Rispondi a: Il vero scopo degli OGM

Home Forum PIANETA TERRA Il vero scopo degli OGM Rispondi a: Il vero scopo degli OGM

#87624

windrunner
Partecipante

Incredibile, nonostante la legge vieti la coltivazione OGM, i pro-ogm vanni avanti e coltivano nella più totale indifferenza… ops, ho parlato di legge???

Sono nate le prime sei piantine illegali di mais Ogm, in seguito alla semina avvenuta lo scorso 25 aprile in un podere non meglio precisato della provincia di Pordenone

Ne ha dato notizia, nel suo sito Internet, il Movimento Libertario, protagonista della semina clandestina assieme agli Agricoltori Federati. E il il Prefetto di Pordenone proprio su questa questione ha incontrato i vertici di Futuragra, il sodalizio di Vivaro (Pordenone) che per primo ha adito le vie legali per poter seminare organismi geneticamente modificati, ma che in questa fase ha preferito attendere una sentenza del Tribunale, piuttosto che seguire la strada dell'azione clamorosa messa in atto dalla sigla sindacale friulana. La cosa però sconcertante è che tutto questo accade di fronte alla TOTALE indifferenza e immobilità di associazioni, enti locali e autorità competenti. Mentre in Italia la situazione si evolve in questa direzione, in Germania un gruppo di circa 40 tra società e associazioni tedesche ha fatto ricorso alla Corte di giustizia Ue del Lussemburgo contro la coltivazione in Germania della patata transgenica Amflora del gruppo Basf. L'iniziativa segue il via libera a questa coltura in Europa, per uso industriale, dato dalla Commissione Ue lo scorso marzo. Il gruppo, denominato 'Buendnis Aktion Gen-Klage', punta ad annullare la decisione di Bruxelles poichè – sostiene – la misura viola la legge Ue. Il timore, ha spiegato oggi l'Alleanza tedesca per l'ambiente e la protezione della natura (Bund), è che la patata geneticamente modificata possa far scattare una resistenza agli
antibiotici negli esseri umani, anche se l'autorizzazione dell'Ue non riguarda le colture per uso alimentare.

Fonte: http://aamterranuova.it/article4590.htm