Rispondi a: Acqua e ominide precursore dell'uomo

Home Forum MISTERI Acqua e ominide precursore dell'uomo Rispondi a: Acqua e ominide precursore dell'uomo

#8667

deg
Partecipante

Ben tornato tra noi Muddy. :amicil:
Il tuo contributo è sempre prezioso!

Questa tematica dell'ominide acquatico mi è assolutamente nuova. Interessante.

La teoria della scimmia acquatica suggerisce che, milioni di anni fa, la divergenza fra la linea evolutiva umana e quella degli altri primati avvenne perché un grande numero di predecessori comuni fu costretto a vivere per alcuni milioni di anni in un habitat umido, anzi semi acquatico.

Allinizio questa teoria sembra bizzarra, ma sono state raccolte numerose prove in suo favore.[…] -Uno di questo è limportanza dellacqua nellevoluzione umana. Per sviluppare il cervello di grandi dimensioni proprio degli ominidi, è necessaria una sostanza chimica chiamata DHA. La mancanza di DHA nel cibo reperibile nella savana è stato un altro punto a sfavore dellipotesi della savana.

Però il DHA abbonda nella catena alimentare marina, e questo potrebbe indicare che i primi ominidi passarono molto tempo nellacqua o vicino ad essa. -Gli umani sono classificati come primati, lordine di animali che comprende anche le scimmie. Fra le centinaia di specie di primati, solo gli umani sono nudi. Ci sono due tipi di habitat che producono mammiferi nudi: quelli sotterranei e quelli acquatici. Salvo rarissime eccezioni, le specie mammiferi carenti o mancanti di pelliccia o vivono nellacqua, come balene e delfini, o passano molto tempo nellacqua o nel fango, come suini ed elefanti.

Un'altra considerazione importante è che la pelliccia fornisce un buon isolamento termico per i mammiferi terrestri, ma nellacqua la miglior protezione è uno strato di grasso. Gli umani sono i più grassi fra tutti i primati: nel nostro corpo ci sono dieci volte più cellule grasse di quanto avvenga di norma in altri primati delle nostre dimensioni. Ancora una volta, ci sono due tipi di animali che hanno percentuali importanti di grasso, quelli che vanno in ibernazione e quelli che vivo nellacqua. Il grasso degli umani, come negli animali acquatici, si trova perlopiù sotto la pelle, anziché essere accumulato internamente come avviene negli altri mammiferi terrestri. -Gli umani sono i soli mammiferi che camminano su due gambe.

Camminare eretti è molto più difficile che camminare a quattro zampe. Una volta gli scienziati credevano che i primi uomini avessero anzitutto sviluppato un cervello ampio, che li portò alluso di strumenti, e poi avessero incominciato a camminare con stazione eretta. Secondo questa ipotesi, gli umani avrebbero incominciato a camminare su due gambe per avere le mani libere di usare le nuove armi.

Però i dati fossili ci mostrano che gli antenati umani hanno iniziato a camminare su due gambe prima che i loro cervelli si ingrandissero e prima di cominciare a usare strumenti. I sostenitori della AAT fanno notare che se lhabitat delluomo primitivo era soggetto ad inondazioni, egli avrebbe avuto un ottimo motivo per alzarsi sulle gambe posteriori: per tenere la testa sopra il livello dellacqua.

Oggi ci sono solo due altre specie di primati che vivono sul terreno e qualche volta camminano in posizione eretta: entrambe sono scimmie che vivono in aree paludose o in foreste che sono inondate periodicamente. Pochi scienziati sono convinti che la teoria della scimmia acquatica spieghi completamente levoluzione dei primi ominidi, ma non è facile ignorarla. http://zenoteo.blog.excite.it/archive/month/200602