dolore, infatti, solo quando c'è un cervello, una mente, e lo stesso vale per la felicità. Solo colui che ha la mente, può provare Beatitudine. Gli esseri umani hanno la mente, anche gli animali, gli uccelli e le bestie hanno la mente; vermi ed insetti hanno una mente, Mmentre il regno vegetale possiede solo l'involucro dell'energia vitale, ma non quello della ente. di conseguenza, non c'è ragione di pensare che si infligga della sofferenza a ciò che non ha mente, ed è ovvio che non ci sia in questo caso violenza. Un essere privo di mente non soffrirà mai. La cultura di un popolo si riconosce, tra l'altro, dai suoi riti, cioè dai suoi modi. La riconosci anche dalle sue abitudini alimentari. Le abitudini alimentari di molti popoli sono piuttosto spaventose. Presso molti non vi è quasi un piatto senza pesce o carne. La cucina vegetariana per molti è ancora qualcosa di esotico. Rifletti sempre: tu diventi ciò che mangi. Con il cibo si immettono così tante sostanze nel corpo, che mi meraviglia che innumerevoli persone si preoccupino così poco di quello che mangiano. Chi mangia carne sviluppa qualità animalesche e dolori. Inoltre, nel suo sviluppo spirituale, non può uscire da un certo livello. Se qualcuno ritiene diversamente, dimostra solo di non conoscere le grandi interdipendenze. Considerata sotto questo aspetto, la cultura di un popolo si esprime specialmente nella sua cucina. Un popolo che ritiene naturale la cucina Vegetariana, Io lo ritengo altamente sviluppato. Il cibo Vegetariano si diffonderà sempre di più. La Consapevolezza aumenterà, la mentalità cambierà fondamentalmente. Ora molti popoli si trovano in un vicolo cieco. Un fondamentale cambiamento del pensiero, a tutti i livelli, incluse le abitudini alimentari, sarà la loro Salvezza. Deve avvenire presto, perché resta solo poco tempo.


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.