Rispondi a: Non Abbiamo Bisogno del Nucleare

Home Forum PIANETA TERRA Non Abbiamo Bisogno del Nucleare Rispondi a: Non Abbiamo Bisogno del Nucleare

#80472

patrizia.pr
Partecipante

Con le rinnovabili fuori dalla crisi31/03/2009 – Gabriele Bindi

Mentre i grandi della terra discutono di nucleare e l'economia affonda nella crisi più nera, continua l'ascesa delle energie rinnovabili. Una speranza concreta di futuro che è già realtà. In Italia il fotovoltaico va a gonfie vele, mentre in Germania vanta già 240 mila posti di lavoro in più..

Il rapporto 'Clean energy trend 2009' di Clean Edge, sottolinea che al livello globale il 2008 è stato un anno record per le rinnovabili, con una crescita nella misura del 50% dei ricavi di fotovoltaico, eolico e biocarburanti, passati da quasi 76 miliardi di euro a 115,9 miliardi.

Il trend più marcato è quello dell'eolico, che ha ormai toccato la cifra record dei 50 miliardi di dollari.
Per la società californiana, nel medio e lungo termine la crescita del settore delle rinnovabili dovrebbe però proseguire, mentre nel 2009, a causa della crisi internazionale, potrebbe segnare invece una battuta d'arresto, o entrare in fase di ripensamento.

In italia però il trend è roseo e supera quello dello scorso anno. Nel corso del 2009 si prevedono installati ulteriori 500 MW di potenza fotovoltaica, pari al doppio della potenza entrata in esercizio nel 2008. Lo ha dichiarato Gerardo Montanino, direttore operativo GSE. L'incremento della potenza installata comunicata al GSE è di 40 MW nel mese di gennaio 2009, 60 MW a febbraio 2009 e presumibilmente oltre 80 MW in tutto il mese di marzo”.

A oggi sono pervenute al GSE complessivamente oltre 33.000 domande di ammissione agli incentivi, per una potenza di circa 430 MW.

Lo studio di Clean Edge, sulle dinamiche globali del settore, sottolinea con forza che le rinnovabili possano essere un'opportunità concreta di nuova occupazione. Nei prossimi 10 anni, si legge nel rapporto, il fotovoltaico contribuirà a creare oltre 1,34 milioni di nuovi occupati a livello mondiale (da 190 mila impieghi attuali); per l'eolico si arriverà a 1,31 milioni (da 400 mila), mentre per il settore dei biocarburanti si passerà dai 600 mila attuali a oltre 2,65 milioni. Cifre che non sembrano essere inverosimili se si prende in esame l'esempio della Germania, che dal 2000 ha più che raddoppiato le energie rinnovabili, creando 240.000 nuovi occupati nel settore.

Fonte: Help Consumatori