Rispondi a: Il tetraedro di Zanfretta e negli studi di Wilcock: quale connessione?