Rispondi a: Anno 2012 un consiglio dalla Self-Realization Fellowship

Home Forum PIANETA TERRA Anno 2012 un consiglio dalla Self-Realization Fellowship Rispondi a: Anno 2012 un consiglio dalla Self-Realization Fellowship

#84313
Richard
Richard
Amministratore del forum

Esatto, quello che cerco di dire da tempo, quello che cerca di fare Wilcock avendo studiato questi segreti della coscienza e quindi cerca di fornire una visione positiva di quello che accade perchè i pensieri collettivi sono una forte preghiera, quello che poi dicono gli stessi Maya di oggi:
https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.1160
“Barrios è storico, antropologo e ricercatore. Dopo aver studiato per 25 anni con gli anziani, iniziando all'età di 19, è diventato anche un Ajq'ij Maya, sacerdote officiante e guida spirituale del clan dell'Aquila.

Anni fa Carlos iniziò insieme al fratello Gerardo una ricerca sui diversi calendari Maya; studiò con molti maestri e dice che, per ampliare l'ambito delle loro conoscenze, Gerardo intervistò più di 600 anziani Maya. Barrios ha affermato:”Gli antropologi visitano i templi, leggono steli ed iscrizioni e confezionano storie sui Maya, tuttavia non interpretano i segni in modo corretto, lavorano solo di immaginazione… Altri scrivono delle profezie nel nome dei Maya; dicono che il mondo finirà nel dicembre del 2012. Gli anziani Maya sono furibondi per questo; il mondo non finirà, sarà trasformato. Sono gli indigeni – non altri – a possedere i calendari ed a sapere come interpretarli correttamente”.”

Però siamo così drogati e dipendenti dalla paura, dallo sconforto, dalla tristezza, tutte emozioni che i mass media ci procurano a volontà (direi non a caso..), che se uno parla di ottimismo risulta un povero illuso ingenuo, se uno parla di pessimismo viene rincorso da masse intere di appassionati..almeno questa è la mia impressione.
Il punto non è da chi viene rincorso e da quanti, il punto è un insegnamento:

Il mondo che visualizziamo nella nostra mente è poi il mondo che vediamo nella realtà.
Più creiamo coerenza con le informazioni che immettiamo nel “vuoto intelligente” e più quel tipo di coerenza si materializza, più pensiamo assieme in massa in modo coerente e più quel tipo di pensiero si materializza.
Ciò che cerca di spiegare Wilcock, e che quindi io ho deciso di aiutare a diffondere perchè deriva da profonda ricerca seria, è anche che vedendo il flusso del tempo come una spirale, man mano il tempo che passa dal “pensiero” alla materializzazione diminuisce, gli eventi accelerano fino ad un punto di implosione, il punto finale della spirale che sarebbe nel 2012 e da li riparte il nuovo ciclo.
Che poi si tratti del 2012 o meno non importa, questi concetti sono validi in generale.

Nassim Haramein da un punto di vista anche puramente scientifico sta cercando di dimostrarlo e spiegarlo:

[youtube=425,344]3VkuqDABTMo

Nel contesto della mia teoria, la sincronicità inizia ad avere senso. Perchè all'improvviso hai bisogno di un certo tipo di avvocato o un certo tipo di persona per fare un lavoro e all'improvviso appaiono nel tuo campo

20sec dal nulla, incontri qualcuno al negozio, inizi a parlare con loro e trovi le giuste persone per fare il lavoro, ecc…ecc..
le persone nel contesto del modello standard, dove le cose avvengono come risultato di eventi casuali, questo è molto difficile..

46 sec nel contesto di questa teoria invece ha assolutamente senso: il vacuum (“vuoto”) auto-organizza tutto, riceve tutte le informazioni e risponde con la realtà basata sull'informazione che riceve

1:03 quindi un individuo sempre più consapevole di sè, più consapevole della sua relazione col vacuum, della relazione col Campo, diventa più bravo a fornire informazione al vacuum e il vacuum migliora nel rispondere con la manifestazione, che diviene più veloce e accurata

1:32 così le sincronicità vissute dalla persona aumentano improvvisamente finchè pensi a qualcosa e questa accade, però è sempre un pò diversa da quello che immagini, perchè quello che mandi all'universo, torna indietro modificato, perchè è stato modificato dalle informazioni inserite da tutti gli altri nel vacuum

1:59 QUINDI E' MOLTO IMPORTANTE CHE SAPPIATE CHE VOI CREATE LA VOSTRA REALTA' , ma anche che la REALTA' CREA VOI, c'è un feedback, un'assoluta coordinazione della creazione che avviene come risultato della struttura del vacuum

————–
Insisto con queste fonti solo per dire che le parole che ci manda la SRF stanno entrando anche nei libri di scienza, stanno tornando nei libri di scienza direi, non prendiamole solo per concetti puramente filosofici.