Rispondi a: Inneres Auge – Terzo occhio – Battiato

Home Forum PIANETA TERRA Inneres Auge – Terzo occhio – Battiato Rispondi a: Inneres Auge – Terzo occhio – Battiato

#85269
InneresAuge
InneresAuge
Partecipante

Vi vorrei segnalare un interpretazione, a cui non avevo mai pensato, molto approfondita della stupenda canzone “La Cura” di Battiato, e che mi risultava un po' equivoca finché non ho capito il vero significato …e ai miei occhi è diventata ancora più commovente.

[youtube=]_IldsVLoXLk

analisi critica al testo della canzone

Ho spesso ascoltato e apprezzato questa canzone: e mi sono sempre posto la domanda “cosa vuole dire?”. Una volta, verso metà canzone ho avuto un insight: “Eureka! ho capito cosa vuol dire!” [Eureka]

Ho qui esposto di seguito le impressioni, dopo una ricerca accurata, di quel momento di ispirazione.

Tra parentesi quadre trovate alcune note a fondo pagina, riferimenti bibliografici o web.

Una “preghiera al contrario”

E' questa, in sostanza, il senso dell'Eureka. Questa canzone è una vera e propria preghiera. Ma al contrario, cioè in senso inverso: normalmente le preghiere sono un dialogo fra l'uomo (la creatura) e Dio. Il verso del dialogo è trascendente, mistico: dall'uomo verso Dio; Nella preghiera l'uomo parla e Dio ascolta [preghiera]. In questa canzone è il contrario. E' Dio che parla all'uomo, che si rivolge alla sua creatura, dicendogli cosa Egli desideri e cosa farà per lui.

Alcune interpretazioni che ho visto girando in rete parlano della canzone come una canzone d'amore: il prendersi cura della persona amata, ad esempio. Questa è certamente una interpretazione corretta, perché è indubbio che è di amore che la canzone parla; tuttavia questa interpretazione non esaurisce nel dettaglio e non spiega tutti i versi: ritengo che l'ipotesi della “preghiera al contrario” sia più in linea e spieghi bene ogni singolo verso del testo. Vedremo qui in seguito in dettaglio come e perché. Riprenderemo in seguito questo discorso, e vedremo come l'interpretazione “preghiera al contrario” in realtà non esclude l'ipotesi “canzone d'amore”, ma anzi: la prima comprende, e implica, la seconda.

fonte -> continua -> fonte: http://la-cura-franco-battiato.blogspot.com/


Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
- Franco Battiato