Rispondi a: difetti di pronuncia, mancinismo e fisiognomica

Home Forum MISTERI difetti di pronuncia, mancinismo e fisiognomica Rispondi a: difetti di pronuncia, mancinismo e fisiognomica

#8758

patrizia.pr
Partecipante

[quote1236066682=ezechiele]
nella vostra esperienza o con i vostri studi avete mai riflettuto sul fatto che difetti di pronuncia (la erre moscia, la pesseta, la balbuzie) o particolarità fisiognomiche o comportamentali (mancinismo, evidenze varie) possano coincidere con una diversa origine/provenienza/predisposizione elle anime incarnate?

dovuta premessa:

mi porta alla riflessione il fatto che trovo sempre più spesso analogie di vario tipo fra persone che, in modo diverso, contribuiscono alla mia e alla nostra evoluzione,

se non propongo io per primo un'opinione non e' per “giocare di rimessa” ma perche' porterei alla discussione solo presunzione ed ignoranza,

inutile dire che spero di leggere la vostra….
[/quote1236066682]

Intrigante quesito ma penso non sia mai stato fatto uno studio del genere per poter avere dati abbastanza precisi, io ho potuto sondare, ma purtroppo non approfondire la morfopsicologia e mi ha affascinata.

La morfopsicologia è più introspettiva della fisiognomica, è lo studio della personalità — psiche — attraverso i tratti del volto — morfo — elaborato, a differenza della fisiognomica non in modo analitico e statico ma in continua trasformazione dinamica; ogni singolo elemento del volto assume, e a sua volta dà, significati diversi a secondo del contesto in cui si inserisce.

La Morfopsicologia oggi, è presentata da Jean Spinetta, ma nasce in Francia nella prima metà del ‘900 per merito del Dr. Louis Corman, psichiatra e psicologo infantile.
E' uno strumento che può essere di grande aiuto per la comprensione non solo degli altri ma anche in primo luogo di noi stessi; ci aiuta a capire meglio l’evolversi della nostra personalità, offrendoci l’opportunità, attraverso la consapevolezza di tutti i nostri potenziali, di comprendere che nulla è dato per scontato o definito e che l’essere umano è in continua trasformazione.

Capire l’evoluzione dell’individuo e trovare come le varie tappe della vita siano state vissute ed integrate nella loro complessità è uno dei grandi meriti della Morfopsicologia che rendendo la psicologia concreta e visibile, la pone alla portata di tutti.
http://www.morfopsicologiaitalia.it/storia.html

Alla luce di ciò, potrebbe un rettiliano evolvendosi trasformarsi in un'altra tipologia somatica?
Se il volto si trasforma con l'evoluzione dell'individuo viene a decadere la caratteristica che lo pone in una certa categoria, l’essere umano non è statico.

Resta solo il mancinismo, coercibile, ma istintivamente irreversibile.
I difetti di pronuncia si possono correggere con la logopedia.
La balbuzie sintomo di insicurezza, con una buona terapia psicologica guarisce, è provato che il balbuziente se non si sente mentre parla, non balbetta più.
Lo strabismo è correggibile con esercizi ortottici.

Per cui il mio dotto contributo è -|-
:bay: